Vai al contenuto

Booster protegge all’82% dalla forma grave e contro varianti che ancora non esistono (Istituto Superiore di Sanità)

  • di

Iss: Con booster protetti dalla malattia grave all’82 per cento. Nature: funzionerebbero contro varianti che non esistono ancora

IFonte: Nature, DOTTNET |

Le preoccupazioni che il sistema immunitario possa rimanere “bloccato” sul ceppo SARS-CoV-2 originale vengono dissipate dagli esperimenti di laboratorio

La dose aggiuntiva del vaccino anti Covid-19 protegge per l’82% dalla malattia severa. Lo indica l’Istituto Superiore di Sanità (Iss) nel suo rapporto settimanale su “Covid-19, sorveglianza, impatto delle infezioni ed efficacia vaccinale”. Risulta inoltre che con il ciclo completo (due dosi), l’efficacia del vaccino nel prevenire la malattia severa è del 62,5% nei vaccinati con da meno di 90 giorni, del 64% nei vaccinati tra 91 e 120 giorni e del 69% oltre 120 giorni. 

Ma non è tutto: i richiami contro le attuali varianti di SARS-CoV-2 possono aiutare il sistema immunitario umano a combattere varianti che non esistono ancora. Questa è l’implicazione di due nuovi studi 1 , 2 che analizzano come un’infezione di richiamo o un’infezione rivoluzionaria colpisce le cellule che producono anticorpi: alcune di queste cellule si evolvono nel tempo per creare esclusivamente nuovi anticorpi che prendono di mira nuovi ceppi, mentre altre producono anticorpi sia contro nuovi che vecchi tensioni.

I risultati forniscono rassicurazione sul fatto che i nuovi vaccini mirati alla variante Omicron forniranno alcuni vantaggi. L’utilità di questi vaccini – che le autorità di regolamentazione statunitensi hanno approvato il 12 ottobre per bambini di appena 5 anni – era stata messa in discussione dai risultati secondo cui il sistema immunitario ha difficoltà a passare da una variante all’altra. “Tutto ciò sta davvero mostrando la genialità del sistema immunitario nel fare ipotesi su come saranno le varianti”, afferma Shane Crotty, virologo presso il La Jolla Institute for Immunology in California. Gli studi sono stati pubblicati il ​​mese scorso sul server della pubblicazione preliminare bioRxiv. Nessuno dei due è stato ancora sottoposto a revisione paritaria.

Testardaggine del sistema immunitario

Dopo che la variante Omicron è emersa lo scorso novembre e ha iniziato a infettare le persone vaccinate, le aziende farmaceutiche si sono affrettate a sviluppare colpi di richiamo specifici per Omicron. Ad agosto, la Food and Drug Administration statunitense ha approvato iniezioni “bivalenti” che prendono di mira le varianti BA.4 e BA.5 e il ceppo originale. A settembre, i regolatori europei hanno approvato un booster contro la variante BA.1 Omicron. Ma l’utilità di queste formulazioni è stata messa in discussione da dati recenti su un fenomeno noto come imprinting immunitario. Gli attori centrali sono le cellule immunitarie chiamate cellule B, che “sono fondamentalmente fabbriche di anticorpi con le luci spente”, dice Crotty. Ogni cellula B produce un solo tipo di anticorpo. Dopo aver incontrato un agente patogeno sconosciuto, il sistema immunitario attiva i linfociti B preesistenti i cui anticorpi riconoscono un antigene che si avvicina di più al nuovo intruso. Il corpo umano ha anche un numero limitato di cellule B in riserva che possono creare anticorpi completamente nuovi contro la nuova minaccia specifica. L’imprinting, chiamato anche “peccato antigenico originale”, si riferisce alla tendenza del sistema immunitario a fissarsi sulla prima versione di un agente patogeno che incontra, indipendentemente dai successivi attacchi di diverse varianti. I ricercatori hanno a lungo preoccupato che il sistema immunitario potesse essere impresso con la versione originale di SARS-CoV-2, il che potrebbe spiegare perché le varianti, come Omicron, eludono agilmente i vaccini mRNA sviluppati contro il ceppo SARS-CoV-2 originale.

