Vai al contenuto

Chi possiede un cane riduce del 40% il rischio di soffrire di demenza senile

  • di

Le buone abitudini di chi ha un cane riducono il rischio demenza

Istituto metropolitano di geriatria e gerontologia di Tokyo, GERIATRIA REDAZIONE DOTTNET

Lo rivela una ricerca giapponese condotto dall’Istituto metropolitano di geriatria e gerontologia di Tokyo.    Chi possiede un cane riduce del 40% il rischio di soffrire di demenza senile in vecchiaia, un’eventualità che invece è più remota per i proprietari di gatti.  quanto stabilisce una ricerca giapponese condotto dall’Istituto metropolitano di geriatria e gerontologia di Tokyo. Lo studio ha interessato più di 11mila persone di età compresa tra i 65 e gli 84 anni – che hanno partecipato volontariamente a un’indagine epidemiologica condotta dal governo della capitale, assieme a un team di ricercatori che ha esaminato la percentuale di persone che hanno sviluppato la demenza tra il 2016 e il 2020.

Il “rapporto di probabilità” che indica il rischio di sviluppare la malattia, è stato calcolato come 0,6 per i proprietari di cani e 0,98 per i proprietari di gatti, rispetto a 1 per coloro che non possedevano nessuno dei due animali domestici. Secondo Yu Taniguchi, ricercatore dell’Istituto nazionale per gli Studi Ambientali, prendersi cura di un cane aiuta le persone a conservare abitudini di esercizio quotidiane e opportunità di inclusione sociale, un fattore che a sua volta riduce il rischio di sviluppare la demenza senile.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Lascia un commento