Ricordo di Aldo Capitini

ALL’ASCOLTO DI ALDO CAPITINI CONTRO IL FASCISMO E LA VIOLENZA

La mattina di venerdi’ 14 maggio 2021 presso il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo si e’ svolto un incontro di studio sul tema “All’ascolto di Aldo Capitini contro il fascismo e la violenza”.
Nel corso dell’incontro sono stati letti e commentati due testi di Alda Capitini: “La mia opposizione al fascismo” e “Principi dell’addestramento alla nonviolenza” (entrambi sono allegati in calce).
*
Una minima notizia su Aldo Capitini
Aldo Capitini e’ nato a Perugia nel 1899, antifascista e perseguitato, docente universitario, infaticabile promotore di iniziative per la nonviolenza e la pace. E’ morto a Perugia nel 1968. E’ stato il piu’ grande pensatore ed operatore della nonviolenza in Italia. Tra le opere di Aldo Capitini: la miglior antologia degli scritti e’ ancora quella a cura di Giovanni Cacioppo e vari collaboratori, Il messaggio di Aldo Capitini, Lacaita, Manduria 1977 (che contiene anche una raccolta di testimonianze ed una pressoche’ integrale – ovviamente allo stato delle conoscenze e delle ricerche dell’epoca – bibliografia degli scritti di Capitini); ma notevole ed oggi imprescindibile e’ anche la recente antologia degli scritti a cura di Mario Martini, Le ragioni della nonviolenza, Edizioni Ets, Pisa 2004, 2007; delle singole opere capitiniane sono state recentemente ripubblicate: Le tecniche della nonviolenza, Linea d’ombra, Milano 1989, Edizioni dell’asino, Roma 2009; Elementi di un’esperienza religiosa, Cappelli, Bologna 1990; Colloquio corale, L’ancora del Mediterraneo, Napoli 2005; L’atto di educare, Armando Editore, Roma 2010; cfr. inoltre la raccolta di scritti autobiografici Opposizione e liberazione, Linea d’ombra, Milano 1991, L’ancora del Mediterraneo, Napoli 2003; gli scritti sul Liberalsocialismo, Edizioni e/o, Roma 1996; La religione dell’educazione, La Meridiana, Molfetta 2008; segnaliamo anche Nonviolenza dopo la tempesta. Carteggio con Sara Melauri, Edizioni Associate, Roma 1991. Presso la redazione di “Azione nonviolenta” (e-mail: azionenonviolenta at sis.it, sito: www.nonviolenti.org) sono disponibili e possono essere richiesti vari volumi ed opuscoli di Capitini non piu’ reperibili in libreria (tra cui Il potere di tutti, 1969). Negli anni ’90 e’ iniziata la pubblicazione di una edizione di opere scelte: sono fin qui apparsi un volume di Scritti sulla nonviolenza, Protagon, Perugia 1992, e un volume di Scritti filosofici e religiosi, Perugia 1994, seconda edizione ampliata, Fondazione centro studi Aldo Capitini, Perugia 1998. Piu’ recente e’ la pubblicazione di alcuni carteggi particolarmente rilevanti: Aldo Capitini, Walter Binni, Lettere 1931-1968, Carocci, Roma 2007; Aldo Capitini, Danilo Dolci, Lettere 1952-1968, Carocci, Roma 2008; Aldo Capitini, Guido Calogero, Lettere 1936-1968, Carocci, Roma 2009. Tra le opere su Aldo Capitini: a) per la bibliografia: Fondazione Centro studi Aldo Capitini, Bibliografia di scritti su Aldo Capitini, a cura di Laura Zazzerini, Volumnia Editrice, Perugia 2007; Caterina Foppa Pedretti, Bibliografia primaria e secondaria di Aldo Capitini, Vita e Pensiero, Milano 2007; segnaliamo anche che la gia’ citata bibliografia essenziale degli scritti di Aldo Capitini pubblicati dal 1926 al 1973, a cura di Aldo Stella, pubblicata in Il messaggio di Aldo Capitini, cit., abbiamo recentemente ripubblicato in “Coi piedi per terra” n. 298 del 20 luglio 2010; b) per la critica e la documentazione: oltre alle introduzioni alle singole sezioni del sopra citato Il messaggio di Aldo Capitini, tra le pubblicazioni recenti si veda almeno: Giacomo Zanga, Aldo Capitini, Bresci, Torino 1988; Clara Cutini (a cura di), Uno schedato politico: Aldo Capitini, Editoriale Umbra, Perugia 1988; Fabrizio Truini, Aldo Capitini, Edizioni cultura della pace, S. Domenico di Fiesole (Fi) 1989; Tiziana Pironi, La pedagogia del nuovo di Aldo Capitini. Tra religione ed etica laica, Clueb, Bologna 1991; Fondazione “Centro studi Aldo Capitini”, Elementi dell’esperienza religiosa contemporanea, La Nuova Italia, Scandicci (Fi) 1991; Rocco Altieri, La rivoluzione nonviolenta. Per una biografia intellettuale di Aldo Capitini, Biblioteca Franco Serantini, Pisa 1998, 2003; AA. VV., Aldo Capitini, persuasione e nonviolenza, volume monografico de “Il ponte”, anno LIV, n. 10, ottobre 1998; Antonio Vigilante, La realta’ liberata. Escatologia e nonviolenza in Capitini, Edizioni del Rosone, Foggia 1999; Mario Martini (a cura di), Aldo Capitini