Vai al contenuto

«Cara Europa, riscopri te stessa»

  • di

«Cara Europa, riscopri te stessa»

Pubblichiamo uno stralcio della «Lettera all’Unione europea» del cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei e di monsignor Mariano Crociata, presidente della Comece (Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea) in occasione della Giornata dell’Europa 2024 e in vista delle prossime Elezioni europee (da Per il Bene comune di Mauro Bosi).

«Le nostre idee e i nostri valori cristiani definiscono il tuo volto. È tempo di un grande rilancio»

Cara Unione Europea, darti del tu è inusuale, ma ci viene naturale perché siamo cresciuti con te. Sei una, sei «l’Europa», eppure abbracci ben 27 Paesi, con 450 milioni di abitanti, che hanno scelto liberamente di mettersi insieme. Che meraviglia! Invece di litigare o ignorarsi, conoscersi e andare d’accordo! Tu sei la nostra casa, prima casa comune. In questa impariamo a vivere da «Fratelli Tutti». Ti scriviamo perché abbiamo un desiderio: che si rafforzi ciò che rappresenti e ciò che sei, che tutti impariamo a sentirti vicina, amica e non distante o sconosciuta. Non possiamo dimenticare come prima di te, per secoli, abbiamo combattuto guerre senza fine e milioni di persone sono state uccise. Proprio dalla tragedia della Seconda guerra mondiale è nato il germe della comunità di Paesi sovrani che oggi è l’Unione Europea. Tra quelli che ti hanno pensata e voluta non possiamo dimenticare Robert Schuman, francese, Konrad Adenauer, tedesco, e Alcide De Gasperi, italiano: animati dalla fede cristiana, essi hanno sentito la chiamata a creare qualcosa che rendesse impossibile il ritorno della guerra sul suolo europeo. In tutti questi anni siamo molto cambiati e facciamo fatica a capire e a tenere vivo lo spirito degli inizi. Dopo un così lungo periodo di pace abbiamo pensato che una guerra su territorio europeo sarebbe stata ormai impossibile. E invece gli ultimi due anni ci dicono che ciò che sembrava impensabile è tornato. Abbiamo bisogno di riprendere in mano il progetto dei padri fondatori e di costruire nuovi patti di pace se vogliamo che la guerra contro l’Ucraina finisca, e che finisca anche la guerra in corso in Medio Oriente e con essa l’antisemitismo, mai sconfitto e ora riemergente. Le nostre idee e i nostri valori definiscono il tuo volto, cara Europa. Anche in questo la fede cristiana ha svolto un ruolo importante, tanto più che dal suo sentire è uscito il progetto e il disegno originario della tua Unione. Come cristiani continuiamo a sentirne viva responsabilità; e del resto troviamo in te tanta attenzione alla dignità della persona, che il Vangelo di Cristo ha seminato. Soffriamo non poco, perciò, nel vedere che hai paura della vita, non la sai difendere e accogliere dal suo inizio alla sua fine, e non sempre incoraggi la crescita demografica.

Cara Europa, è tempo di un nuovo grande rilancio del tuo cammino verso una integrazione sempre più piena, che guardi a un fisco europeo che sia il più possibile equo; a una politica estera autorevole; a una difesa comune che ti permetta di esercitare la tua responsabilità internazionale; a un processo di allargamento ai Paesi che ancora non ne fanno parte. Le esigenze di innovazione economica e tecnica (pensiamo all’Intelligenza Artificiale), di sicurezza, di cura dell’ambiente e di custodia della «Casa comune », di salvaguardia del welfare e dei diritti individuali e sociali, sono alcune delle sfide che solo insieme potremo affrontare e superare. Le prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo e la nomina della Commissione Europea sono l’occasione propizia e irripetibile, da cogliere senza esitazione.

(Visited 9 times, 1 visits today)

Lascia un commento