Vai al contenuto

2021: cancro principale causa di morte tra under 65

  • di

2021: cancro principale causa di morte tra under 65

EUROSTAT, SANITÀ PUBBLICA REDAZIONE

I più anziani sono deceduti per le malattie circolatorie. Nel 2021 si sono verificati 5,3 milioni di decessi tra residenti nell’Unione Europea (UE). Di questi, 4,5 milioni (l’84,4% del totale) sono avvenuti tra le persone di 65 anni e più; i restanti 826.000 riguardavano persone di età inferiore a 65 anni. Le principali cause di morte e i relativi tassi di mortalità differiscono tra questi gruppi di età. Poco più di un terzo (34,7%) di tutti i decessi tra la popolazione anziana dell’UE nel 2021 è stato causato da malattie del sistema circolatorio. Quasi uno su tre di questi (ovvero l’11,2% di tutti i decessi) è stato causato da una cardiopatia ischemica. La seconda causa di morte più frequente tra gli anziani è il cancro, che rappresenta un quinto (20,0%) di tutti i decessi. La terza causa di morte più comune tra gli anziani è stata la Covid-19, che rappresenta poco più di un decimo (10,9%) di tutti i decessi tra gli anziani.
Tra i residenti nell’UE di età inferiore a 65 anni, le due principali cause di mortalità erano invertite: il cancro era la causa di morte più frequente, rappresentando 3 decessi su 10 (30,6%) in questa fascia di età; le malattie del sistema circolatorio sono state la seconda causa di morte più frequente (19,6% del totale). Queste due cause comuni sono seguite a distanza da cause esterne con una quota del 10,6% (di cui oltre la metà infortuni).

I tassi di mortalità standardizzati nel 2021 sono stati sistematicamente più elevati tra i residenti anziani nell’UE che tra i residenti più giovani; questo modello è stato osservato per il tasso di mortalità complessivo e per ciascuna delle principali cause di morte tra gli anziani. La Covid-19 è stata, di gran lunga, la patologia con il più alto tasso di mortalità standardizzato per la popolazione anziana nel 2021, con 504 decessi ogni 100.000 abitanti anziani. Tra le persone di età inferiore a 65 anni, questa condizione presentava anche il tasso più alto, con 21 decessi ogni 100.000 abitanti di età inferiore a 65 anni. Il cancro del polmone è la patologia con il secondo tasso di mortalità standardizzato più alto tra la popolazione anziana, con 181 decessi ogni 100.000 abitanti anziani. Tra le persone di età inferiore a 65 anni, questa condizione presentava anche il secondo tasso più alto, con 15 decessi ogni 100.000 abitanti di età inferiore a 65 anni.

Il tasso di mortalità standardizzato per malattie circolatorie nel 2021 è stato più elevato tra gli uomini anziani rispetto alle donne anziane in tutti gli Stati membri dell’UE. I più alti tassi di mortalità standardizzati per malattie circolatorie tra uomini e donne anziani sono stati segnalati in Bulgaria, seguita dalla Romania.
La Francia è stato l’unico Stato membro dell’UE a segnalare un tasso di mortalità standardizzato per malattie circolatorie tra gli uomini anziani inferiore a 1.000 decessi per 100.000 abitanti maschi nel 2021, mentre tassi inferiori a questo livello sono stati segnalati per le donne anziane da sette Stati membri. Nel 2021, i tassi di mortalità standardizzati più bassi per malattie circolatorie nella popolazione anziana sono stati segnalati dalla Francia, 998 decessi per 100.000 abitanti di sesso maschile e 632 decessi per 100.000 abitanti di sesso femminile. L’Italia raggiunge un risultato al di sotto della media UE.