libero religioso rivoluzionario nonviolento. Atti del Convegno, Comune di Perugia – Fondazione Aldo Capitini, Perugia 1999; Pietro Polito, L’eresia di Aldo Capitini, Stylos, Aosta 2001; Gian Biagio Furiozzi (a cura di), Aldo Capitini tra socialismo e liberalismo, Franco Angeli, Milano 2001; Federica Curzi, Vivere la nonviolenza. La filosofia di Aldo Capitini, Cittadella, Assisi 2004; Massimo Pomi, Al servizio dell’impossibile. Un profilo pedagogico di Aldo Capitini, Rcs – La Nuova Italia, Milano-Firenze 2005; Andrea Tortoreto, La filosofia di Aldo Capitini, Clinamen, Firenze 2005; Maurizio Cavicchi, Aldo Capitini. Un itinerario di vita e di pensiero, Lacaita, Manduria 2005; Marco Catarci, Il pensiero disarmato. La pedagogia della nonviolenza di Aldo Capitini, Ega, Torino 2007; Alarico Mariani Marini, Eligio Resta, Marciare per la pace. Il mondo nonviolento di Aldo Capitini, Plus, Pisa 2007; Maura Caracciolo, Aldo Capitini e Giorgio La Pira. Profeti di pace sul sentiero di Isaia, Milella, Lecce 2008; Mario Martini, Franca Bolotti (a cura di), Capitini incontra i giovani, Morlacchi, Perugia 2009; Giuseppe Moscati (a cura di), Il pensiero e le opere di Aldo Capitini nella coscienza delle giovani generazioni, Levante, Bari 2010; cfr. anche il capitolo dedicato a Capitini in Angelo d’Orsi, Intellettuali nel Novecento italiano, Einaudi, Torino 2001; e Amoreno Martellini, Fiori nei cannoni. Nonviolenza e antimilitarismo nell’Italia del Novecento, Donzelli, Roma 2006; c) per una bibliografia della critica cfr. per un avvio il libro di Pietro Polito citato ed i volumi bibliografici segnalati sopra.
*
L’impegno di Aldo Capitini e’ proseguito oggi dal Movimento Nonviolento da lui fondato.
Per informazioni e contatti: Movimento Nonviolento, sezione italiana della W.R.I. (War Resisters International – Internazionale dei resistenti alla guerra).
Sede nazionale e redazione di “Azione nonviolenta”: via Spagna 8, 37123 Verona (Italy), tel. e fax (+ 39) 0458009803 (r.a.), e-mail: azionenonviolenta@sis.it , siti: www.nonviolenti.orgwww.azionenonviolenta.it
Per destinare il 5×1000 al Movimento Nonviolento: codice fiscale 93100500235
Per sostegno e donazioni al Movimento Nonviolento: Iban IT35 U 07601 11700 0000 18745455
*
Ogni vittima ha il volto di Abele.
Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita’, alla solidarieta’.
Salvare le vite e’ il primo dovere.
Solo la nonviolenza si oppone al fascismo che torna.
Solo la nonviolenza si oppone ad ogni violenza.
Solo la nonviolenza rispetta la vita, la dignita’ e i diritti di tutti gli esseri umani.
Sii tu l’umanita’ come dovrebbe essere.
Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 14 maggio 2021

Mittente: “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com
Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino” che e’ possibile ricevere gratuitamente abbonandosi attraverso il sito www.peacelink.it

* * *

Aldo Capitini: La mia opposizione al fascismo
[Il seguente articolo di Aldo Capitini apparve originariamente su “Il ponte”, anno XVI, n. 1, gennaio 1960]

Non e’ facile elevarsi su quel patriottismo scolastico che ci coglie proprio nel momento, dai dieci ai quindici anni, in cui cerchiamo un impiego esaltante delle nostre energie, una tensione attiva e appoggiata a miti ed eroi.
Quaranta anni successivi di esperienza in mezzo ad una storia movimentatissima ci hanno ben insegnato due cose: che la devozione alla patria deve essere messa in rapporto e mediata con ideali piu’ alti e universali; che la nazione e’ una vera societa’ solo in quanto risolve i problemi delle moltitudini lavoratrici nei diritti e nei doveri, nel potere, nella cultura, in tutte le liberta’ concretamente e responsabilmente utilizzabili.
Quella “patria” che la scuola ci insegno’, che era del Foscolo e del Carducci, e diventava del D’Annunzio e del Marinetti, non poteva essere il centro di tutti gli interessi; e percio’ potei essere nazionalista tra i dieci e i quindici anni, ma non poi restarlo quando vidi la guerra in rapporto, meno con la nazione, e piu’ con l’umanita’ sofferente e divisa; quando dalla letteratura vociana e di avaguardia salii (da autodidatta e piu’ tardi che i coetanei) alla piu’ strenua, vigorosa, e anche filologica classicita’, vista nei testi latini, greci e biblici, come valori originali; quando portai la riflessione politica, precoce ma intorbidata dall’attivismo nazionalistico, ad apprezzare i diritti della liberta’ e l’apertura al socialismo come cose fondamentali, insopprimibili per qualsiasi motivo.
