Vai al contenuto

OMS: le comuni infezioni batteriche stanno diventando sempre più resistenti agli antibiotici

  • di

Nuovo rapporto Oms rileva l’ulteriore crescita della antibiotico resistenza

OMS, DOTTNET | 12/12/2022 13:51

Per la prima volta, il rapporto GLASS (Global Antimicrobial Resistance and Use Surveillance System) fornisce analisi dei tassi di resistenza antimicrobica (AMR) nel contesto della copertura nazionale dei test, tendenze AMR dal 2017 e dati sul consumo di antimicrobici negli esseri umani in 27 paesi

Un nuovo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità pubblicato venerdì scorso rivela alti livelli di resistenza nei batteri, che causano infezioni del flusso sanguigno potenzialmente letali, nonché una crescente resistenza al trattamento in diversi batteri che causano infezioni comuni nella comunità sulla base dei dati riportati da 87 paesi nel 2020. Per la prima volta, il rapporto GLASS (Global Antimicrobial Resistance and Use Surveillance System) fornisce analisi dei tassi di resistenza antimicrobica (AMR) nel contesto della copertura nazionale dei test, tendenze AMR dal 2017 e dati sul consumo di antimicrobici negli esseri umani in 27 paesi.

In sei anni, GLASS ha ottenuto la partecipazione di 127 paesi con il 72% della popolazione mondiale. Il report include un innovativo formato digitale interattivo per facilitare l’estrazione dei dati e la grafica. Il rapporto mostra livelli elevati (superiori al 50%) di resistenza nei batteri che causano frequentemente infezioni del flusso sanguigno negli ospedali, come Klebsiella pneumoniae e Acinetobacter spp.

Queste infezioni, potenzialmente letali, richiedono un trattamento con antibiotici di ultima istanza, come i carbapenemi. Tuttavia, l’8% delle infezioni del flusso sanguigno causate da Klebsiella pneumoniae è stato segnalato come resistente ai carbapenemi, aumentando il rischio di morte a causa di infezioni non gestibili. Le comuni infezioni batteriche stanno diventando sempre più resistenti ai trattamenti. Oltre il 60% dei casi di Neisseria gonorrea, una comune malattia a trasmissione sessuale, ha mostrato resistenza a uno degli antibatterici orali più utilizzati, la ciprofloxacina. Oltre il 20% dei casi di E.coli – il patogeno più comune nelle infezioni del tratto urinario – era resistente sia ai farmaci di prima linea (ampicillina e co-trimossazolo) sia ai trattamenti di seconda linea (fluorochinoloni).

“La resistenza antimicrobica mina la medicina moderna e mette a rischio milioni di vite”, ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS che ha aggiunto come, “per comprendere veramente l’entità della minaccia globale e organizzare un’efficace risposta di salute pubblica all’AMR, si debba aumentare i test microbiologici e fornire dati di qualità garantita in tutti i paesi, non solo in quelli più ricchi”. Sebbene la maggior parte delle tendenze di resistenza siano rimaste stabili negli ultimi 4 anni, le infezioni del flusso sanguigno dovute a Escherichia coli resistenti e Salmonella spp. e le infezioni resistenti alla gonorrea sono aumentate di almeno il 15% rispetto ai tassi del 2017.

L’Oms sottolinea comunque che sono necessarie ulteriori ricerche per identificare le ragioni alla base dell’aumento dell’AMR osservato e in che misura esso sia correlato all’aumento dei ricoveri e dei trattamenti antibiotici durante la pandemia di COVID-19. La pandemia, inoltre, ha anche impedito a diversi paesi di comunicare i dati per il 2020. Nuove analisi mostrano che i paesi con una copertura di test inferiore, per lo più paesi a basso e medio reddito (LMIC), hanno maggiori probabilità di segnalare tassi di resistenza antimicrobica significativamente più elevati per la maggior parte delle combinazioni “bug-droga”. Ciò può essere (in parte) dovuto al fatto che in molti LMIC un numero limitato di ospedali di riferimento riferisce a GLASS. Questi ospedali spesso si prendono cura dei pazienti più malati che potrebbero aver ricevuto un precedente trattamento antibiotico.

Ad esempio, i livelli mediani globali di AMR erano del 42% (E. Coli ) e del 35% (Staphylococcus aureus resistente alla meticilina – MRSA) – i due indicatori dell’Obiettivo di sviluppo sostenibile AMR. Ma quando sono stati considerati solo i paesi con un’elevata copertura dei test, questi livelli erano nettamente inferiori, rispettivamente all’11% e al 6,8%. Per quanto riguarda il consumo di antimicrobici negli esseri umani, il 65% dei 27 paesi dichiaranti ha raggiunto l‘obiettivo dell’OMS di garantire che almeno il 60% degli antimicrobici consumati appartenga al gruppo di antibiotici “ACCESS”, cioè antibiotici che, secondo la classificazione AWaRE dell’OMS, sono efficaci in una vasta gamma di infezioni comuni e hanno un rischio relativamente basso di creare resistenza.

I tassi di resistenza antimicrobica rimangono difficili da interpretare a causa dell’insufficiente copertura dei test e della debole capacità di laboratorio, in particolare nei paesi a basso e medio reddito. Per superare questo divario critico, l’OMS seguirà un approccio su due fronti che mira alla generazione di prove a breve termine attraverso sondaggi e allo sviluppo di capacità a lungo termine per la sorveglianza di routine. Ciò comporterà l’introduzione di indagini nazionali rappresentative sulla prevalenza della resistenza antimicrobica per generare dati di riferimento e di tendenza della resistenza antimicrobica per lo sviluppo delle politiche e il monitoraggio degli interventi e un aumento dei laboratori di qualità garantita che riportano dati rappresentativi della resistenza antimicrobica a tutti i livelli del sistema sanitario.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Lascia un commento