Vai al contenuto

No alla feroce repressione in Iran

  • di
Firma ora È agghiacciante: i tribunali iraniani hanno condannato a morte cinque persone per le proteste di massa. È in atto una brutale repressione che sta provocando centinaia di morti, tra cui bambini. La tortura e i processi iniqui sono all’ordine del giorno. Non possiamo restare in silenzio in un momento come questo! Firma e chiedi di fermare le esecuzioni, ci faremo sentire oggi alla riunione delle Nazioni Unite a Ginevra! Firma ora
I tribunali iraniani hanno condannato a morte cinque persone per le proteste di massa che hanno travolto il Paese.

Molte altre sono in grave pericolo. Hanno già assassinato giornalisti, difensori dei diritti umani, studenti universitari, mamme e bambini. Gli arresti arbitrari, la tortura, le sparizioni forzate e i processi iniqui sono all’ordine del giorno.

Il regime non dà tregua e ora ricorre persino alle esecuzioni pubbliche per reprimere la rivoluzione. Dobbiamo schierarci con il popolo in Iran!
La protesta di migliaia di iraniani non si ferma e noi possiamo aiutare a mantenere alta l’attenzione sulla loro lotta per la libertà e la giustizia. Firma ora la nostra petizione urgente per aiutare a fermare le uccisioni. Porteremo le nostre voci direttamente alla riunione di oggi delle Nazioni Unite:
Fermiamo la brutale repressione in Iran Finora, più di 300 manifestanti sono stati uccisi dalla repressione dello Stato, ma le proteste non si fermano. Solo a Teheran sono state incriminate più di 1000 persone, e centinaia sono state arrestate in tutto il Paese.

Gli Stati Uniti, l’UE, il Regno Unito e il Canada hanno adottato sanzioni per i diritti umani contro i leader iraniani e alcune istituzioni, ma è necessario fare molto di più!

Oggi il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha indetto una sessione speciale per discutere delle proteste in Iran. Questo potrebbe portare alla creazione di un organismo indipendente per indagare e contrastare le violazioni dei diritti umani più gravi commesse in Iran durante la recente repressione.

Serve solidarietà a livello mondiale per amplificare la richiesta di libertà e il nostro sostegno può aiutare a dimostrare a chi governa che il mondo intero sta con il popolo iraniano. Unisciti alla campagna per fermare lo spargimento di sangue e condividi con tutti: Fermiamo la brutale repressione in Iran Dalle brutali repressioni in Tibet e in Birmania alla primavera araba, la nostra comunità rimane al fianco dei movimenti per la democrazia. Ora, sosteniamo con forza l’appello di tutte le persone coraggiose in Iran che vengono oppresse perché vogliono un governo che agisca in nome di giustizia, uguaglianza e libertà.

Con speranza e determinazione,

Laura, Wissam, Fadi, Luis, Abdelrahman, Joana, Huiting e tutto il team di Avaaz   Maggiori informazioni: Iran, altre tre condanne a morte per le proteste nel nome di Mahsa (Rai News) L’Iran condanna a morte chi partecipa alle proteste  (Lifegate) Iran: l’UE adotta ulteriori sanzioni nei confronti dei responsabili di gravi violazioni dei diritti umani  (Consiglio europeo) ONU, giovedì consiglio per valutare indagine in Iran  (TF News) Iran, necessaria un’azione rapida del Consiglio Onu dei diritti umani  (Amnesty International)
(Visited 12 times, 1 visits today)

Lascia un commento