Umanitario e moralista, tutto preso dalla ricostruzione della mia cultura (eseguita tardi ma con consapevolezza) e anche dal dolore fisico, il dopoguerra 1918-’22 mi trovo’ del tutto estraneo al fascismo, anche se avevo coetanei che vi erano attivissimi: non sentii affatto l’impulso ad accompagnarmi con loro. Anzi, mi permettevo nella mia indipendenza, di leggere la “Rivoluzione liberale”, di offrire lieto il mio letto ad un assessore socialista cercato dagli squadristi, e la mattina della “Marcia su Roma” sentii bene che non dovevo andarci, perche’ era contro la liberta’.
Certo, per chi e’ stato, purtroppo (e purtroppo dura ancora), educato a quel tal patriottismo scolastico, per chi non ha potuto nell’adolescenza non assorbire del dannunzianesimo e del marinettismo, qualche volta il fascismo poteva sembrare un qualche cosa di energico, di impegnato a far qualche cosa; e comprendo percio’ le esitazioni e le cadute di tanti miei coetanei, che hanno come me press’a poco gli anni del secolo.
Se io fui preservato e salvato per opera di quell’evangelismo umanitario-moralistico e indipendente, per cui non ero diventato ne’ cattolico (pur essendo teista) ne’ fascista, e preferii rinunciare alla politica attiva, a cui pur da ragazzo tendevo, scegliendo un lavoro di studio, di poesia, di filosofia, di ricerca religiosa; tanti altri, anche per il fatto di essere stati in guerra (io ero stato escluso perche’ riformato), lungo il binario del patriottismo, del combattentismo, dello squadrismo, videro nel fascismo la realizzazione di tutto.
Queste mie parole sono percio’ un invito a diffidare del patriottismo scolastico, che puo’ portare a tanto e a giustificare tanti delitti, e un proposito di lavorare per un’educazione ben diversa. Questa e’ dunque la prima esperienza che ho vissuto in pieno: ho potuto contrastare al fascismo fin dal principio perche’ mi ero venuto liberando (se non perfettamente) dal patriottismo scolastico; esso fu uno degli elementi principalmente responsabili dell’adesione di tanti al fascismo.
*
Ed ora vengo alla seconda esperienza fondamentale. Si capisce che mentre il fascismo si svolgeva, quasi insensibile com’ero alla soddisfazione “patriottica”, mi trovavo contrario alla politica estera ed interna. Per l’estero io ero press’a poco un federalista, e mi pareva che un’unione dell’Italia, Francia, Germania (circa centocinquanta milioni di persone) avrebbe costituito una forza viva e civile, anche se l’Inghilterra fosse voluta rimanere per suo conto; ma ci voleva uno spirito comune, che, invece, il nazionalismo fece rovinare. Ebbi sempre un certo rispetto per la Societa’ delle Nazioni; e mi pareva che l’Italia avesse avuto molto col Trattato di Versailles, malgrado le strida dei nazionalisti. Approvavo il lavoro di Amendola e degli altri per un patto con gli Jugoslavi, che ci avrebbe risparmiato tante tragedie e tante vergogne.
Per la politica interna la Milizia in mano a Mussolini, il delitto Matteotti, la dittatura e il fastidio, a me lettore e raccoglitore di vari giornali, che dava la lettura di giornali eguali, l’avversione che sentivo per il saccheggio e la distruzione e l’abolizione di tutto cio’ che era stata la vita politica di una volta, le Camere del lavoro, le varie sedi dei partiti, le logge massoniche; mi tenevano staccato dal fascismo.
Sapevo degli arresti, delle persecuzioni. Dov’era piu’ quel bel fermento di idee, quella vivacita’ di spirito di riforme che avevo vissuto dal ’18 al ’24? Quanti libri liberi, riviste (“Conscientia” per esempio, che conservavo come preziosa), erano finiti! L’Italia che avrebbe dovuto riformarsi in tutto, era ora affidata ad un governo reazionario e militarista! E io ricordavo il mio entusiasmo per le amministrazioni socialiste: come seguivo quella di Milano, quella di Perugia, mia citta’!
Non ero iscritto a nessun partito, non partecipavo nemmeno, preso da altro, alla dialettica politica, ma le amministrazioni socialiste mi parevano una cosa preziosa, con quegli uomini presi da un ideale, umili di condizione, e “diversi”, la’ impegnati ad amministrare per tutti.
Sicche’ ero contrario al regime, e la seconda esperienza fondamentale lo confermo’: fu la Conciliazione del febbraio del ’29.
Non ero piu’ cattolico dall’eta’ di tredici anni, ma ero tornato ad un sentimento religioso sul finire della guerra, e lo studio successivo, anche filosofico e storico sulle origini del cristianesimo, di la’ dalle leggende e dai dogmi mi aveva concretato un teismo di tipo morale.
Guardando il fascismo, vedevo che lo avevano sostenuto in modo decisivo due forze: la monarchia che aveva portato con se’ (piu’ o meno) l’esercito e la burocrazia; l’alta cultura (quella parte vittima del patriottismo scolastico) che aveva portato con se’ molto della scuola. C’era una terza forza: la Chiesa di Roma. Se essa avesse voluto, avrebbe fatto cadere, dispiegando una ferma non collaborazione, il fascismo in una settimana. Invece aveva dato aiuti continui. Si venne alla Conciliazione tra il governo fascista e il Vaticano.
