Vai al contenuto

Vigilare sul “cheratocono” per evitare interventi invasivi!

  • di

– Un invito rivolto alle mamme per sensibilizzarle su una patologia rara dell’occhio, il cheratocono, che insorge tipicamente tra la fine dell’infanzia e la prima pubertà.

 

L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE

In particolare ricordare l’importanza di una visita oculistica periodica per bambini e adolescenti per diagnosticare precocemente patologie come il cheratocono, una malattia rara (con una incidenza stimata intorno ad almeno un caso per 2mila abitanti) che può causare una deformazione della cornea e peggiorare la vista dei bambini”.

Cosa È IL CHERATONO

Il cheratocono è una malattia degenerativa caratterizzata da un progressivo assottigliamento della cornea e da uno sfiancamento conico del profilo corneale, che inducono l’insorgenza di un forte astigmatismo irregolare. Il cheratocono ha un’incidenza stimata in un caso ogni 2mila nati all’anno ma, secondo studi clinici recenti, l’incidenza potrebbe essere anche maggiore, oscillando intorno a un caso ogni 600 (o addirittura 320) nati per anno. È inserita nel Registro delle Malattie Rare. Colpisce più frequentemente il sesso maschile, i bambini, gli adolescenti e i giovani, con possibilità di progressione in genere fino ai 35-40 anni. Quanto ai sintomi, inizialmente sono simili a quelli di una semplice miopia: il soggetto vede sfocato da lontano, successivamente la qualità della visione inizia a peggiorare e compare una sbavatura intorno alle immagini, soprattutto di notte, con la percezione di aloni e distorsioni attorno alle sorgenti luminose. Talvolta si ha la percezione di immagini doppie e può essere presente anche una intolleranza alla luce. Una diagnosi precoce permette un trattamento precoce con terapie conservative che permettono quasi sempre di evitare interventi più invasivi.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Lascia un commento