Vai al contenuto

Per meno di 10 secondi non è reato: è “senza malizia”!!!

  • di

Per meno di 10 secondi non è reato» è questa la sentenza definitiva che ha visto il bidello 66enne dell’Istituto Cine Tv Roberto Rossellini di Roma essere scagionato dalle accuse di molestie a suo carico. Il pubblico ministero, che aveva richiesto una condanna di tre anni e sei mesi, ha ottenuto un rigetto delle accuse di violenza sessuale. La difesa ha motivato il gesto come “senza malizia” e “senza secondi fini”. I fatti risalgono all’aprile 2022 quando era stata raccolta la denuncia da parte di una studentessa di un comportamento inadeguato da parte del bidello. Secondo la ricostruzione, infatti, l’uomo avrebbe toccato i glutei della 17enne mentre saliva le scale. La tesi della “non volontarietà” portata avanti dagli avvocati dell’accusato ha convinto la giuria che lo ha assolto per «mancanza di reato». Insomma, secondo il tribunale di Roma «un tocco che varia tra i 5 e i 10 secondi non è reato» e bisogna, prima di tutto, valutare l’intenzionalità e la malizia del gesto.

La ricostruzione della ragazza sembra però molto diversa da quella portata in tribunale dagli avvocati della difesa del bidello. All’epoca dei fatti, dopo la denuncia da parte della giovane, il corpo studentesco dell’Istituto in segno di solidarietà, organizzò un vero e proprio sciopero chiedendo come le molestie tra le mura scolastiche non dovessero essere ignorate. Definito da molti giovani come un luogo in cui sentirsi sicuri, la scuola negli ultimi anni è diventata palcoscenico di tantissimi episodi analoghi. La motivazione che ha portato all’assoluzione del bidello, legata alla tempistica del tocco e al fine ultimo del gesto, ha causato una reazione a catena sui social attraverso un vero e proprio trend che sta spopolando tra Instagram e Tik Tok.

Change.org Quanto durano 10 secondi? Prova a contarli, vedrai che sono tanti. Ma secondo il Tribunale di Roma, se una molestia dura meno di 10 secondi non è reato. E’ il caso del bidello  assolto per aver infilato le mani sotto gli slip di una studentessa di 17 anni. Sofia e molte altre persone chiedono che la sentenza venga rivista. Sei con lei? Opponiamoci alla sentenza del bidello molestatore!! 1.376 hanno firmato la petizione di Sofia Morselli. Arriviamo a 1.500 firme! Firma con un solo click Il Tribunale di Roma ha assolto un bidello, Antonio Avola, di 66 anni, che ha molestato una ragazza 17 enne. L’uomo  ha infilato le mani sotto gli slip della giovane mentre lei saliva le scale per andare in classe assieme ad un’amica poi, dopo averla palpeggiata, l’ha sollevata di due centimetri dalle mutandine. L’amica ha confermato di aver assistito alla molestia, e anche lo stesso imputato ha ammesso parte della versione della ragazza, tuttavia il Tribunale ha giudicato la manovra “maldestra ma priva di concupiscenza” e “durata una manciata di secondi, senza alcun indugio nel toccamento”. Riteniamo inaccettabile che, dopo che la ragazza abbia preso il coraggio di sporgere denuncia, affidandosi allo Stato per difendersi dall’atto totalmente privo di consenso subito, questo sia rimasto sordo alle sue richieste. È impellente che questa sentenza venga rivista e che questo caso non venga dimenticato! Firma con un solo click Visita la pagina della petizione A Change.org crediamo nella voce di persone come te. C'è qualcosa che vorresti cambiare? Lancia una petizione ora La persona (o l'organizzazione) che guida questa petizione non è affiliata a Change.org. Change.org non è responsabile del contenuto della petizione. Facendo clic sul pulsante “Firma ora”, dichiari e acconsenti a sostenere questa petizione. Se vuoi chiedere ad altri di firmare la petizione, potrai farlo dopo averla firmata. In alternativa, puoi condividere questo link.
(Visited 395 times, 1 visits today)

Lascia un commento