La religione tradizionale istituzionale cattolica, che aveva educato gli italiani per secoli, non li aveva affatto preparati a capire, dal ’19 al ’24, quanto male fosse nel fascismo; ed ora si alleava in un modo profondo, visibile, perfino con frasi grottesche, con prestazione di favori disgustose, con reciproci omaggi di potenti, che deridevano alla ” scuola liberale ” e ai “conati socialisti”, come cose oramai vinte! Se c’e’ una cosa che noi dobbiamo al periodo fascista, e’ di aver chiarito per sempre che la religione e’ una cosa diversa dall’istituzione romana.
Perche’ noi abbiamo avuto da fanciulli un certo imbevimento di idee e di riti cattolici, che sono rimasti la’, nel fondo nostro; ed anche se si e’ studiato, e si sanno bene le ragioni storiche, filosofiche, sociali, anche religiose, per cui non si puo’ essere cattolici, tuttavia ascoltando suonare le campane, vedendo l’edificio chiesa, incontrando il sacerdote, uno potrebbe sempre sentire un certo fascino.
Ebbene, se si pensa che quelle campane, quell’edificio, quell’uomo possono significare una cerimonia, un’espressione di adesione al fascismo, basta questo per insegnare che bisogna controllare le proprie emozioni, non farsi prendere da quei fatti che sono “esteriori” rispetto alla doverosita’ e purezza della coscienza.
La Chiesa romana credette di ottenere cose positive nel sostenere il fascismo, realmente le ottenne. Ma per me quello fu un insegnamento intimo che vale piu’ di ogni altra cosa. Non aver visto il male che c’era nel fascismo, non aver capito a quale tragedia conduceva l’Italia e l’Europa, aver ottenuto da un potere brigantesco sorto uccidendo la liberta’, la giustizia, il controllo civico, la correttezza internazionale; non sono errori che ad individui si possono perdonare, come si deve perdonare tutto, ma sono segni precisi di inadeguatezza di un’istituzione, ancora una volta alleata di tiranni.
Fu li’, su questa esperienza che l’opposizione al fascismo si fece piu’ profonda, e divenne in me religiosa; sia nel senso che cercai piu’ radicale forza per l’opposizione negli spiriti religiosi-puri, in Cristo, Buddha, S. Francesco, Gandhi, di la’ dall’istituzionalismo tradizionale che tradiva quell’autenticita’; sia nel senso che mi apparve chiarissimo che la liberazione vera dal fascismo stesse in una riforma religiosa, riprendendo e portando al culmine i tentativi che erano stati spenti dall’autoritarismo ecclesiastico congiunto con l’indifferenza generale italiana per tali cose.
Vidi chiaro che tutto era collegato nel negativo, e tutto poteva essere collegato nel positivo. Mi approfondii nella nonviolenza. Imparai il valore della noncollaborazione (anzi lo acquistai pagandolo, perche’ rifiutai l’iscrizione al partito, e persi il posto che avevo); feci il sogno che gli italiani si liberassero dal fascismo noncollaborando, senza odio e strage dei fascisti, secondo il metodo di Gandhi, rivoluzione di sacrificio che li avrebbe purificati di tante scorie, e li avrebbe rinnovati, resi degni d’essere, cosi’ si’, tra i primi popoli nel nuovo orizzonte del secolo ventesimo.
Divenni vegetariano, perche’ vedevo che Mussolini portava gli italiani alla guerra, e pensai che se si imparava a non uccidere nemmeno gli animali, si sarebbe sentita maggiore avversione nell’uccidere gli uomini.
*
Nel lavoro di suscitamento e collegamento antifascista, svolto da me dal 1932 al 1942, sta la terza esperienza fondamentale: il ritrovamento del popolo e la saldatura con lui per la lotta contro il fascismo. Figlio di persone del popolo, vissuto in poverta’ e in disagi, con parenti tutti operai o contadini, i miei studi (vincendo un posto gratuito universitario nella Scuola normale superiore di Pisa) ed anche i primi amici non mi avevano veramente messo a contatto con la classe lavoratrice nella sua qualita’ sociale e politica.
Anche se da ragazzo ascoltavo con commozione le musiche di campagna che il primo maggio sonavano di lontano l’Inno dei lavoratori, di la’ dal velo della pioggia primaverile, non conoscevo bene il socialismo. Avevo visto dal mio libraio le edizione delle opere di Marx e di Engels annerite dagli incendi devastatori dei fascisti milanesi alla redazione dell'”Avanti!”, ma, preso da altro lavoro, non le avevo studiate.
Accertai veramente la profondita’ e l’ampiezza del mondo socialista nel periodo fascista, quando le possibilita’ di trovare documentazioni e libri (lo sappiano i giovani di ora, che se vogliono possono andare da un libraio e acquistare cio’ che cercano) erano di tanto diminuite, ma c’era, insieme, il modo di ritrovare i vecchi socialisti e comunisti, che erano rimasti saldi nella loro fede, veramente “fede” “sostanza di cose sperate ed argomento delle non parventi”, malgrado le botte, gli sfregi, la poverta’, le prigioni, le derisioni degli ideali e dei loro rappresentanti uccisi (“con Matteotti faremo i salsicciotti”) e sebbene vedessero che le persone “dotte” erano per Mussolini e il regime.
