Vai al contenuto

Covid e vitamina D

  • di

La vitamina D fino a che punto protegge dal covid-19

Fonte: British Journal of Medecine, DOTTNET | 11/09/2022 19:26

Due nuove prove non trovano alcun effetto, ma non sono l’ultima parola

La vitamina D è un importante regolatore dell’equilibrio del calcio. Inoltre, ha importanti effetti sul sistema immunitario, inducendo direttamente peptidi antimicrobici sulle superfici mucose e modulando la funzione dei linfociti T. 2 Studi osservazionali dell’era pre-pandemica hanno riscontrato un’associazione tra bassi livelli di vitamina D e un aumentato rischio di infezioni delle vie respiratorie. 3 I risultati di studi randomizzati controllati sono stati contrastanti, ma due grandi meta-analisi hanno trovato alcune prove di un effetto protettivo dell’integrazione di vitamina D contro le infezioni del tratto respiratorio, in particolare negli individui carenti di vitamina D. 5 La vitamina D può aiutare a proteggere dal covid-19?

A livello meccanicistico, la vitamina D aumenta le difese antivirali contro altri virus respiratori, come il virus dell’influenza A e il rinovirus. 7 I dati provenienti da studi osservazionali suggeriscono che bassi livelli di 25-idrossivitamina D (25(OH)D) possono essere un fattore di rischio per covid-19 grave. 8 Tuttavia, questa associazione potrebbe essere dovuta a causalità inversa o confondimento 10 : sia il covid-19 che la carenza di vitamina D sono associati indipendentemente con obesità, vecchiaia (>65 anni) e sesso maschile, per esempio. Due nuovi studi randomizzati collegati aggiungono prove tanto necessarie a questa importante domanda.

Il primo studio (doi: 10.1136/bmj-2022-071230 ) è stato condotto nel Regno Unito tra maggio e ottobre 2021. 11 Jolliffe e colleghi hanno randomizzato 3100 partecipanti a un test della vitamina D e 3200 UI/giorno o 800 UI/giorno di vitamina D 3 per sei mesi se le loro concentrazioni di 25-idrossivitamina D nel sangue erano <75 nmol/L. Altri 3100 controlli non hanno ricevuto test né supplementazioni. Gli autori hanno scoperto che nessuna delle dosi di vitamina D ha avuto alcun effetto sull’incidenza del covid-19. Questo studio aveva diversi punti di forza: un’elevata prevalenza (64,6%) di partecipanti con livelli inadeguati di 25-idrossivitamina D (<50 nmol/L), una buona aderenza al protocollo e un endpoint rigoroso con reazione a catena della polimerasi confermata covid-19.

Tuttavia, è necessario riconoscere diversi avvertimenti importanti. In primo luogo, durante lo studio è stata lanciata la vaccinazione contro il covid-19. Al basale, solo l’1,2% dei partecipanti era stato vaccinato, sebbene alla fine dello studio l’89,1% (5523/6200) avesse ricevuto almeno una dose. È possibile che la vaccinazione abbia mascherato qualsiasi effetto della vitamina D. In particolare, nel gruppo non vaccinato, il covid-19 era meno frequente tra i partecipanti che assumevano 3200 UI/die rispetto al gruppo di controllo senza supplementazione (0/68 (0,0%) v9/191 (4,7%)), ma la differenza non era statisticamente significativa. In secondo luogo, il farmaco in studio è stato fornito in aperto, quindi la consapevolezza dei partecipanti all’assunzione di un farmaco attivo potrebbe aver influenzato il comportamento di ricerca della salute e quindi i risultati. Infine, quasi il 50% dei partecipanti al controllo ha assunto integratori di vitamina D durante il periodo di studio, che avrebbero potuto diluire gli effetti della vitamina D.

L’altro studio è stato condotto in Norvegia tra novembre 2020 e giugno 2021, utilizzando olio di fegato di merluzzo come surrogato di un’integrazione di vitamina D a basse dosi (400 UI/giorno). 12 Brunvoll e colleghi (doi: 10.1136/bmj-2022-071245 ) hanno randomizzato 34.741 partecipanti a 5 ml di olio di fegato di merluzzo o 5 ml di olio di placebo al giorno per sei mesi. Ancora una volta, gli autori non hanno riscontrato alcun effetto dell’olio di fegato di merluzzo su alcun risultato, inclusa la reazione a catena della polimerasi confermata da covid-19.

Un’ampia dimensione del campione e un disegno controllato con placebo mascherato sono stati i punti di forza di questo studio. Una limitazione era che solo il 35% dei partecipanti è stato vaccinato durante lo studio, sebbene un’analisi stratificata non abbia riscontrato alcun effetto nel gruppo non vaccinato. Inoltre, i partecipanti erano relativamente giovani e sani e l’86,3% aveva livelli di vitamina D adeguati (>50 nmol/L) al basale. La maggior parte dei partecipanti erano donne (65%), la maggior parte aveva un indice di massa corporea normale (media 26,1) e l’età media era di 44,9 anni. Infine, l’olio di fegato di merluzzo contiene anche una notevole quantità di vitamina A, che è un potente immunomodulatore. 13 Un’assunzione eccessiva di vitamina A può causare effetti avversi e può anche interferire con gli effetti mediati dalla vitamina D sul sistema immunitario. 14 15 16

Entrambi i gruppi di ricerca dovrebbero essere elogiati per aver completato studi clinici ampi e ben progettati durante la pandemia di covid-19 con le sue sfide logistiche impreviste. Tuttavia, i risultati nulli degli studi dovrebbero essere interpretati nel contesto di un vaccino altamente efficace lanciato durante entrambi gli studi.

La vaccinazione è ancora il modo più efficace per proteggere le persone dal covid-19 e la supplementazione di vitamina D e olio di fegato di merluzzo non dovrebbe essere offerta a persone sane con livelli normali di vitamina D. È importante sottolineare che questi nuovi studi rimangono compatibili con le due grandi meta-analisi che suggeriscono che l’integrazione di vitamina D può essere benefica per gli individui carenti di vitamina D. 5Un approccio pragmatico per il clinico potrebbe essere quello di concentrarsi sui gruppi a rischio; coloro che potrebbero essere testati prima dell’integrazione, comprese le persone con la pelle scura o la pelle raramente esposta al sole; donne incinte; e anziani con malattie croniche. Per chi ha livelli di vitamina D inadeguati (<50 nmol/L), l’integrazione con 1000-2000 UI/die potrebbe essere un modo sicuro, semplice ed economico per ripristinare i livelli di vitamina D, migliorare la salute delle ossa e sfruttare ogni possibile protezione effetto contro le infezioni delle vie respiratorie.

fonte: BMJ

(Visited 29 times, 1 visits today)

Lascia un commento