“INDIANI IN PRIGIONE E ALTRE STORIE”. INVITO AD INCONTRO ONLINE IL 25 GENNAIO 2022

[Dalla professoressa Naila Clerici (per contatti: naila.clerici@soconasincomindios.it) riceviamo e diffondiamo.

Naila Clerici, gia’ docente di “Storia delle Popolazioni Indigene d’America” all’Universita’ di Genova, e’ direttrice responsabile ed editoriale della prestigiosa rivista “Tepee”]

“Indiani in prigione e altre storie”

Martedi’ 25 gennaio 2022 alle ore 21 nel “tepee virtuale” di Soconas Incomindios.

Richiedi il link per partecipare al webinar

– Ascoltiamo la voce di Leonard Peltier attraverso la canzone “Sacrifice” di Robbie Robertson;

– I rapporti sulle Americhe di Amnesty International, con Armida Bandoni;

– Repressione delle comunita’ indigene in America latina, con David Lifodi;

– Cosa ne pensava John Trudell del caso Peltier?

– Stralci da una lettera di Peltier inviata a Max Casoli e tradotta da Maria Paola Valente (CDLP Italia);

– Qualche speranza per Peltier? Con Andrea De Lotto del Comitato di solidarieta’ con Leonard Peltier di Milano;

– La testimonianza di Mitch Walking Elk, Cheyenne-Arapaho, musicista ed educatore.

Per informazioni e contatti: redazione di “Tepee”, via San Quintino 6, 10121 Torino, cell. 3478207381

facebook.com/pages/Soconas-Incomindios/https://www.youtube.com/channel/UC1jno1fq2G_HnMd50IG0hww

Nota diffusa a cura del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 22 gennaio 2022

Mittente: “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com

***

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino”.

* * *

Allegati (a cura del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo):

1. una minima notizia su Leonard Peltier;

2. due estratti dall’autobiografia di Leonard Peltier;

3. una considerazione sul significato della solidarieta’ con Leonard Peltier;

4. un appello del Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli.

* * *

Allegato 1. Una minima notizia su Leonard Peltier

La vicenda di Leonard Peltier puo’ essere riassunta brevemente: nato a Grand Forks, nel North Dakota, il 12 settembre 1944, attivista dell’American Indian Movement per i diritti umani dei nativi americani e in difesa della Madre Terra, nel 1977 fu condannato a due ergastoli in un processo-farsa sulla base di presunte prove e presunte testimonianze dimostratesi false; da allora e’ ancora detenuto, sebbene la sua innocenza sia ormai universalmente riconosciuta (gli stessi suoi accusatori e giudici responsabili della sua scandalosa ed assurda condanna hanno in prosieguo di tempo ammesso che le cosiddette “prove” e le cosiddette “testimonianze” erano false). Anche dal carcere ha continuato ad impegnarsi per i diritti umani di tutti gli esseri umani e in difesa della Madre Terra, sostenendo e promuovendo molte iniziative educative ed umanitarie, a cui ha affiancato un’apprezzata attivita’ di pittore, poeta, scrittore.

Di seguito riportiamo una breve nota di presentazione dal suo libro autobiografico edito in Italia nel 2005:

“Accusato ingiustamente dal governo americano – ricorrendo a strumenti legali, paralegali e illegali – dell’omicidio di due agenti dell’FBI nel 1975 (un breve resoconto tecnico della farsa giudiziaria e’ affidato all’ex ministro della giustizia degli Stati Uniti Ramsley Clark, autore della prefazione), Peltier, al tempo uno dei leader di spicco dell’American Indian Movement (AIM), marcisce in condizioni disumane in una prigione di massima sicurezza da quasi trent’anni. Nonostante la sua innocenza sia ormai unanimemente sostenuta dall’opinione pubblica mondiale, nonostante una campagna internazionale in suo favore che ha coinvolto il Dalai Lama, Nelson Mandela, il subcomandante Marcos, Desmond Tutu, Rigoberta Menchu’, Robert Redford (che sulla vicenda di Peltier ha prodotto il documentario Incident at Oglala), Oliver Stone, Howard Zinn, Peter Matthiessen, il Parlamento europeo e Amnesty International, per il governo americano il caso del prigioniero 89637-132 e’ chiuso. Non sorprende dunque che Peltier sia divenuto un simbolo dell’oppressione di tutti i popoli indigeni del mondo e che la sua vicenda abbia ispirato libri (Nello spirito di Cavallo Pazzo di Peter Matthiessen), film (Cuore di tuono di Michael Apted, per esempio) e canzoni (i Rage Against the Machine hanno dedicato a lui la canzone Freedom). In parte lucidissimo manifesto politico, in parte toccante memoir, questa e’ la straordinaria storia della sua vita, raccontata per la prima volta da Peltier in persona. Una meravigliosa testimonianza spirituale e filosofica che rivela un modo di concepire la vita, ma soprattutto la politica, che trascende la dialettica tradizionale occidentale e i suoi schemi (amico-nemico, destra-sinistra e cosi’ via): i nativi la chiamano la danza del sole” (dalla scheda di presentazione del libro di Leonard Peltier, La mia danza del sole. Scritti dalla prigione, Fazi, 2005, nel sito della casa editrice: fazieditore.it).

