I sintomi di covid tra i ricoverati in Ospedale mostrano scarsi miglioramenti dopo un anno

fonte: British Medical Journal, Dottnet 17/12/2021 

I pazienti che hanno manifestato i sintomi più gravi avevano anche livelli elevati di sostanze associate all’infiammazione. Le persone ricoverate in ospedale con covid-19 che hanno riportato sintomi di “covid lungo” cinque mesi dopo la dimissione hanno ottenuto solo un miglioramento limitato dopo un anno intero, mostrano i dati preliminari dello studio PHOSP-COVID. I ricercatori hanno affermato che i loro risultati, pubblicati come prestampa il 16 dicembre  , hanno mostrato che i pazienti che hanno manifestato i sintomi più gravi avevano anche livelli elevati di sostanze associate all’infiammazione dell’intero corpo e al danno e alla riparazione dei tessuti, suggerendo un coinvolgimento autoimmune. Lo studio, condotto dal National Institute for Health Research (NIHR) Leicester Biomedical Research Centre, sta seguendo 2230 adulti ricoverati in ospedale con covid-19. A cinque mesi dalla dimissione solo 2,5 persone su 10 si sentivano completamente guarite. Questo è rimasto sostanzialmente invariato dopo 12 mesi, a meno di 3 su 10 pazienti, nelle 807 persone valutate finora. Chris Brightling, professore di medicina respiratoria all’Università di Leicester e investigatore capo dello studio, ha dichiarato: “Le persone che sono state ricoverate in ospedale e hanno continuato a sviluppare il covid a lungo non stanno migliorando sostanzialmente un anno dopo essere state dimesse dall’ospedale. “Molti pazienti nel nostro studio non si erano completamente ripresi a cinque mesi e la maggior parte di questi ha riportato pochi cambiamenti positivi nelle loro condizioni di salute a un anno”.

Rachael Evans, professore associato presso l’Università di Leicester e consulente respiratorio presso gli ospedali di Leicester, che è l’autore principale dell’articolo, ha affermato: “Gli operatori sanitari dovranno continuare a valutare in modo proattivo i loro pazienti per un po’ di tempo a venire al fine di identificare le loro esigenze sanitarie in corso. e fornire supporto. “Abbiamo urgente bisogno di pacchetti sanitari e farmaci che colpiscano i tratti potenzialmente curabili del lungo covid per aiutare le persone a sentirsi meglio e a tornare alle loro vite normali. Senza questi, il covid a lungo termine ha il potenziale per diventare altamente prevalente come una nuova condizione a lungo termine”.

Processo infiammatorio in corso: i sintomi di covid lunghi più comuni riportati dai pazienti sono stati affaticamento, dolore muscolare, rallentamento fisico, sonno scarso e mancanza di respiro, e i pazienti hanno affermato che la loro qualità di vita correlata alla salute è rimasta sostanzialmente peggiore un anno dopo la dimissione dall’ospedale rispetto a prima che avessero la SARS- Infezione da CoV-2. Un’analisi cluster sui dati a cinque mesi ha rivelato quattro gruppi distinti di pazienti in base alla gravità dei sintomi che hanno manifestato: nel 39% i sintomi erano considerati lievi, nel 30% gravi, nel 20% molto gravi e nell’11% erano moderati o principalmente influenzato la cognizione.

Campioni di sangue prelevati a cinque mesi sono stati analizzati per circa 300 sostanze legate all’infiammazione e all’immunità. Questi hanno mostrato che i pazienti nel gruppo “molto grave” avevano livelli più elevati di sostanze associate a infiammazione di tutto il corpo, danni ai tessuti e riparazione dei tessuti, mentre quelli che riportavano una scarsa cognizione sembravano avere livelli più elevati di sostanze legate alla “nebbia cerebrale”, suggerendo possibili neuro-infiammazione.

Brightling ha affermato che i risultati suggerivano “un processo infiammatorio in corso” e che altri studi avevano indicato un aumento dell’autoimmunità in alcuni casi contro organi specifici come il cuore o il muscolo scheletrico. “Stiamo lavorando a stretto contatto con gli immunologi per cercare di sradicarlo e vedere se l’autoimmunità può essere uno dei fattori chiave [del lungo covid]”, ha detto.

Lascia un commento