Ritrovare queste persone, unirsi con loro di la’ dalle differenze su un punto o l’altro dell’ideologia, festeggiare insieme il primo maggio magari in una soffitta o in un magazzino di legname, andare insieme in campagna una domenica (che per il popolo e’ sempre qualche cosa di bello), e talvolta anche in prigione: nella lotta contro il fascismo si formo’ questa unione, che non fu soltanto di persone e di aiuto reciproco, ma fu studio, approfondimento, constatazione degli interessi comuni dei lavoratori e degli intellettuali contro i padroni del denaro e del potere: si apriva cosi l’orizzonte del mondo, l’incontro di Occidente e Oriente in nome di una civilta’ nuova, non piu’ individualistica ne’ totalitaria.
*
Questo io debbo al fascismo, ma in quanto ebbi, direi la Grazia, o interni scrupoli o ideali che mi portarono all’opposizione. Opponendomi al fascismo, non per cose di superficie o di persone o di barzellette, ma pensando seriamente nelle sue ragioni, nella sua sostanza, nel suo esperimento e impegno, non solo me ne purificavo completamente per cio’ che potesse essercene in me, ma accertavo le direzioni di un lavoro positivo e di una persuasione interiore che dovevo continuare a svolgere anche dopo.
Il fascismo aveva unito in un insieme tutto cio’ contro cui dovevo lottare per profonda convinzione, e non per caso, per un un male che mi avesse fatto, per un’avversione o invidia verso persone, o perche’ avessi trovato in casa o presso maestri autorevoli un impulso antifascista. Nulla di questo ebbi, ed anche percio’ ad un’attiva opposizione con propaganda non passai che lentamente e dopo circa un decennio.
Posso assicurare i giovani di oggi che il mio rifiuto fu dopo aver sentito le premesse del fascismo proprio nell’animo adolescente, e dopo averle consumate; sicche’ i fascisti mi apparvero dei ritardatari. Ero arrivato al punto in cui non potevo accettare:
1, il nazionalismo che esasperava un riferimento nazionale e guerriero a tutti i valori, proprio quando ero convinto che la guerra avrebbe indebolito l’Europa, e che la nazione dovesse trovare precisi nessi con le altre;
2, l’imperialismo colonialistico, che, oltre a portare l’Italia fuori dalla sua influenza in Europa, nei Balcani e a freno della Germania, era un metodo arretrato, per la fine del colonialismo nel mondo;
3, il centralismo assolutistico e burocratico con quel far discendere tutto dall’alto (per giunta corrotto), mentre io ero decentralista, regionalista, per l’educazione democratica di tutti all’amministrazione e al controllo;
4, il totalitarismo, con la soppressione di ogni apporto di idee e di correnti diverse, si’ che quando parlavo ai giovanissimi della vecchia possibilita’ di scegliersi a vent’anni un partito, che aveva sue sedi e sua stampa, sembrava che parlassi di un sogno, di un regno felice sconosciuto;
5, il prepotere poliziesco, per cui uno doveva sempre temere parlando ad alta voce, conversando con ignoti, scrivendo una lettera, facendo un telefonata;
6, quel gusto dannunziano e quell’esaltazione della violenza, del manganello come argomento, dello spaccare le teste, del pugnale, delle bombe a mano, e, infine, l’orribile persecuzione contro gli ebrei;
7, quel finto rivoluzionarismo attivista e irrazionale sopra un sostanziale conservatorismo, difesa dei proprietari, di cio’ che era vecchio e perfino anteriore alla rivoluzione francese;
8, quell’alleanza con il conservatorismo della chiesa, della parrocchia, delle gerarchie ecclesiastiche, prendendo della religione i riti e il lato reazionario, affratellandosi con i gesuiti, perseguitando gli ex-sacerdoti;
9, quel corporativismo con una insostenibile parita’ tra capitale e lavoro che si risolveva in una prigione per moltitudini lavoratrici alla merce’ dei padroni in gambali ed orbace;
10, quel rilievo forzato e malsano di un solo tipo di cultura e di educazione, quella fascista, e il traviamento degli adolescenti, mentre ero convinto che della libera produzione e circolazione delle varie forme di cultura una societa’ nazionale ha bisogno come del pane;
11, quell’ostentazione di Littoria e altre poche cose fatte, dilapidando immensi capitali, invece di affrontare il rinnovamento del Mezzogiorno e delle Isole;
12, l’onnipotenza di un uomo, di cui era facile vedere quotidianamente la grossolanita’, la mutevolezza, l’egotismo, l’iniziativa brigantesca, la leggerezza nell’affrontare cose serie, gli errori e la irragionevolezza impersuadibile, mentre ero convinto che il governo di un paese deve il piu’ possibile lasciare operare le altre forze e trarne consigli e collaborazione, ed essere anonimo, grigio anche, perche’ lo splendore stia nei valori puri della liberta’, della giustizia, dell’onesta’, della produzione culturale e religiosa, non nelle persone, che in uniforme o no, nel governo o a capo dello Stato, sono semplicemente al servizio di quei valori.
*
Percio’ il fascismo, nel problema dell’Italia di educarsi a popolo onesto, libero, competente, corretto, collaborante, mi parve un potenziamento del peggio e del fondo della nostra storia infelice, una malattia latente nell’organismo e venuta fuori, l’ostacolo che doveva, per il bene comune, essere rimosso, non in un modo semplicemente materiale, ma prendendo precisa e attiva coscienza delle ragioni per cui era sbagliato, e trasformando in questo lavoro se’ e persuadendo gli altri italiani.

