Vai al contenuto

Vaccinazione anti-Covid: adesso over 80, autunno over 60

  • di

Vaccinazione anti-Covid: adesso over 80, autunno over 60

UE, DOTTNET | 05/04/2023 11:57

Una campagna mirata a tutti gli over 60 in autunno in concomitanza con la vaccinazione antinfluenzale si potrebbero ridurre i ricoveri in misura del 32% e che, anticipando a questa primavera la vaccinazione degli over 80

L’Ecdc ha pubblicato le raccomandazioni sulle prossime vaccinazioni in previsione di una possibile nuova ondata di Covid in concomitanza con la stagione influenzale autunnale. La raccomandazione dell’agenzia europea si basa su alcuni modelli matematici che hanno valutato due ipotesi di campagna di vaccinazione:

– un programma di vaccinazione dell’autunno 2023 con un’elevata diffusione del vaccino rivolto a persone di età pari o superiore a 60 anni che dovrebbe prevenire fino al 32% dei ricoveri correlati a COVID-19 nell’UE/SEE .

– la combinazione di un programma di vaccinazione dell’autunno 2023 per le persone di età pari o superiore a 60 anni con una campagna di vaccinazione della primavera 2023 per le persone di età pari o superiore a 80 anni che dovrebbe prevenire fino al 44% dei ricoveri correlati a COVID-19.

In ogni caso, secondo l’Ecdc, gli sforzi maggiori dovrebbero concentrarsi sulla protezione degli anziani e di altri gruppi vulnerabili, come quelli con comorbidità sottostanti e il immunocompromessi, indipendentemente dall’età.
Secondo i dati di sorveglianza dell’ECDC, con ogni nuova ondata di infezione da COVID-19, le persone nelle fasce di età più anziane hanno infatti maggiori probabilità di essere ricoverate in ospedale e i dati suggeriscono una trasmissione persistente di SARS-CoV-2 nei paesi UE/SEE e quindi un rischio continuo di malattia grave per i gruppi vulnerabili.  Sebbene finora non sia emerso un chiaro modello stagionale della circolazione del virus, i dati mostrano che l’impatto della malattia è stato molto più elevato durante il periodo autunno-inverno, corrispondente alla tradizionale stagione influenzale.

Nel condurre la modellazione matematica, gli esperti dell’ECDC hanno preso in considerazione le conoscenze raccolte su una serie di fattori, tra cui la diminuzione dell’efficacia del vaccino, i gruppi di età interessati dalla più recente campagna di richiamo del vaccino autunno/inverno 2022/23 e la situazione epidemiologica del 2022. Le decisioni nazionali sulle migliori strategie adatte al contesto epidemiologico locale, conclude l’Ecdc, “dovrebbero essere prese dai paesi, tenendo conto del loro contesto specifico, soprattutto considerando la probabile diffusione in una determinata fascia di età per massimizzare l’impatto”. Inoltre “permangono notevoli incertezze sui futuri sviluppi epidemiologici e ciò potrebbe influenzare le decisioni future”.

Le raccomandazioni dell’Ecdc
I paesi dovrebbero pianificare un’introduzione continua dei vaccini COVID-19, in particolare durante la stagione autunno/inverno, e tener conto delle seguenti considerazioni:

  • gli sforzi di vaccinazione dovrebbero concentrarsi sulla protezione delle persone di età superiore ai 60 anni e di altri individui vulnerabili indipendentemente dall’età (come quelli con comorbidità sottostanti e gli immunocompromessi) durante le stagioni autunno/inverno 2023;
  • per massimizzare la protezione individuale, dovrebbe essere presa in considerazione anche l’offerta della vaccinazione COVID-19 durante la primavera del 2023 alle persone di età superiore agli 80 anni e ad altri adulti vulnerabili, indipendentemente dall’età. Ciò potrebbe anche avere un effetto sostanziale a livello di popolazione, se si prevede che l’assorbimento sarà elevato;
  • per le campagne di vaccinazione autunno/inverno, i paesi dovrebbero prendere in considerazione campagne di vaccinazione combinate contro COVID-19 e influenza, poiché questo approccio potrebbe essere più efficiente in termini di amministrazione, logistica e costi.
  • Se viene intrapresa una campagna di vaccinazione primaverile contro il COVID-19, dovrebbe esserci un tempo adeguato tra la campagna primaverile e quella autunnale.
  • Le considerazioni di cui sopra sono coerenti con i recenti punti salienti presentati dallo Strategic Advisory Group of Experts on Immunization (SAGE) dell’OMS, che ha definito i gruppi ad alta, media e bassa priorità per la continuazione della vaccinazione contro il COVID-19 rispetto all’attuale scenario epidemiologico. Nei punti salienti della tabella di marcia aggiornata, SAGE raccomanda una dose di richiamo aggiuntiva per i gruppi ad alta priorità, sei o 12 mesi dopo l’ultima dose, con il lasso di tempo che dipende da fattori come l’età e la condizione di immunocompromissione. SAGE indica che queste raccomandazioni non dovrebbero essere viste come continui richiami annuali del vaccino COVID-19.
  • Nel complesso, le decisioni a livello nazionale relative alla vaccinazione COVID-19 per il 2023 continueranno a dipendere da una serie di fattori chiave in evoluzione, come la specifica situazione epidemiologica nazionale, la possibile evoluzione del virus, la disponibilità di vaccini (compresi i vaccini aggiornati), l’efficacia del vaccino e protezione nel tempo, prove sull’effetto di richiami ripetuti, grado di immunità ibrida nella popolazione, adozione prevista del vaccino in diversi gruppi di età, accettazione del vaccino e capacità dei sistemi sanitari di fornire vaccinazioni nel contesto di altre priorità di sanità pubblica concorrenti durante la fase post-pandemia.
  • Promuovere l’accettazione e l’adozione della vaccinazione COVID-19 diventa difficile nel contesto del calo dell’interesse della popolazione a farsi vaccinare e della percezione di un “ritorno alla normalità”. Devono essere identificati i fattori che portano al calo dell’assorbimento, anche nelle popolazioni precedentemente disposte a essere vaccinate. Le future campagne di vaccinazione potrebbero prendere in considerazione lo sviluppo di una comunicazione mirata, concentrando gli sforzi sul raggiungimento di gruppi ad alta priorità attraverso canali e messaggeri affidabili e fornendo informazioni chiare su quali gruppi si raccomanda la vaccinazione, il tipo di vaccini disponibili e i tempi. Si dovrebbe anche ricordare alle persone perché è importante rimanere aggiornate con la vaccinazione (in particolare quelle nei gruppi a rischio per COVID-19 grave).
(Visited 28 times, 1 visits today)

Lascia un commento