LE MORTI ANNUNCIATE. UN COMPIANTO FUNEBRE PER ADIL BELAKHDIM

Autore: Giobbe Santabarbara, collaboratore del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

L’uccisione di Adil Belakhdim, militante sindacale, ennesima vittima della violenza padronale, rivela cosa sia diventata l’Italia negli ultimi decenni.

Nel comparto della logistica lo sfruttamento della forza-lavoro si svolge ormai in condizioni palesemente semi-schiaviste e in una sorta di regime neo-coloniale: la mano d’opera in gran parte immigrata subisce il doppio sfruttamento del ricatto schiavista padronale e dell’apartheid imposto da uno stato che nel corso dei decenni oltre che come comitato d’affari della borghesia (e della rendita) sempre di piu’ si e’ fatto – nel suo ceto politico ed amministrativo e nelle sue effettuali strutture e dinamiche di potere – razzista e fascista.

Oppressione di classe e razzismo sono qui una cosa sola. Chi organizza la resistenza e’ aggredito, perseguitato, ucciso.

Cosi’ come ogni giorno la deregolamentazione imposta dal capitalismo selvaggio uscito vincitore dal secolo breve uccide lavoratrici e lavoratori vittime sia di patologie legate alle condizioni imposte dai datori di lavoro sia di incidenti sul luogo di lavoro determinati da ritmi sempre piu’ frenetici e modalita’ organizzative sempre piu’ brutali: e sono morti che sempre si potevano evitare se soltanto si fossero disposti adeguati sistemi e protocolli di salubrita’ e sicurezza, se soltanto si fossero rispettati i diritti sanciti dalla Costituzione della Repubblica italiana, se soltanto le lavoratrici e i lavoratori non fossero costretti a subire rapporti di dominio e alienazione sempre piu’ disumani.

Le lotte operaie nella logistica – come quelle bracciantili contro il caporalato – sono lotte di resistenza per difendere condizioni minime di umanita’, e quindi di civilta’: hanno quindi un valore generale, che coinvolge l’umanita’ intera; hanno un valore generale che le ricollega alla resistenza antifascista, al movimento antischiavista, alle plurisecolari lotte per la conquista dei diritti umani fondamentali per tutti gli esseri umani.

*

Oggi il capitalismo ha trionfato su scala mondiale, non vi e’ paese al mondo che non gli sia asservito: la stessa Cina, che pure ha un regime politico caratterizzato dal partito unico e un’ideologia statuale che si pretende socialista, nella realta’ e’ un paese esso stesso ipercapitalista e doppiamente totalitario: nei confronti degli esseri umani in quanto lavoratori, e nei confronti degli esseri umani in quanto cittadini. Della Russia non v’e’ bisogno di dire.

La lotta della classe lavoratrice contro lo sfruttamento, che ebbe nel Manifesto del 1848 e nella fondazione della prima Internazionale il suo storico punto di riferimento teorico ed organizzativo, ha conosciuto sul finire del Novecento una sconfitta epocale delle prospettive socialiste, che peraltro neppure nei paesi del cosiddetto “socialismo reale” avevano potuto realizzarsi, represse nel sangue e nella schiavitu’ dai regimi totalitari li’ instauratisi.

Ma questa sconfitta del movimento delle oppresse e degli oppressi in lotta per la liberazione dell’umanita’ significa forse che sara’ sempre impossibile realizzare una societa’ giusta e solidale?

Io non lo credo.

Credo invece che il sistema capitalistico per le sue caratteristiche intrinseche e fondanti non possa che trascinare l’umanita’ nel baratro.

Credo che un sistema economico fondato sulla “crescita illimitata” cozzi contro i limiti naturali della biosfera e non possa che devastarla.

Credo che un’organizzazione produttiva e riproduttiva fondata sull’accumulazione crescente e tendenzialmente infinita del capitale astratto ai danni del lavoro vivo, ovvero sulla rapina e sull’alienazione dell’umanita’, cosi’ come sulla devastazione ed il divoramento consumista della natura non possa garantire alcun degno futuro all’umanita’, alla cui stragrande maggioranza impone sofferenze crescenti e violenze abominevoli, e spinge a un disastro tale da minacciare l’estinzione della civilta’ e finanche della stessa presenza umana nel mondo.