* * *

Aldo Capitini: Principi dell’addestramento alla nonviolenza
[Di seguito il testo del capitolo ottavo, “Principi dell’addestramento alla nonviolenza”, del libro di Aldo Capitini, Le tecniche della nonviolenza, Libreria Feltrinelli, Milano s. d. (ma 1967). Successivamente il libro e’ stato ristampato nel 1989 da Linea d’ombra edizioni, Milano (con minimi tagli nella nota bibliografica). E’ stato poi integralmente incluso in Aldo Capitini, Scritti sulla nonviolenza, Protagon, Perugia 1992 (alle pp. 253-347)]

Una parte del metodo nonviolento, tra la teoria e la pratica, spetta all’addestramento alla nonviolenza. Le ragioni principali per cui e’ necessaria questa parte sono queste:
a) l’attuazione della nonviolenza non e’ di una macchina, ma di un individuo, che e’ un insieme fisico, psichico e spirituale;
b) la lotta nonviolenta e’ senza armi, quindi c’e’ maggior rilievo per i modi usati, per le qualita’ del carattere che si mostra;
c) una campagna nonviolenta e’ di solito lunga, e percio’ e’ utile un addestramento a reggerla, a non cedere nemmeno per un istante;
d) la lotta nonviolenta porta spesso sofferenze e sacrifici; bisogna gia sapere che cosa sono, bisogna che il subconscio non se li trovi addosso improvvisamente con tutto il loro peso;
e) le campagne nonviolente sono spesso condotte da pochi, pochissimi, talora una persona soltanto; bisogna che uno si sia addestrato a sentirsi in minoranza, e talora addirittura solo, e perfino staccato dalla famiglia.
I maestri di nonviolenza si sono trovati davanti al problema dell’addestramento, sia per riprodurre nel combattente nonviolento le qualita’ fondamentali del “soldato”, sia per trarre dal principio della nonviolenza cio’ che essa ha di specifico. Si sa che le qualita’ del guerriero sono formate e addestrate fin dai tempi della preistoria e si ritrovano perfino al livello della vita animale. Le qualita’ del nonviolento hanno avuto una formazione piu’ incerta, meno consistente ed energica, per la stessa ragione che la strategia della pace e’ meno sviluppata della strategia della guerra. Ma, prima che Gandhi occupasse il campo della nonviolenza con il suo insegnamento, il piu’ preciso e articolato che mai fosse avvenuto, indubbiamente ci sono stati addestramenti alla nonviolenza, contrapposti a quelli violenti; esempi di monaci buddisti, i primi cristiani, i francescani, che hanno lasciato indicazioni preziose in questo campo, che qui non e’ possibile elencare. Ma basti pensare all’armonia della posizione di Gesu’ Cristo espressa in quella raccolta di passi che e’ detta “il discorso della montagna”, dove e’ il suscitamento di energia per resistere, per incassare i colpi, ricordando il “servo di Dio” come era stato espresso da Isaia (cap. LIII): “Maltrattato, tutto sopportava umilmente”; l’enunciazione del rapporto con le cose, del valore della prassi, ma anche l’elemento contemplativo, come un mondo migliore gia’ dato in vista all’immaginazione nelle beatitudini, messe giustamente in principio perche’ sono l’elemento piu’ efficace nell’addestramento, anche piu’ della preghiera.
Gli Esercizi spirituali di Sant’Ignazio, il fondatore della Compagnia dei Gesuiti, sono un testo famoso di addestramento spirituale, e il loro esame puo’ essere utile per vedere il carattere di quell’addestramento incentrato sulla persona di Gesu’ Cristo, sull’istituzione della Chiesa romana, sull’obbedienza assoluta come se si fosse cadaveri: tali caratteri vanno posti insieme con quelli dell’addestramento militare, che e’ chiuso nell’immedesimazione con un Capo o Sovrano, nella difesa di un’istituzione che e’ lo Stato, nell’obbedienza che e’ rinuncia a scelte e ad iniziative; “chiuso”, perche’ il metodo nonviolento non discende da un Capo, ma e’ aperto a immedesimarsi con tutte le persone, a cominciare dalle circostanti: non fa differenza tra compagni e non compagni, perche’ e’ aperto anche agli avversari che considera uniti nella comune realta’ di tutti; ne’ puo’ fare dell’obbedienza un principio di assoluto rilievo, perche’ l’addestramento nonviolento tende a formare abitudini di consenso e di cooperazione, riducendo l’obbedienza a periodi non lunghi per i quali essa venga concordata, per condurre un’azione particolare.
I piu’ grandi valori spirituali escono da una concezione aperta, non chiusa; essi sono per tutti, non per un numero chiuso di persone. Cosi e’ per es. la musica; essa parla come da un centro, ma il suo raggio e’ infinito, oltre il cerchio di coloro che in quel momento sono presenti: ci sono altri che l’ascoltano per radio e altri, infinitamente, che potranno ascoltarla. Cosi’ e’ l’azione nonviolenta: essa e’ compiuta da un centro, che puo’ essere di una persona o di un gruppo di persone; ma essa e’ presentata e offerta affettuosamente al servizio di tutti: essa e’ un contributo e un’aggiunta alla vita di tutti. Questo animo e’ fondamentale nell’addestramento alla nonviolenza: sentirsi centro rende modesti e pazienti, toglie la febbre di voler vedere subito i risultati, toglie la sfiducia che l’azione non significhi nulla. Anche se non si vede tutto, l’azione nonviolenta e’ come un sasso che cade nell’acqua e causa onde che vanno lontano. Questo animo di operare da un centro genera a poco a poco il sentimento della realta’ di tutti., dell’unita’ che c’e’ tra tutti gli esseri, un sentimento molto importante per la nonviolenza, che e’ incremento continuo del rapporto con tutti.