Nel 2021, i tassi di mortalità standardizzati più elevati per Covid-19 tra gli Stati membri dell’UE sono stati osservati in Bulgaria e Slovacchia; questi tassi complessivi elevati riflettono tassi di mortalità particolarmente elevati tra gli anziani, rispettivamente 1.482 e 1.338 ogni 100.000 persone di età pari o superiore a 65 anni. I tassi di mortalità standardizzati più bassi per Covid-19 sono stati osservati in Danimarca e Finlandia, che avevano anche i tassi più bassi per gli anziani, rispettivamente 120 e 66 ogni 100.000 persone di età pari o superiore a 65 anni.
In tutti gli Stati membri dell’UE, nel 2021 sono stati osservati tassi di mortalità standardizzati da Covid-19 notevolmente più elevati per gli anziani rispetto alle persone di età inferiore a 65 anni. Nei Paesi Bassi, il tasso di mortalità standardizzato per gli anziani era 58 volte superiore al tasso equivalente per le persone di età inferiore a 65 anni, il tasso più alto tra gli Stati membri. Per l’UE nel suo insieme, il tasso degli anziani era 23 volte più alto di quello della fascia di età più giovane. Il rapporto più basso tra i tassi per questi due gruppi di età è stato osservato in Ungheria, con un tasso per gli anziani 13 volte più alto rispetto a quello di coloro di età inferiore a 65 anni. Anche in questo caso l’Italia riporta un dato sui decessi al di sotto della media UE.

Nella popolazione anziana, i tassi di mortalità standardizzati più elevati per Covid-19 nel 2021 tra gli Stati membri dell’UE sono stati registrati per gli uomini in Bulgaria e Slovacchia. Gli stessi Stati membri hanno anche segnalato i tassi di mortalità standardizzati più elevati per Covid-19 tra le donne anziane. Allo stesso modo, i tassi più bassi per gli uomini e le donne anziani sono stati osservati in Danimarca e Finlandia. Tra tutti gli anziani (entrambi i sessi), il rapporto tra i tassi di mortalità standardizzati in Bulgaria (i tassi più alti) e Finlandia (i tassi più bassi). In tutti gli Stati membri dell’UE, nel 2021 il tasso di mortalità standardizzato da Covid-19 è stato più elevato tra gli uomini anziani che tra le donne anziane. Tuttavia, l’intervallo in questo rapporto era piuttosto ristretto (rispetto ad altre cause di morte): la differenza di genere più ampia si riscontrava in Estonia, dove il tasso per gli uomini anziani era 2,2 volte più alto di quello per le donne anziane, mentre il rapporto era il più basso (1,5 volte più alto) in Grecia e Irlanda. In Italia si registrano dati al di sotto della media UE per entrambi i sessi.

Nell’UE, il tasso di mortalità standardizzato dovuto a Covid-19 nel 2021 è stato 23,5 volte più elevato tra gli anziani (quelli di età pari o superiore a 65 anni) rispetto alle persone di età inferiore a 65 anni. La Bulgaria ha riportato il tasso di mortalità standardizzato più alto per Covid-19 tra le persone di età pari o superiore a 65 anni, con 1.482 decessi ogni 100.000 abitanti anziani. Seguono Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Lituania, che hanno segnalato oltre 1.000 decessi ogni 100.000 anziani. All’interno di questa fascia di età, la Finlandia ha riportato il tasso di mortalità standardizzato più basso con 66 decessi ogni 100.000 abitanti anziani; nessun altro Stato membro dell’UE ha registrato meno di 100 decessi ogni 100.000 persone di età superiore ai 65 anni. L’Italia, con 374,6 si pone al di sotto della media UE di 503,5.
Per le persone di età inferiore ai 65 anni, il tasso di mortalità standardizzato più alto per Covid-19 è stato segnalato anche dalla Bulgaria, con 105,0 decessi ogni 100.000 persone sotto i 65 anni. La Bulgaria è stato l’unico Stato membro dell’UE a segnalare un tasso di mortalità standardizzato superiore a 80,0 morti ogni 100.000 persone in questa fascia di età. Danimarca e Finlandia hanno riportato i tassi di mortalità standardizzati più bassi, ciascuno con 3,1 decessi ogni 100.000 abitanti sotto i 65 anni. L’Italia con un tasso di 11,8 si è assestata al di sotto dei 21,5 della media UE.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Lascia un commento