Sono da piu’ di mezzo secolo un comunista antitotalitario: comunista perche’ persuaso dell’eguaglianza di dignita’ e diritti di tutti gli esseri umani, e quindi del dovere della condivisione fra tutte e tutti di tutto il bene e di tutti i beni, applicando la massima antica e perenne che suona “agisci nei confronti delle altre persone cosi’ come vorresti che esse agissero verso di te”; e quindi: “opera per una societa’ in cui da ciascuno sia dato a seconda delle sue capacita’ ed a ciascuno sia dato a seconda dei suoi bisogni”; e quidni “agisci in modo che in ogni tua azione tu sia l’umanita’ come dovrebbe essere”. Ed antitotalitario perche’ consapevole che il limite e l’imperfezione, la carenza e il bisogno di aiuto, l’inevitabile comune esposizione al dolore e alla morte, sono dati costitutivi dell’esistenza umana, e nessun regime deve mai poter prevalere sui fondamentali diritti di ogni persona: alla vita, al riconoscimento di dignita’, alla solidarieta’ che salva le vite, alla condivisione del bene e dei beni, alla sobria felicita’, alla civile convivenza, al dono e al perdono, alla responsabilita’ per l’altra persona, per l’umanita’ intera, per l’intero mondo vivente: ogni essere umano ha diritto alla liberta’; senza liberta’ non si da’ giustizia, cosi’ come non si da’ giustizia senza liberta’.

Da quando raggiunsi l’eta’ della ragione anch’io mi arrovello sulla possibilita’ obiettiva e sulle necessarie caratteristiche di una gestione socialista e libertaria della civile convivenza e delle risorse necessarie alla vita comune, al bene comune nella valorizzazione e nella salvaguardia dei beni comuni.

Credo che una gestione socialista e libertaria della vita dell’umanita’ sia possibile oltre che necessaria. Anche se ben poche possono sembrare le esperienze storiche rispetto al diluvio di male imposto all’umanita’ dai poteri dominanti, tuttavia queste esperienze di liberazione e di solidarieta’ efficace, di condivisione responsabile e adeguata ai bisogni, si sono pur date, e sia pure per brevi periodi ed ambiti limitati e tra mille conflitti e contraddizioni; ed anche se esse date non si fossero, resterebbe comunque la persuasione che anche se fino ad oggi non si fosse mai realizzata la giustizia e la liberta’, questo nulla dimostra contro la possibilita’ che domani esse si possano realizzare: e per questo – per l’affermazione concreta ovvero l’inveramento effettuale dell’eguale dignita’ e degli eguali diritti di tutti gli esseri umani – vale comunque la pena battersi sempre. Salvare le vite e’ il primo dovere.

Ma e’ poi vero che poche siano state le esperienze di progresso reale nell’inveramento della dignita’ umana? Io credo sia vero piuttosto il contrario. Tutte le le grandi esperienze storiche di affermazione della democrazia e dei diritti sono altrettanti passi verso la realizzazione del fine dell’umanizzazione dell’umanita’, verso il riconoscimento dell’umanita’ di ogni essere umano, verso l’universale responsabilita’ e solidarieta’.

La socializzazione dei mezzi di produzione non porta necessariamente ai gulag; mi sembra sia vero piuttosto il contrario: che la rapina da parte delle classi sfruttatrici e dominatrici (di qualunque casacca esse si ammantino e comunque si camuffino) rende tutto il mondo una prigione.

A chi pretende d’imporre lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo come stadio insuperabile della vicenda umana, mi sembra si possa e si debba opporre il motto di Rosa Luxemburg che nel capitalismo individuava la barbarie e al socialismo affidava la salvezza dell’umanita’ (quel socialismo libertario che la portava ad opporre ad ogni autocrate la considerazione che “la liberta’ e’ sempre la liberta’ di chi la pensa diversamente”).

*

Temo che anche la morte di Adil Belakhdim sara’ presto dimenticata, come altre avvenute in circostanze analoghe che l’hanno preceduta; e temo che altre morti seguiranno ancora.

Ma penso anche che lo strazio che oggi per questa morte proviamo deve muoverci ad insorgere nonviolentemente per far cessare tutte le uccisioni, per far cessare schiavitu’ e razzismo, per far cessare il “disordine costituito” dei mangiatori di carne umana.

Penso che la morte di Adil Belakhdim deve essere un momento di verita’, un’ora di parresia.

Tutto si tiene. Il conflitto di classe, ovvero tra gruppi sociali tra loro legati da relazioni di sfruttamento e rapporti di dominazione tali per cui un’esigua minoranza di soverchiatori godono di privilegi immensi derubando e vampirizzando la stragrande maggioranza dell’umanita’; il razzismo, ideologia e pratica finalizzata alla riduzione in schiavitu’ che nega l’umanita’ della stragrande maggioranza degli esseri umani; il militarismo, che e’ l’organizzazione e l’istituzionalizzazione della violenza da parte dei potenti per tenere asserviti nel terrore e nel sangue la stragrande maggioranza dell’umanita’; il maschilismo, che e’ la prima radice e il primo paradigma di tutte le violenze. Tutto si tiene. Ed unica e’ la lotta per la liberazione dell’umanita’.