*
Elementi storici, ideologici, psicologici dell’addestramento
Entriamo ora nell’esame dei vari elementi che compongono l’addestramento. E vediamo come primi due elementi storici, uno particolare ed uno generale:
a) nella situazione storica in cui si vive bisogna accertare cio’ contro cui si deve lottare nonviolentemente: un’oppressione, uno sfruttamento, un’ingiustizia, un’invasione ecc.; questo accertamento e’ uno stimolo per raccogliere le energie e per indurre ad un attento esame della concreta situazione;
b) l’elemento storico generale e’ la persuasione del posto che oggi ha la nonviolenza nella storia dell’umanita’: se si tiene presente il quadro generale attuale si vede che ai grandi Stati-Imperi politico-militari che si stanno formando, bisogna contrapporre, come al tempo dei primi cristiani, un agire assolutamente diverso, una valutazione dell’individuo, una fede che congiunge persone diverse e lontane. Sentire che questo e’ il momento per l’apparizione e il collegamento del mondo nonviolento fa capire che oggi non valgono piu’ le vecchie ideologie che assolutizzavano la patria: oggi la patria suprema e’ la realta’ di tutti, da cui viene il rifiuto di divinizzare gli Stati e i loro Capi, di bruciare il granello d’incenso in loro onore.
Anche gli elementi ideologici sono essenziali nell’addestramento:
a) lo studio delle teorie della nonviolenza, la lettura dei grandi episodi e delle grandi campagne, l’escogitazione di casi in cui uno potrebbe trovarsi per risolverli con la nonviolenza; l’informazione su cio’ che e’ stato finora fatto con il metodo nonviolento e le frequenti discussioni con gruppi nonviolenti e anche con estranei alla nonviolenza, per ricevere obbiezioni, critiche, disprezzo o ridicolo;
b) il mutamento della considerazione abituale della vita come amministrazione tranquilla del benessere: il sapere bene che in questa societa’ sbagliata i nonviolenti sono in un contrasto, che la loro vita sara’ scomoda, che e’ normale per loro ricevere colpi, essere trattati male, veder distrutti oggetti propri.
Da questi due elementi ideologici conseguono due tipi di esercizi:
1. il primo e’ la meditazione (che puo’ essere fatta dalla persona singola o dal gruppo nonviolento in circolo silenzioso) di qualche evento culminante delle passate affermazioni della nonviolenza. Esempi: Gesu’ Cristo al momento dell’arresto, quando riaffermo’ chiaramente la sua differenza dal metodo della rivolta armata; la marcia del sale effettuata da Gandhi; la visita di San Francesco al Sultano per superare le crociate sanguinose; l’angoscia dell’aviatore di Hiroshima;
2. il secondo e’ la scuola di nonviolenza istituita appositamente (come hanno fatto i negri d’America) per abituarsi a ricevere odio, offese, ingiurie, colpi (esempi: parolacce, percosse, oggetti lanciati; essere arrestato, legato).
Vediamo ora alcuni elementi psicologici:
a) il nonviolento e’ convinto che la cosa principale non e’ vincere gli altri, ma comportarsi secondo nonviolenza; nelle dispute il nonviolento non vuota tutto il sacco delle critiche, delle accuse, degli argomenti a proprio vantaggio, e lascia sempre qualche cosa di non detto, come un silenzioso regalo all’avversario; naturalmente evita le ingiurie, quelle che si imprimono per sempre come fuoco nell’animo dell’avversario, e che pare aspettassero il momento adatto per esser dette. Il nonviolento pensa che l’avversario e’ un compagno di viaggio; e puo’ avere fermezza e chiarezza, senza amareggiarlo;
b) il nonviolento e’ convinto che non e’ la fretta a vincere, ma la tenacia, l’ostinazione lunga, come la goccia che scava la pietra, come la cultura che cresce a poco a poco, come il corallo (il paragone e’ del Gregg) si forma lentamente ed e’ durissimo. La pressione nonviolenta e’ lenta e instancabile: e’ difficile che se e’ cosi, non riesca. Perde chi cede, chi si stanca, chi ha paura;
c) il persuaso della nonviolenza, formandosi, viene collocando la nonviolenza al contro delle passioni, degli altri affetti, dei sentimenti; cioe’ non e’ necessario che egli faccia il vuoto nel mondo dei suoi sentimenti, perche’ il vuoto potrebbe inaridire la stessa nonviolenza; ma egli stabilisce, con un lungo esercizio di scelte e di freni, la prospettiva che mette al centro lo sviluppo della nonviolenza, e tutto il resto ai lati;
d) l’interno ordine psicologico puo’ essere aiutato dalla persuasione che la nonviolenza conta su una forza diversa da quella dei meccanismi naturali (la scienza non dice di aver esaurito l’elenco delle forze che agiscono sulla realta’): questa forza diversa puo’ essere chiamata lo Spirito, puo’ essere personificata in Dio, e la preghiera e’ uno dei modi per stabilire e rafforzare il proprio ordine interno;
e) un altro elemento di forza interiore e’ quello conseguito con decisione come voti, rinunce, digiuni: sono eventi importanti che influiscono sulla psiche, le danno il senso di una tensione elevata, la preparano a situazioni di impegno.
