Vai al contenuto

ONU: resistenza agli antibiotici è una minaccia fondamentale per la salute

  • di

La resistenza agli antibiotici è in aumento in tutto il mondo e potrebbe esserci una ragione sorprendente: l’inquinamento atmosferico. In uno studio pubblicato sulla rivista Lancet Planetary Health, gli scienziati hanno osservato una connessione tra questi due fenomeni apparentemente diversi. I ricercatori hanno esaminato i livelli di inquinamento atmosferico chiamato PM2.5 – a volte chiamato anche inquinamento da particelle o inquinamento da particolato – e i livelli di resistenza agli antibiotici in 166 paesi. I risultati hanno mostrato una correlazione tra alti livelli di inquinamento atmosferico da PM2.5 e alti livelli di resistenza agli antibiotici che sono diventati ancora più forti nel tempo. Con l’aumento dei livelli di inquinamento da particelle, aumentano infatti anche i livelli di resistenza agli antibiotici.

Inquinamento atmosferico e resistenza agli antibiotici sono le principali minacce alla salute globale

La US Environmental Protection Agency definisce l’inquinamento da particelle come il mix di goccioline solide e liquide che galleggiano nell’aria. Può presentarsi sotto forma di sporco, polvere, fuliggine o fumo. L’inquinamento da particolato proviene da centrali a carbone ea gas naturale, ma anche da automobili, agricoltura, strade non asfaltate, cantieri e incendi. La resistenza agli antibiotici, nota anche come resistenza antimicrobica o AMR, si verifica quando un particolare agente patogeno – un batterio, un parassita o un fungo – sviluppa una tolleranza a un certo tipo di medicinale rendendolo inutile nel combattere le infezioni. La resistenza agli antibiotici è diventata un problema significativo in tutto il mondo, accelerando a un «un ritmo allarmante» e causando circa 700mila morti in più ogni anno. L’ONU considera la resistenza agli antibiotici una «minaccia fondamentale» per la salute e la sicurezza dell’intero pianeta.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Lascia un commento