Chiamando le truppe

A causa del potenziale impatto dell’imprinting, anche la reazione del sistema immunitario ai booster bivalenti non è stata chiara. Se il sistema immunitario si adattasse per rispondere a nuove varianti, potrebbe creare nuovi linfociti B che producono anticorpi completamente nuovi contro Omicron. Ma potrebbe invece adattare i suoi linfociti B esistenti e impressi. L’immunologo Ali Ellebedy della Washington University di St. Louis, Missouri, lo paragona alla differenza tra “arruolare nuovi soldati nel nostro esercito invece di riqualificare i vecchi veterani”. Per scoprirlo, il team di Ellebedy, che riceve finanziamenti da Moderna, un produttore di vaccini COVID-19 con sede a Cambridge, Massachusetts, ha raccolto campioni di linfonodi da 26 persone e campioni di midollo osseo da 15 persone; tutti avevano ricevuto il vaccino originale e il richiamo di Moderna contro Omicron BA.1. L’analisi ha mostrato che la maggior parte dei linfociti B dei partecipanti riconosceva sia i ceppi originali che quelli di Omicron. I partecipanti allo studio avevano anche alcuni nuovi tipi di cellule B specifiche per Omicron. Queste risposte implicano che le cellule hanno superato l’imprinting e si sono adattate a un nuovo nemico.

Evoluzione degli anticorpi

Nella seconda pubblicazione preliminare, gli scienziati hanno raccolto campioni da sei persone che sono state infettate da Omicron nonostante avessero ricevuto il vaccino originale. Il team ha scoperto che, un mese dopo l’infezione da Omicron, quasi il 97% degli anticorpi dei partecipanti mirati a SARS-CoV-2 legavano ancora il ceppo originale meglio di Omicron BA.1. Ma sei mesi dopo l’infezione, quasi la metà dei linfociti B dei partecipanti ha prodotto anticorpi che legavano Omicron BA.1 meglio del ceppo originale, dimostrando che il sistema immunitario ha continuato ad adattarsi molto tempo dopo che l’infezione era passata.  “È bello vedere le prove che, anche quando è impresso, il sistema immunitario si sta adattando in modi utili per reindirizzare alla nuova variante”, afferma Jesse Bloom, virologo computazionale presso il Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, Washington, che era un coautore del secondo articolo. Dice che potrebbe valere la pena progettare booster che colpiscano i ceppi circolanti, anche se il virus si evolve per evitarli. Questo perché qualsiasi ceppo che si presenta sarà geneticamente più vicino a quello appena precedente che al ceppo originale e ai vaccini contro di esso. A questo punto, dice Crotty, sembra improbabile che qualcuno scopra una parte “magica” del virus che non può mutare per evitare il sistema immunitario. Ora che il virus ha infettato miliardi di persone 4 , ha avuto molte possibilità di escogitare modi per schivare le nostre difese. Ma dice che i giornali sono entrambi rassicuranti, mostrando che il sistema immunitario può essere creativo quanto il virus. “Il sistema immunitario ha [ha avuto] milioni di anni per rendersi conto che se si presenta un virus, c’è una discreta possibilità che nel prossimo futuro si manifesti qualche parente di quel virus”, dice. “Avere una varietà di modi per rispondere è importante.”

Studiare un booster migliore

Michel Nussenzweig, immunologo della Rockefeller University di New York City, è meno convinto. Sottolinea che l’articolo di Bloom aveva una dimensione del campione molto piccola e non mostrava che i nuovi anticorpi potessero effettivamente bloccare le nuove varianti, solo che potevano legarsi ad esso. La sua stessa ricerca 3 ha scoperto che l’infezione da Omicron ha guidato solo l’evoluzione degli anticorpi specificamente contro quella variante, non contro tutti i ceppi SARS-CoV-2. Gli autori di tutti gli articoli concludono che gli sforzi per sviluppare booster “a prova di varianti” dovrebbero concentrarsi sui modi per produrre anticorpi più diversi, piuttosto che anticorpi contro i singoli ceppi. “Speriamo di non dover continuare a fare booster per molto tempo”, dice Crotty. “Ma il virus è al posto di guida”.

Fonte: Nature

(Visited 10 times, 1 visits today)

Lascia un commento