Vai al contenuto

Un altro crimine di pace in un luogo di lavoro: a Novi di Modena

  • di

Un altro crimine di pace in un luogo di lavoro: a Novi di Modena

di Vito Totire* Febbraio 15, 2024

Continua “inarrestabile” la strage sui luoghi di lavoro; ancora una volta, in pochi giorni, l’ennesimo evento mortale che ha riguardato un lavoratore “anziano”; le cronache sono molto scarne ; sappiamo che è successo a Novi di Modena, dentro una azienda di via Milano, la vittima aveva 70 anni ed è caduta sfondando un lucernaio; il tragico evento ripropone alcune domande ormai retoriche :

  • È concepibile morire per un rischio che l’uomo conosce da sempre ? il rischio è la caduta dall’alto , quindi la forza di gravità, in un contesto in cui stai poggiando i piedi su un substrato che , è persino prevedibile, non reggerà il peso ; ma allora a monte dell’omicidio sul lavoro c’è la “fretta”, l’incuria, la sottovalutazione del rischio , un DVR lacunoso oppure “fatto bene” ma “rimasto nel cassetto”
  • Una seconda questione è: vogliamo finalmente rapportare la valutazione del rischio, come prescrive il decreto 81/2008 anche alle differenze di genere, di età e di paese di provenienza (si intende ovviamente, per questo, la necessità di tenere conto della cultura dei singoli lavoratori) ? dopo i 40 anni e ancora di più dopo i 50 le capacità di performance lavorativa cambiano e i compiti devono essere assegnati al singolo lavoratore tenendo conto della sua salute e della sua sicurezza
  • Ma se i governi di tutto il mondo lavorano per procrastinare il più possibile la età pensionistica anche per lavori particolarmente nocivi e usuranti, cosa spinge un operaio di 70 anni a lavorare in un cantiere e a salire su un tetto o a fare il benzinaio o altro ancora ? forse che, senza tirare a indovinare, la molla è UNA PENSIONE DA FAME a cui eventualmente si è arrivati a seguito di una storia lavorativa “in nero” ?

Nell’esprimere il nostro sentimento di lutto sulla ultima “morte annunciata” lanciamo la proposta di AVVIARE UNA INCHIESTA SOCIALE DAL BASSO SU QUESTO ENNESIMO TRAGICO EVENTO ;

nella provincia di Modena abbiamo avuto tanti “casi” particolarmente raccapriccianti, basti ricordare la morte di Leyla due anni fa , fermo restando che ogni “caso” è grave e va perseguito energicamente; peraltro come le cronache giudiziarie ci dicono : i responsabili degli omicidi sul lavoro sono riusciti a garantirsi efficaci e ignobili “scudi penali” che coincidono sostanzialmente con la quasi impunità;

gli obiettivi che dobbiamo tentare di raggiungere sono , da sempre, quelli che abbiamo ribadito fin dal giorno della nascita della RETE NAZIONALE LAVORO SICURO (Modena 26.5.2022):

  • UGUALE SPERANZA DI VITA, DI SALUTE E DI BENESSERE LAVORATIVO PER TUTTI/E
  • ARRIVARE IL GIORNO PRIMA E NON IL GIORNO DOPO, AL FUNERALE

Diamo avvio alla “inchiesta sociale dal basso”
Organizziamo la resistenza contro il lavoro nocivo , usurante e mortale
I “nonni” ai giardini con i nipotini e non nei cantieri, basta con le pensioni da fame

Vito Totire

portavoce RETE NAZIONALE LAVORO SICURO
vitototire@gmail.com retenazionalelavorosicuro@gmail.com

(Visited 13 times, 1 visits today)

Lascia un commento