Vai al contenuto

Manifesto per la Pace

  • di

MANIFESTO DELLE CENTONOVANTA PAROLE

1. Poiche’ sembra che di fronte alla guerra, divoratrice di esseri umani, nessun governo si stia adoperando per far cessare la carneficina, occorre che siano i popoli ad insorgere nonviolentemente per imporre ai governi di adoperarsi per la fine delle stragi, per la pace che salva le vite, per il ritorno al rispetto del primo diritto di ogni essere umano: il diritto a non essere ucciso, il diritto a una vita degna.

2. Poiche’ tutte e tutti facciamo parte dell’unica umana famiglia che vive in quest’unico mondo vivente casa comune dell’umanita’ intera e del quale siamo tutte e tutti insieme parte e custodi, e’ responsabilita’ personale e primaria di ogni essere umano agire per far cessare tutte le guerre, tutte le stragi, tutte le uccisioni.

3. Con questa persuasione partecipiamo ed invitiamo a partecipare alle manifestazioni per la pace che si terranno in ogni citta’ d’Italia il 21, 22 e 23 ottobre, ed il 5 novembre a Roma.

*

Ogni vittima ha il volto di Abele.

Salvare le vite e’ il primo dovere.

Solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’ dalla catastrofe.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 18 ottobre 2022

Mittente: il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, e-mail: centropacevt@gmail.com

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta‘ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino”. Da oltre un anno e’ particolarmente impegnata nella campagna per la liberazione di Leonard Peltier, l’illustre attivista nativo americano difensore dei diritti umani di tutti gli esseri umani e dell’intero mondo vivente, da 47 anni prigioniero innocente.

* * *

(Visited 22 times, 1 visits today)

Lascia un commento