Vai al contenuto

Prevenzione papilloma virus, meningococco B e fuoco di Sant’Antonio: novità in arrivo

  • di

Prevenzione papilloma virus, meningococco B e fuoco di Sant’Antonio – novità in arrivo

di Paolo Ferraresi, presidente dei Comitati consultivi misti dell’AUSL di Bologna

Piano di prevenzione regionale aggiornato e rafforzato rispetto a quello nazionale: già da quest’anno maggiore vaccini gratis per adolescenti, ragazzi e persone fragili

La Regione Emilia-Romagna rafforza  il proprio impegno per la tutela della salute dei cittadini, arricchendo, già a partire da quest’anno, l’offerta vaccinale gratuita rivolta a bambini, ragazzi (maschi e femmine) e persone con fragilità.  

Il nuovo Piano regionale di prevenzione vaccinale 2023-2025 approvato nei mesi scorsi dalla Giunta viene ora ulteriormente implementato ed integrato anche rispetto a quello nazionale, a seguito della valutazione effettuata dal Gruppo tecnico vaccinale regionale e dalla Commissione regionale vaccini: da quest’anno viene introdotta la vaccinazione gratuita contro il meningococco B per gli adolescenti (maschi e femmine) e contro il papilloma virus (HPV), sia per le ragazze che per i ragazzi fino ai 26 anni. Un’attenzione particolare è rivolta alle persone più fragili: è stata infatti introdotta la possibilità di ricevere il richiamo dei vaccini anti-meningococco B e ACWY in caso di specifiche condizioni patologiche, e ampliata la platea di cittadini con fragilità che possono essere vaccinati contro l’herpes zoster (il cosiddetto ‘Fuoco di Sant’Antonio’). 

A tutti i soggetti interessati dal piano vaccinale, a partire dalle Aziende sanitarie, è già stato inviato dall’assessorato alle Politiche per la salute il documento tecnico con le indicazioni operative di aggiornamento, per garantirne l’applicazione omogenea sul territorio regionale, in maniera coordinata e con il contributo degli attori coinvolti. 

Gli aggiornamenti

Meningococchi. Da quest’anno per gli adolescenti è attiva l’offerta gratuita del vaccino contro il meningococco B a partire dai nati nel 2011 e, su richiesta, per i nati nel 2007; il diritto alla gratuità è mantenuto fino al compimento del 18esimo anno (quindi entro i 17 anni e 364 giorni di età). Sono inoltre previste le vaccinazioni per il meningococco B e ACWY per bambini, ragazzi e adulti a maggior rischio per specifiche condizioni patologiche, con l’indicazione di dosi di richiamo per entrambi i vaccini in caso di persistenza di alcune di queste condizioni di salute.

Papilloma virus (HPV). La gratuità del vaccino si mantiene fino al compimento del 26esimo anno di età per le femmine nate dal 1996 e da quest’anno, in Emilia-Romagna, anche per i maschi nati dal 2006, non vaccinati in precedenza. L’offerta gratuita è estesa, senza limite d’età, in caso di positività all’HIV e per le donne con diagnosi pregressa di lesioni HPV correlate, trattate mediante conizzazione. Nella nostra regione, in considerazione della letteratura scientifica esistente, è prevista l’offerta gratuita anche per specifiche categorie di persone a rischio fino ai 46 anni di età non ancora compiuti (45 anni e 364 giorni): uomini che fanno sesso con altri uomini, persone dedite alla prostituzione, persone che intraprendono il percorso di transizione di genere o hanno specifiche condizioni patologiche. Per età superiori, l’offerta della vaccinazione per le suddette categorie di persone per HPV rimane comunque valida in considerazione della valutazione congiunta tra medico vaccinatore e specialista di riferimento. 

Herpes zoster. La vaccinazione gratuita è offerta ai 65enni (a partire dai nati del 1952 e, nel 2024, ai nati nel 1959) e alle persone con più di 18 anni affette da specifiche patologie. La Regione Emilia-Romagna ha esteso l’offerta gratuita anche a chi ha avuto recidive di herpes zoster o forme particolarmente gravi di Fuoco di Sant’Antonio e ulteriori specifiche condizioni patologiche. 

Nessun cambiamento, invece, per tutte le altre vaccinazioni destinate ad adulti e bambini.

Per informazioni è possibile rivolgersi ai servizi vaccinali delle Pediatrie di comunità e dell’Igiene pubblica del proprio territorio di residenza e ai propri medici convenzionati (medici di medicina generale e pediatri di libera scelta), oppure consultare il sito della Regione.

(Visited 24 times, 1 visits today)

Lascia un commento