Per ulteriori informazioni si veda di Leonard Peltier, Prison writings. My life is my sun dance, St. Martin’s Griffin, New York 1999 (in edizione italiana: Leonard Peltier, La mia danza del sole. Scritti dalla prigione, Fazi, Roma 2005); e tra le opere su Leonard Peltier: Peter Matthiessen, Nello spirito di Cavallo Pazzo, Frassinelli, Milano 1994; Edda Scozza, Il coraggio d’essere indiano, Erre Emme, Pomezia 1996; Michael Koch, Michael Schiffmann, Ein leben fur Freiheit. Leonard Peltier und der indianische Widerstand, TraumFaenger Verlag, Hohenthann 2016. Particolarmente utile anche l’opera di Bruce E. Johansen, Encyclopedia of the American Indian Movement, Greenwood, Santa Barbara – Denver – Oxford, 2013, piu’ volte ristampata.

Si puo’ utilmente consultare anche il sito dell'”International Leonard Peltier Defense Committee”: www.whoisleonardpeltier.info (sito nel quale e’ disponibile anche il testo integrale del libro di Jim Messerschmidt, The Trial of Leonard Peltier).

* * *

Allegato 2. Due estratti dall’autobiografia di Leonard Peltier

“Tutti facciamo parte dell’unica famiglia dell’umanita’.

Noi condividiamo la responsabilita’ per la nostra Madre Terra e per tutti quelli che ci vivono e respirano.

Credo che il nostro compito non sara’ terminato fin quando anche un solo essere umano sara’ affamato o maltrattato, una sola persona sara’ costretta a morire in guerra, un solo innocente languira’ in prigione e un solo individuo sara’ perseguitato per le sue opinioni.

Credo nel bene dell’umanita’.

Credo che il bene possa prevalere, ma soltanto se vi sara’ un grande impegno. Impegno da parte nostra, di ognuno di noi, tuo e mio”.

*

“Non ho scuse da porgere, solo tristezza. Non posso scusarmi per quello che non ho fatto. Ma posso provare dolore, e lo faccio. Ogni giorno, ogni ora, soffro per quelli che sono morti nello scontro di Oglala del 1975 e per le loro famiglie – per le famiglie degli agenti dell’Fbi Jack Coler e Ronald Williams e, si’, per la famiglia di Joe Killsright Stuntz, la cui morte per una pallottola a Oglala quello stesso giorno, cosi’ come le morti di centinaia di altri indiani a Pine Ridge in quel terribile periodo, non e’ mai stata oggetto di inchiesta. Mi piange il cuore nel ricordare la sofferenza e la paura nella quale molta della mia gente fu costretta a vivere a quel tempo, la stessa sofferenza e paura che quel giorno spinse me e gli altri a Oglala per difendere chi era indifeso.

Provo pena e tristezza anche per la perdita subita dalla mia famiglia perche’, in qualche misura, quel giorno sono morto io stesso. Sono morto per la mia famiglia, per i miei bambini, per i miei nipoti, per me stesso. Sopravvivo alla mia morte da oltre due decenni.

Quelli che mi hanno messo qui e che mi tengono qui sapendo della mia innocenza avranno una magra consolazione dalla loro indubbia rivincita, che esprime chi essi sono e cio’ che sono. Ed e la piu’ terribile rivincita che potessi immaginare.

Io so chi sono e quello che sono. Sono un indiano, un indiano che ha osato lottare per difendere il suo popolo. Io sono un uomo innocente che non ha mai assassinato nessuno, ne’ inteso farlo. E, si’, sono uno che pratica la Danza del Sole. Anche questa e’ la mia identita’. Se devo soffrire in quanto simbolo del mio popolo, allora soffro con orgoglio.

Non cedero’ mai.

