Vai al contenuto

Cambiano i sintomi da Covid

  • di

Come stanno cambiando i sintomi del Covid 19

IBritish Medical Jornual, DOTTNET | 02/04/2023 18:07

L’esperto: “La grande paura è che la malattia si muova verso un approccio più trombogenico”

Nel breve spazio di pochi anni abbiamo assistito a cambiamenti sorprendenti nel modo in cui si presenta il covid-19. All’inizio della pandemia i primi sintomi comunemente riportati sono stati la perdita dell’olfatto e del gusto, seguiti da mancanza di respiro e tosse, seguiti da lesioni vascolari, afferma David Strain, docente clinico senior presso la University of Exeter Medical School. “Questo è diventato lo standard che ci aspettavamo”, dice.

Betty Raman, ricercatrice clinica senior presso il Dipartimento di medicina di Radcliffe, Università di Oxford, afferma: “Le persone che presentano le varianti precedenti avrebbero sintomi cardiorespiratori piuttosto gravi o principalmente respiratori nella fase acuta con anche altri sintomi, come la nebbia del cervello. Una percentuale piuttosto significativa è stata ricoverata in ospedale con le varianti precedenti.Da allora c’è stata un’evoluzione dei gruppi di sintomi e delle manifestazioni attraverso le varianti, dice, colpite dall’evoluzione del virus stesso ma anche dai vaccini, dal panorama dei vaccini, dall’uso di altri trattamenti e dalle persone che hanno infezioni ricorrenti. Ciò ha portato a un calo dei ricoveri ospedalieri e a cambiamenti nella frequenza di ciascun sintomo.

Strain afferma che la perdita dell’olfatto e del gusto non è neanche lontanamente diffusa come una volta. “Questo è successo davvero al tempo di omicron”, dice. “Le sottovarianti Omicron BA.1 e BA.2 sembravano migrare da [infettando principalmente] i polmoni e il tessuto nervoso alle vie aeree superiori. BA.1 per molte persone era poco più di un forte raffreddore alla testa. Raman aggiunge che, mentre alcune persone sperimentano ancora la nebbia del cervello, su scala di popolazione questo sembra leggermente meno diffuso con varianti e vaccini più recenti.

Strain stima che all’inizio della pandemia l’infezione abbia provocato danni vascolari in circa il 15-20% dei pazienti – “per alcuni si trattava di semplici ‘dita covid’, ma per altri si trattava di embolia polmonare e danno renale acuto” – mentre un numero minore percentuale ha continuato a sperimentare una tempesta completa di citochine e sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS). “Per fortuna, l’ARDS è quasi completamente scomparso ora che abbiamo la vaccinazione”, dice. “Pochissime persone entrano in quella fase finale.”

Con la vaccinazione, l’immunità da precedenti infezioni e l’evoluzione di omicron per causare un’infezione acuta complessivamente meno intensa, la presentazione dei sintomi si è evoluta. Strain afferma che ora vediamo principalmente sintomi delle vie respiratorie superiori, febbre, mialgia, affaticamento, starnuti, mal di gola e tosse. Osserva che molti di questi non sono specifici del covid-19 e potrebbero anche essere una manifestazione di altre malattie virali.

Sintomi particolari sono associati a varianti particolari

Quando è arrivata la variante alfa, un piccolo studio in Italia ha riferito che era associata a un maggior rischio di dolori muscolari, insonnia, annebbiamento cerebrale, ansia e depressione, 2 mentre i dati dell’app di tracciamento dei sintomi ZOE indicavano che il naso che cola era diventato più comune durante l’onda delta. 3 I dati di ZOE indicano che le sottovarianti BA.4 e BA.5 hanno maggiori probabilità di causare mal di gola e voce rauca. 4 Tim Spector, investigatore capo presso ZOE, ha affermato che la stanchezza mattutina, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola potrebbero ora essere considerati segni di infezione. 5 Anche la sudorazione notturna e l’insonnia sono sintomi che sono emersi più comunemente nella recente era BA.5.

Strain dice che con la sottovariante BA.2 la componente vascolare significava che un sintomo chiave che la maggior parte delle persone presentava era la stanchezza, non dormire a sufficienza o “sonno non ristoratore – in pratica, si svegliavano e si sentivano esausti come se non avessero non riposati, come se non avessero dormito affatto. L’era BA.1 ha visto anche un aumento dei bambini che presentavano sintomi, aggiunge Strain. “[Il nostro ospedale] ha attraversato tutte le onde wild-type, alfa e delta con non più di uno o due bambini in ospedale con esso”, dice. “E poi abbiamo colpito BA.1, e improvvisamente abbiamo avuto 10 o 12 bambini in ospedale con la groppa, la pertosse che stava causando.”

Ma in retrospettiva, dice, ciò è dovuto esclusivamente al fatto che le vie aeree superiori dei bambini sono più piccole, quindi sono state maggiormente colpite dal suddetto cambiamento nel comportamento virale con omicron. “Negli adulti era molto, molto minore”, dice, e “non ha causato problemi”. Più preoccupante è che anche il delirio, un sintomo costante durante la pandemia, in particolare nelle persone anziane che sono più vulnerabili al covid-19, richiede più tempo per risolversi ora, afferma Strain. “Con BA.1, gli adulti più anziani che hanno contratto il covid avrebbero avuto un delirio per circa 2-3 giorni, ma si sarebbe risolto”, dice. “Con BA.4 e 5 ci vogliono settimane per migliorare: siamo tornati a convincere le persone ad andare negli ospedali della comunità o nelle case di cura a breve termine mentre aspettiamo che il delirio si risolva.

