Vai al contenuto

La reliquia di san Gennaro e le ferite mai guarite

  • di

La reliquia di san Gennaro e le ferite mai guarite

 Il Regno 22 Settembre 2023 

La reliquia di san Gennaro e le ferite mai guarite

Non voglio essere irriverente e perdonatemi se azzardo un’interpretazione fantasiosa e forse distante dalla tradizione. Ma a volte mi domando, pensando al sangue del nostro martire Gennaro, se la sua liquefazione piuttosto che un fatto di cui stupirsi, non sia la semplice fotografia di ciò che purtroppo continua ad avvenire nella storia, anche nella storia della nostra città, ogni qual volta viene versato il sangue dei poveri con le ingiustizie, con la violenza del potere come dell’economia, con la brutalità dei gesti come delle parole! Infatti, ogni volta che una persona viene ferita, umiliata, non rispettata nella sua dignità, non considerata come creatura ma come numero, oggetto, caso… non viene forse ferita l’immagine di Dio? Ogni qualvolta ci lasciamo trascinare dal peccato, dal male, dal rifiuto di ascoltare ciò che di più sano e nobile la nostra coscienza ci propone… non viene forse ferita l’immagine di Dio?

Il vero miracolo: quando questo sangue sarà per sempre coagulato

Ecco, a volte credo che la reliquia di questo sangue stia lì a ricordarci questa ferita viva e sempre attuale, questa emorragia mai guarita, questo fluire di sangue mai interrotto. E proprio per questo credo che il vero miracolo si realizzerà il giorno in cui questo sangue sarà per sempre duro, compatto, coagulato! Si, credo che il vero miracolo avverrà quando la giustizia bacerà la pace, quando il bene sovrasterà il male per sempre, quando la buona notizia di Gesù Cristo prosciugherà il dolore del mondo, illuminerà definitivamente il buio, porterà a compimento ogni cosa, entrerà così profondamente nel cuore degli uomini e delle donne che le loro parole, le loro azioni, i loro pensieri saranno solo bene, bontà, bellezza».

+ Domenico Battaglia

Parole nuove e radicali

Quello che avete appena letto è il passaggio centrale dell’omelia pronunciata da mons. Domenico Battaglia, arcivescovo di Napoli, il 19 settembre, solennità di San Gennaro, mentre nella cattedrale partenopea si ripeteva il miracolo della liquefazione del sangue del martire. Parole che meritano, per la loro radicalità evangelica, di essere diffuse e sottolineate (ben al di là della non troppo vasta eco che hanno ricevuto sui media), così come merita di essere letta l’intera omelia, che si trova sul sito della Chiesa di Napoli (G. Mc).

(Visited 29 times, 1 visits today)

Lascia un commento