Se voi, parenti e amici degli agenti che morirono nella proprieta’ degli Jumping Bull, ricaverete qualche tipo di soddisfazione dal mio essere qui, allora posso almeno darvi questo, nonostante non mi sia mai macchiato del loro sangue. Sento la vostra perdita come mia. Come voi soffro per quella perdita ogni giorno, ogni ora. E cosi’ la mia famiglia. Anche noi conosciamo quella pena inconsolabile. Noi indiani siamo nati, viviamo, e moriamo con quell’inconsolabile dolore. Sono ventitre’ anni oggi che condividiamo, le vostre famiglie e la mia, questo dolore; come possiamo essere nemici? Forse e’ con voi e con noi che il processo di guarigione puo’ iniziare. Voi, famiglie degli agenti, certamente non avevate colpa quel giorno del 1975, come non l’aveva la mia famiglia, eppure voi avete sofferto tanto quanto, anche piu’ di chiunque era li’. Sembra sia sempre l’innocente a pagare il prezzo piu’ alto dell’ingiustizia. E’ sempre stato cosi’ nella mia vita.

Alle famiglie di Coler e Williams che ancora soffrono mando le mie preghiere, se vorrete accettarle. Spero lo farete. Sono le preghiere di un intero popolo, non solo le mie. Abbiamo molti dei nostri morti per cui pregare e uniamo la nostra amarezza alla vostra. Possa il nostro comune dolore essere il nostro legame.

Lasciate che siano quelle preghiere il balsamo per la vostra pena, non la prolungata prigionia di un uomo innocente.

Vi assicuro che se avessi potuto evitare quello che avvenne quel giorno, la vostra gente non sarebbe morta. Avrei preferito morire piuttosto che permettere consapevolmente che accadesse cio’ che accadde. E certamente non sono stato io a premere il grilletto che l’ha fatto accadere. Che il Creatore mi fulmini ora se sto mentendo. Io non riesco a vedere come il mio stare qui, separato dai miei nipoti, possa riparare alla vostra perdita.

Vi giuro, sono colpevole solo di essere un indiano. E’ questo il motivo per cui sono qui”.

* * *

Allegato 3. Una considerazione sul significato della solidarieta’ con Leonard Peltier

La solidarieta’ con Leonard Peltier e’ la solidarieta’ con la Resistenza degli indiani d’America vittime di un genocidio, di un etnocidio e di un ecocidio che tuttora continuano e che occorre contrastare.

La solidarieta’ con Leonard Peltier e’ la solidarieta’ con la lotta di tutti i popoli e di tutti gli esseri umani oppressi e denegati dalla violenza dei poteri dominanti.

La solidarieta’ con Leonard Peltier e’ la solidarieta’ con la lotta dell’umanita’ cosciente in difesa del mondo vivente dalla minaccia di distruzione da parte di un sistema di potere, di un modo di produzione e di un modello di sviluppo che schiavizzano, divorano e distruggono gli esseri umani, gli altri animali, l’intero mondo vivente.

La lotta di Leonard Peltier e la lotta per la sua liberazione sono quindi parte di un impegno in difesa della vita, della dignita’ e dei diritti di tutti gli esseri umani, di un impegno per la salvezza dell’intero mondo vivente.

Salvare le vite e’ il primo dovere. Chi salva una vita salva il mondo.

Oppresse e oppresse di tutti i paesi unitevi nell’impegno per la liberazione comune, per i diritti umani di tutti gli esseri umani, per la salvezza dell’umanita’ intera, per la difesa di quest’unico mondo vivente casa comune dell’umanita’.

Liberta’ per Leonard Peltier.

La nonviolenza e’ in cammino. La nonviolenza e’ il cammino.

* * *

Allegato 4. Un appello del Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli

Il Presidente David Sassoli, recentemente scomparso, il 23 agosto 2021 espresse pubblicamente – con una conferenza stampa, un video e un tweet – la richiesta al Presidente degli Stati Uniti d’America di concedere la grazia a Leonard Peltier.

Nel suo tweet del 23 agosto 2021 il Presidente Sassoli scrisse, in italiano e in inglese:

“Inviero’ una lettera alle autorita’ statunitensi chiedendo clemenza per Leonard Peltier, attivista per i diritti umani dell’American Indian Movement, in carcere da 45 anni.

Spero che le autorita’ accolgano il mio invito. I diritti umani vanno difesi sempre, ovunque”.

“I will send a letter to the US authorities asking for clemency for Leonard Peltier. A human rights activist of the American Indian Movement, he has been imprisoned for 45 years.

I hope the authorities will take up my invitation. Human rights must be defended always, everywhere”.

A sostegno di questa iniziativa del Presidente del Parlamento Europeo Sassoli si sono espresse innumerevoli personalita’, associazioni, istituzioni. Tra esse prestigiosissime personalita’ dell’impegno religioso ed istituzionale, morale e civile, culturale ed artistico.

(Visited 18 times, 1 visits today)

Lascia un commento