Vai al contenuto

La depressione avanza, anche per le paure legate alle guerre

  • di

La depressione avanza, anche per le paure legate alle guerre

MINISTERO DELLA SALUIE, PSICHIATRIA REDAZIONE DOTTNET | 06/11/2023 12:14

Dai dati del recente Rapporto salute mentale del Ministero della Salute

La depressione avanza tra gli italiani, complice anche una situazione situazione sociale ed economica difficile, dettata dal conflitto in Ucraina scoppiato nel 2022 e che il nuovo conflitto israelo-palestinese potrebbe contribuire ad acuire.  Dal rapporto emerge che è in aumento di 2 milioni la spesa lorda complessiva in regime convenzionato per gli antidepressivi, che raggiunge la quota di oltre 400 milioni (in media oltre 6 euro l’anno per ogni italiano) con un numero di confezioni erogate pari quasi a 38 milioni, una media nazionale di oltre una confezione per ogni due persone, dato che fa marcare un aumento di oltre 300mila rispetto al 2021. Un numero elevato di consumi di antidepressivi rispetto alla media nazionale si rileva in Toscana, in Liguria e in Umbria, minore invece in Friuli Venezia Giulia, Campania e Puglia. Dall’analisi emerge anche che la patologia più frequente tra i 776.829 utenti psichiatrici assistiti nei servizi territoriali è proprio la depressione, con 174.257 utenti e una crescita dell’1,6% rispetto al 2021.

Comunque un dato basso se raffrontato ad una stima di quasi 3 milioni di italiani che soffrono di depressione, che nel 40% dei casi non chiedono aiuto a medici ed operatori sanitari.   “L’aumento della depressione può essere reattivo non solo al periodo pandemico ma anche ad una situazione sociale ed economica difficile, considerando in particolare che nel febbraio 2022 è scoppiata la guerra vicino a noi con l’invasione della Russia in Ucraina. Il conflitto israeliano palestinese, se dovesse estendersi, potrebbe alimentare nuovi sentimenti di paura e depressione, in particolare per le persone più fragili dal punto di vista emotivo e sociale. La depressione può essere curata con interventi psicoterapeutici e psicofarmacologici, fermo restando i possibili interventi di carattere sociale”.   “Servirebbero più risorse, a partire da più psichiatri e psicologi psicoterapeuti, nei dipartimenti di salute mentale, per i quali viene destinato il 2,72% del fondo sanitario nazionale, a fronte del necessario 5%. In termini assoluti servirebbero quasi 3 miliardi”.

(Visited 47 times, 1 visits today)

Lascia un commento