Vai al contenuto

Come lavorare bene, essere felici e invecchiare bene?

  • di

Come si fa a lavorare bene, essere felici, e invecchiare bene?

di Giancarlo Savorani, psico-geriatra, Bologna

LAVORO, SALUTE, INVECCHIAMENTO. LONGEVITA’ ATTIVA E DI SUCCESSO

Lo stile di vita sano permette di superare il gap fisiologico fra giovani e vecchi, e quello tra lavoro negativo e tempo libero, seguendo i principi della visione olistica dell’uomo e della sua unitarietà tra mente, corpo e cervello.

 ——————————————————————– 

Come si fa a lavorare bene, produrre di più e essere felici, e invecchiare bene?

Uno potrebbe rispondere: ci vogliono i soldi, più soldi perché coi soldi si sta meglio e si è più felici.  Un altro, l’Economist qualche tempo fa, ha scritto: lasciateli lavorare (i vecchi)! e aggiungiamo…con soddisfazione, perché la vecchiaia non esiste e solo l’attività gratificante crea il benessere psicofisico.    E la nuova tendenza dei giovani in tutto il mondo è quella di lavorare sì, ma non troppo (il quiet quitting o toccare i pesci in cinese), con calma senza sforzarsi perché la vita è altro. I  NEET non cercano lavoro né studio, né figli, per vivere senza pensieri e senza stress, magari si licenziano, depressi e sfiduciati dal COVID e dall’ECOansia, angoscia e panico per il futuro. Sondaggio Gallup ‘22: in tutto il mondo solo il 21% dei lavoratori, non solo giovani, si sente impegnato ed entusiasta, mentre il 44%, record, si sente stressato e senza scopo.

E allora la Professoressa di Parma si chiede: ma a cosa serve tutta la spesa della Medicina estetica e antiAging? E’ un enorme mercato  di 67 miliardi di fatturato nel 2022 che può raddoppiarsi nel 2030   alla ricerca dell’elisir dell’eterna giovinezza,  con il ringiovanimento di cellule organi trasfusioni di plasma e di sangue dei figli…. E conclude citando la frase di Dostoevskij “la bellezza salverà il mondo”.

–  Almeno  dal 1987 (Stramba Badiale)  e poi con l’inizio del nuovo secolo è sorta la consapevolezza che l’anzianità non doveva essere un handicap per la vita sociale economica e famigliare,  con un peso insostenibile tale da condurre al fallimento, ma andava considerata come un semplice adattamento organizzativo tra uomo anziano e società, secondo le diverse esigenze e aspettative  di entrambi.                       I numeri sono noti:

-la natalità è scesa a 1,24 figli per donna, da aumentare a 2,1 secondo gli esperti (ma in quanto tempo?), mentre la popolazione mondiale ha superato gli 8 miliardi e le risorse del pianeta sono limitate, non esiste un pianeta B!;

-il rapporto fra lavoratori (da 15 a 64 anni) e pensionati nel 2050 sarà di 1:1 (ma chi pagherà le pensioni?);

-l’aspettativa di vita già stimata in media in 82,6 anni, aumenterà  nel 2070 fin oltre gli 86 anni per gli uomini e gli 89 per le donne;

-infine si sa che con l’avanzare dell’età aumentano le malattie croniche con relativo incremento di cure e assistenza cioè costi per la società.

Quindi l’invecchiamento in atto e futuro deve essere accompagnato dall’aumento della natalità (ma la popolazione mondiale ha raggiunto già 8mld come detto) e  al contempo aumentando il tempo di lavoro buono e in modo flessibile, con l’incremento della aspettativa di vita in buona salute.  Per questo a Davos si ipotizzò qualche anno fa di dover lavorare fino a 90 anni a fronte di una aspettativa di vita di 150. E la Calico si occupa di allungare la vita fino a 500aa con le nuove biotecnologie attirando finanziamenti favolosi. Mentre Confindustria plaude al nuovo mercato degli over 65, la silver economy, che vale in Italia 200 mld, 20%, e si prevede salga al 25% nel 2030 e  al 30% nel 2050. 

Dunque, se vogliamo stare coi piedi per terra come insegnano i Chirurghi, affidiamoci  alle evidenze scientifiche consapevoli della loro evoluzione, e innanzitutto alla PREVENZIONE.

————————————————————————

LO STILE DI VITA:  i 7/9 Pilastri della Salute; i 20 consigli del Benessere; le 8 regole essenziali ecc….. Molteplici sono ormai diventati  i fattori le indicazioni i modi per invecchiare bene, restare in salute, essere soddisfatti con attività/lavori gratificanti e leggeri secondo le proprie individuali potenzialità. Dalle evidenze  degli esperti alle notizie del web  sappiamo cosa fare senza nulla più inventare , occorre solo applicare a noi stessi singolarmente ciò che è meglio per sé.   ESEMPI.. alimentazione, attività fisica e mentale, sonno, relazioni sociali (better togheter), ottimismo, giocare, luce e cronomedicina ritmi circadiani.

 Il mantra della Prevenzione ormai si sta fortunatamente diffondendo, altrimenti sarebbe davvero il default personale e sociale di tutti i sistemi di welfare.

Concludo con Luigi Ferrucci: “E’ necessario creare un mercato del lavoro che da un lato sia aperto agli anziani capaci e disponibili… dall’altro offra opportunità di pensionamento anticipato” flessibile.

CITAZIONI

La nuova longevità. Libro di Scott.  “I nuovi 100 anni saranno gli attuali 60”. Craig Venter.                                “Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire…il benessere” Vittorino Andreoli.                                   “Certo che un mondo dove i vecchi lavorano e i giovani dormono, prima non si era mai visto. …..che sia il segno di una nuova e geniale maniera di vivere… per giunta pagato dal lavoro altrui (il lavoro dei vecchi)”. Michele Serra: Gli sdraiati.  “Bisogna sostituire il termine “società che invecchiano” con “società diverse per età”. Il lavoro fa bene in generale, Cartensten.  Chi va in pensione più tardi vive meglio e più a lungo. L’ invecchiamento della popolazione segnerà il mercato del lavoro e il welfare dei prossimi decenni. Considerando tutte le critiche possibili, non c’è nessuna ragione per non trattenere al lavoro gli over65 che lo desiderano, offrendo smart working, part-time, flessibilità di orari e pensionamento, in un quadro di formazione e aggiornamento continui -kaizen-. I lavoratori qualificati.. possono trasmettere la loro esperienza. Gabanelli/Tortora.

   Crisi,recessione,inverno,inferno demografico. Recessione scolastica.

7 GIOCHI E INDOVINELLI PER ESERCITARE LA MENTE

  1. MELONI IN BURRASCA= personaggio presente        bart.
  • LENI  GRUBER     = personaggio non presente          bart.
  • Anagrammi e finale da trovare simile

CORTESIA,  cortesia, SIATE ROC, SCIATORE, CARTESIO… C——E        lenaz

                                                                             OSIMHEN=SIMEONE

  • DI-VINO,  altre parole con DI da spezzare
  • LA PAROLA CORRELATA A TUTTE LE ALTRE                             rai

PORTARE, NON, SELFIE, TARGA, FAMIGLIA = _________________

  • SINONIMI E CONTRARI

Il contrario di PICCOLOMINI=  2 parole

Il contrario di PROFILO= 2 parole

E all’Università il contrario di  PRORETTORE ? con 3 parole       bart.

  • Catena: BENEFICENZA,  L…………..,  B………….,   P………….,  B………,  A………, MICROFONO

Indovinello l’aquila.

(Visited 37 times, 1 visits today)

Lascia un commento