Vai al contenuto

Dermatite allergica e dermatite atopica

  • di

Il ruolo e la diagnosi della dermatite allergica da contatto in pazienti con dermatite atopica

DOTTNET | 18/05/2022 15:52

Le due dermatiti sono facilmente confondibili per la similitudine dei sintomi con cui si manifestano e spesso possono anche coesistere

Sia la dermatite atopica (DA) che la dermatite allergica da contatto (DAC) sono disturbi infiammatori della pelle comuni e gravosi. Le due dermatiti sono facilmente confondibili per la similitudine dei sintomi con cui si manifestano e spesso possono anche coesistere; differiscono invece per eziologia, distribuzione e opzioni terapeutiche.1×

In particolare, la dermatite allergica da contatto è una risposta di ipersensibilità di tipo 4 o ritardata (DTH) da parte del sistema immunitario a una piccola molecola che viene a contatto con la pelle di un individuo sensibilizzato.2 Il rischio di DAC sembra essere aumentato nei pazienti con DA: si ritiene che molti fattori influenzino la prevalenza di dermatite allergica da contatto nei pazienti con dermatite atopica. I pazienti con DA presentano un’interruzione della barriera cutanea, con un aumento di circa due volte dell’assorbimento cutaneo di irritanti e allergeni da contatto. Gli irritanti portano ad un ulteriore danno della barriera cutanea, ad una maggiore penetrazione degli allergeni da contatto e, infine, ad un aumento del rischio di DAC. Inoltre, il trattamento della DA richiede l’applicazione topica di emollienti e antinfiammatori ed è stato osservato che molti di questi prodotti ad uso topico potrebbero favorire la sensibilizzazione da contatto. Un’altra ipotesi considera come il ruolo della colonizzazione batterica nella DA possa determinare una maggiore predisposizione alla DAC.1

La DAC può presentarsi con segni e sintomi simili alla DA: i più comuni sono prurito e bruciore. È importante sottolineare che, a causa del grande carico di sintomi (tra cui, oltre il prurito, ci sono dolore, disturbi del sonno e della salute mentale), DA e DAC hanno un impatto negativo significativo sulla qualità della vita (QOL) dei pazienti.1

Quando sospettare e testare la DAC in pazienti con DA? 

Una buona valutazione clinica della dermatite allergica da contatto prevede un’anamnesi dettagliata. La morfologia e la localizzazione della dermatite sono spesso i migliori indicatori dell’allergene coinvolto. Il patch test è il gold standard per confermare la diagnosi e dovrebbe essere eseguito quando si sospetta una DAC in pazienti con sintomi persistenti.2 Più precisamente, il patch test è da prendersi in considerazione in caso di pazienti con DA con esordio in età adolescenziale o adulta, poiché la DAC può occasionalmente presentarsi con una distribuzione flessionale e imitare la DA. Anche i pazienti pediatrici e adulti con dermatite in peggioramento dovrebbero essere sottoposti a patch test, poiché potrebbe esserci un fattore scatenante della loro DA sottostante. Il patch test è indicato anche nei bambini e negli adulti quando c’è una distribuzione lesionale atipica per la DA, o localizzata e suggestiva di DAC (ad es. palpebre, testa e collo, mani e piedi, zona periorale o periorbitale). L’identificazione e l’esclusione di un allergene positivo al patch test può ridurre la gravità della DA sottostante e annullare la necessità di una terapia sistemica.1

In conclusione, sebbene questa associazione tra dermatite atopica e dermatite allergica da contatto rimanga controversa, la DAC è un’importante comorbidità ed un potenziale esacerbante della DA nella pratica clinica.1

Bibliografia

  1. Owen et al. The Role and Diagnosis of Allergic Contact Dermatitis in Patients with Atopic Dermatitis. Am J Clin Dermatol. 2018 June; 19(3): 293–302. doi:10.1007/s40257-017-0340-7.
  2. Murphy PB, Atwater AR, Mueller M. Allergic Contact Dermatitis. 2021 Sep 20. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2021 Jan. PMID: 30422461. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK532866/

(Visited 15 times, 1 visits today)

Lascia un commento