Da questi elementi psicologici conseguono importanti modi di comportamento:
1. la costante gentilezza e pronta lealta’ verso tutti; la gentilezza e’ un’espressione della vita nonviolenta, come una volta l’eremitismo era una posizione della vita religiosa; gentilezza vuol dire anche tono generalmente calmo e chiaro della voce;
2. la cura della pulizia personale, degli abiti, delle cose circostanti; essa suscita rispetto verso se stessi e rispetto negli altri verso il nonviolento, mentre e’ facile destare violenza contro chi e’ sporco, puzza, non si lava ed e’ trascurato nel vestito e nelle sue cose;
3. un buon umore e spesso lo humor (dice giustamente il Gregg che corrisponde alla “umilta’” raccomandata un tempo). Insomma il nonviolento lascia ridere gli altri su di se’, e si associa spesso a loro;
4. l’attenzione a mantenersi in buona salute e capaci di resistere agli sforzi, mediante la sobrieta’, regole igieniche, cure, e’ utile al nonviolento per possedere una riserva di energia per affrontare prove straordinarie.
*
Gli elementi sociali
Gli elementi sociali hanno importanza preminente nell’addestramento. Vediamone alcuni:
a) Una prova di apertura sociale e’ la nonmenzogna. E’ noto quanta importanza abbia la veracita’ nei voti gandhiani, nei voti francescani. San Francesco una volta accetto’ che fosse messo un pezzo di pelliccia all’interno della tonaca dove questa urtava sulla sua piaga, purche’ un identico pezzo di pelliccia fosse messo all’esterno, nella parte corrispondente. La nonmenzogna rende gli altri potenzialmente presenti alla propria vita, stabilisce che cio’ che uno pensa, e’ potenzialmente di tutti.
b) Un addestramento di alta qualita’ sociale e’ l’unirsi con altri per costituire assemblee periodiche per la discussione dei problemi locali e generali, per esercitare il controllo dal basso su tutte le amministrazioni pubbliche. I nonviolenti sono i primi animatori di questa attivita’ aperta che comprende tutti, e fa bene a tutti, e che si realizza con la regola del dialogo di “ascoltare e parlare”.
c) Un’attivita’ particolare esercitano i nonviolenti per diffondere tra tutti la lotta contro la guerra, la sua preparazione e la sua esecuzione.
d) I nonviolenti impiantano un’attivita’ continua di aiuto sociale nel mondo circostante, sia associandosi nei Pronti Soccorsi, sia realizzando iniziative di visite ai carcerati, di aiuto agli ex-carcerati, di visitare malati, di educazione e ricreazione dei fanciulli, di educazione degli adulti, di cura dei vecchi, di aiuto alla salute pubblica, di amicizia con i miseri. I nonviolenti fanno le loro campagne nonviolente, movendo da una normale attivita’ di servizio sociale precedente alla campagna e tornando ad essa, appena finita la campagna con successo o no: e’ anche un modo per ritemprare le forze, per non incassare inerti una sconfitta.
e) Il Gregg ha molto insistito, anche in un saggio speciale, sull’importanza del lavoro manuale nell’addestramento alla nonviolenza perche’ crea un senso di fratellanza nel fare qualche cosa con gli altri ben visibilmente, e abitua alla disciplina, a sottomettersi pazientemente ad uno scopo.
f) Un altro elemento sociale e’ il cantare insieme, fare balli popolari, passeggiate ed esecuzioni e sport collettivi, mangiare insieme.
g) Qualcuno suggerisce anche di sostituire a quello che e’ l’orgoglio dei soldati per le glorie del loro “reggimento”, l’affermazione di cio’ che il gruppo nonviolento ha fatto. Ma fondamentale e’ far comprendere che le azioni nonviolente sono per tutti, e, non soltanto per il centro che le promuove.
h) Affiancata all’addestramento nella nonviolenza, e’ la conoscenza di leggi, per il caso dell’urto con la polizia o lo Stato, con arresti, processi, prigionia.
L’addestramento e’ necessario per dare una solida preparazione alle situazioni. I nonviolenti debbono avere una serie di abitudini consolidate e possedere una serie di previsioni di probabili conseguenze delle loro azioni nonviolente. Il Gregg cita l’utilita’ dell’imparare a nuotare come segno dei passaggio al possesso di un’abitudine, della paura iniziale e dell’aiuto venuto anche da altri nell’addestramento. Chi ha provato che cosa sia la prigione per un notevole periodo, sa quanto sarebbe utile prepararsi a. sdrammatizzare l’avvenimento nel proprio animo, visitando le prigioni, aiutando gli ex-carcerati ecc. Anche la nonviolenza e’ certamente danneggiata dagli improvvisatori, da coloro che pretendono di creare tutto sul momento; che sono quelli che si stancano prima. E la nonviolenza, se per un quarto e’ amorevolezza, e per un altro quarto e’ conoscenza, per due quarti e’ coraggiosa pazienza.
E’ stato detto giustamente che gli iniziatori del metodo scientifico non potevano prevedere quali risultati esso avrebbe dato; e cosi’ sara’ del metodo nonviolento.

* * *

Lascia un commento