“L’effetto a catena è la pressione sugli ospedali: almeno uno dei nostri reparti geriatrici non ha dentro altro che delirio covid. Non sono più contagiosi, non hanno bisogno di essere lì, ma sono persone che non lo sono sicuro di tornare a casa. Uno studio pubblicato su Lancet Psychiatry lo scorso agosto ha rilevato che sono stati osservati più disturbi neurologici e psichiatrici con la variante delta che con la variante alfa e che l’omicron era associato a rischi neurologici e psichiatrici simili. 6

Raman cita uno studio che utilizza i dati dell’app ZOE che ha esaminato vari cluster covid lunghi in base alle varianti. “Ciò che è abbastanza notevole è che i sintomi neurologici dopo il covid-19 acuto sembrano essere una caratteristica piuttosto dominante nei pazienti con le varianti più vecchie: le varianti wild-type, alfa e delta”, dice. “Ciò che è chiaro è che i sintomi neurologici, inclusa la risposta cerebrale, erano sicuramente una caratteristica, una caratteristica piuttosto importante delle varianti più vecchie. E ci sono un numero crescente di segnalazioni che sta diventando meno “.

Quello che non sappiamo, aggiunge Raman, è se ciò sia dovuto alla vaccinazione e all’immunità. Dice: “Il nostro sistema immunitario è ora meglio attrezzato per combattere l’infezione [covid]. E quindi, quella risposta travolgente che vedevamo nella prima fase della pandemia non è più presente e potrebbe non contribuire ad alcune delle manifestazioni più gravi che stavamo vedendo all’inizio della pandemia.

Cosa rende i sintomi più gravi

Lo stato del vaccino, la carica virale, le condizioni mediche sottostanti e le malattie autoimmuni possono influenzare la gravità dei sintomi, afferma Monica Verduzco-Gutierrez, professore e presidente del Dipartimento di medicina riabilitativa presso la Long School of Medicine in Texas. La risposta immunitaria di ogni individuo varierà. Aggiunge: “Certo, ora abbiamo terapie che possono essere avviate all’inizio dei sintomi. L’accesso a tali terapie influenzerà la gravità dei sintomi.

Raman afferma che le persone con comorbilità come obesità, diabete o malattie cardiache tendono ad avere una riserva inferiore dal punto di vista fisiologico. Spiega: “Hanno una riserva fisiologica inferiore per affrontare le infezioni, non solo le infezioni da coronavirus ma anche altre infezioni. E non è solo la capacità del corpo di far fronte alla maggiore richiesta di ossigeno, alla maggiore richiesta di nutrimento ed energia, ma anche alla riserva [delle cellule] immunitaria pronta a combattere e debellare l’infezione. Anche questo sembra essere inferiore nei pazienti con più comorbilità”.

Aggiunge: “Molte di queste condizioni sono esse stesse infiammatorie. Quindi, hai un sistema immunitario costantemente attivato a causa del danno che viene fatto, sia come risultato della malattia che come causa della malattia. Ciò mantiene essenzialmente il sistema immunitario costantemente funzionante. . . c’è l’esaurimento del sistema immunitario, che diventa quindi disadattato o disregolato. E questo contribuisce a una risposta che dura più a lungo, che può essere più grave, forse anche associata a tempesta di citochine. “È un sistema immunitario disregolato che sembra essere importante e critico nel determinare la gravità delle infezioni acute”.

Come potrebbero cambiare i sintomi in futuro

Strain sospetta che una delle varianti BA.4 e BA.5 “sta sicuramente causando di nuovo la malattia respiratoria. . . Stiamo iniziando a vedere riapparire la polmonite da covid, anche se non è neanche lontanamente così grave come lo era in prima istanza. Detto questo, aggiunge: “Non credo che nessuno si aspetti che torni ai polmoni. Da un punto di vista evolutivo, il salto alle vie aeree lo ha reso molto più trasmissibile perché si può iniziare a diffonderlo prima. Hai bisogno di concentrazioni più basse per diventare contagioso perché sei proprio nelle vie aeree superiori piuttosto che in profondità nei polmoni. Il solo respirare e parlare si sta diffondendo.

Ma avverte che questo non significa che non diventerà più grave in modi diversi. “La grande paura è che la malattia si muova verso un approccio più trombogenico”, dice. “Lo abbiamo visto con BA.2. L’abbiamo visto con la variante delta, che stavamo ottenendo enormi aumenti del D-dimero [indicando] un enorme rischio di coaguli”. Le varianti precedenti hanno visto più pazienti covid presentarsi fino a 12 mesi dopo con infarti o ictus, e c’è un aumento del rischio di diabete di tipo 1 e possibilmente di demenza. Solo il tempo dirà se questa era una caratteristica delle varianti precedenti e se persisterà con omicron.

fonte: BMJ

(Visited 45 times, 1 visits today)

Lascia un commento