Vai al contenuto

All’Italia il primato europeo delle morti per antibiotico-resistenza

  • di

In Italia il primato europeo delle morti per antibiotico-resistenza

Ogni anno in Italia muoiono 11mila persone, va limitato l’abuso di farmaci

di Carlotta Di Santo, DIRE

antibiotico resistenza

Siamo di fronte ad una vera pandemia: abbiamo 4mln e 950mila morti calcolati nel 2019 per antibiotico-resistenza e almeno 1mln e 300mila direttamente legati alla infezione da germi multiresistenti. In Italia ogni anno si calcola che muoiano 11mila persone per l’antibiotico-resistenza, siamo purtroppo il Paese in Europa con il maggior numero di morti. Abbiamo 2mln e 700mila giornate di degenza occupate ogni anno, è come se tutti i letti del Friuli e del Trentino venissero occupati solo per curare le infezioni da germi multiresistenti. Inoltre, 2mld e 400mln spesi ogni anno. Questi numeri fanno rendere conto di quello che è l’impatto che l’antibiotico-resistenza ha in questo momento sulla sanità pubblica e sull’economia italiana.

L’intervento che bisogna mettere in atto è purtroppo molto variegato, perché deve calcolare le diverse situazioni a tutto campo. Certamente c’è da fare formazione non solo nella classe medica e in quella sanitaria, ma anche nella popolazione. Abbiamo parlato tante volte dell’abuso dei farmaci, soprattutto degli antibiotici, e di tutte quelle misure che abbiamo imparato per il contenimento, quindi il lavaggio delle mani e fare attenzione, quando si è ammalati, a non trasmettere l’infezione alle altre persone. Certo, un intervento nell’ospedale è molto complicato perché vuol dire mettere in atto tutte le misure di sanificazione e i controlli ambientali. Ma questa è una strada che non può essere non percorsa, dobbiamo farlo, altrimenti i numeri tenderanno ancora di più ad aumentare e diventerà un problema a cui non potremo più offrire soluzioni.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Lascia un commento