A questa necessaria lotta per affermare la dignita’ umana di tutti gli esseri umani, per la liberazione dell’umanita’ intera, per realizzare una civile convivenza che nessuna persona opprime od esclude, Adil Belakhdim ha dato il suo cotnrinuto fino all’estremo.

Non lo dimenticheremo.

Anche nel suo ricordo proseguiremo la lotta comune.

E qui e adesso anche nel suo ricordo torniamo ad affermare che occorre un’insurrezione nonviolenta delle coscienze e delle intelligenze per contrastare gli orrori piu’ atroci ed infami che abbiamo di fronte, per affermare la legalita’ che salva le vite, per richiamare ogni persona ed ogni umano istituto ai doveri inerenti all’umanita’.

Occorre opporsi al maschilismo, e nulla e’ piu’ importante, piu’ necessario, piu’ urgente che opporsi al maschilismo – all’ideologia, alle prassi, al sistema di potere, alla violenza strutturale e dispiegata del maschilismo: poiche’ la prima radice di ogni altra violenza e oppressione e’ la dominazione maschilista e patriarcale che spezza l’umanita’ in due e nega piena dignita’ e uguaglianza di diritti a meta’ del genere umano e cosi’ disumanizza l’umanita’ intera; e solo abolendo la dominazione maschilista e patriarcale si puo’ sconfiggere la violenza che opprime, dilania, denega l’umanita’; solo abolendo la dominazione maschilista e patriarcale l’umanita’ puo’ essere libera e solidale.

Occorre opporsi al razzismo, alla schiavitu’, all’apartheid. Occorre far cessare la strage degli innocenti nel Mediterraneo ed annientare le mafie schiaviste dei trafficanti di esseri umani; semplicemente riconoscendo a tutti gli esseri umani in fuga da fame e guerre, da devastazioni e dittature, il diritto di giungere in salvo nel nostro paese e nel nostro continente in modo legale e sicuro. Occorre abolire la schiavitu’ in Italia semplicemente riconoscendo a tutti gli esseri umani che in Italia si trovano tutti i diritti sociali, civili e politici, compreso il diritto di voto: la democrazia si regge sul principio “una persona, un voto”; un paese in cui un decimo degli effettivi abitanti e’ privato di fondamentali diritti non e’ piu’ una democrazia. Occorre abrogare tutte le disposizioni razziste ed incostituzionali che scellerati e dementi governi razzisti hanno nel corso degli anni imposto nel nostro paese: si torni al rispetto della legalita’ costituzionale, si torni al rispetto del diritto internazionale, si torni al rispetto dei diritti umani di tutti gli esseri umani. Occorre formare tutti i pubblici ufficiali e in modo particolare tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza: poiche’ compito delle forze dell’ordine e’ proteggere la vita e i diritti di tutti gli esseri umani, la conoscenza della nonviolenza e’ la piu’ importante risorsa di cui hanno bisogno.

Occorre opporsi a tutte le uccisioni, a tutte le stragi, a tutte le guerre. Occorre cessare di produrre e vendere armi a tutti i regimi e i poteri assassini; abolire la produzione, il commercio, la disponibilita’ di armi e’ il primo necessario passo per salvare le vite e per costruire la pace, la giustizia, la civile convivenza, la salvezza comune dell’umanita’ intera. Occorre abolire tutte le organizzazioni armate il cui fine e’ uccidere. Occorre cessare immediatamente di dissipare scelleratamente ingentissime risorse pubbliche a fini di morte, ed utilizzarle invece per proteggere e promuovere la vita e il benessere dell’umanita’ e dell’intero mondo vivente.

Occorre opporsi alla distruzione di quest’unico mondo vivente che e’ la sola casa comune dell’umanita’ intera, di cui siamo insieme parte e custodi. Non potremo salvare noi stessi se non rispetteremo e proteggeremo anche tutti gli altri esseri viventi, se non rispetteremo e proteggeremo ogni singolo ecosistema e l’intera biosfera.

Opporsi al male facendo il bene.

Opporsi alla violenza con la scelta nitida e intransigente della nonviolenza.

Oppresse e oppressi di tutti i paesi, unitevi nella lotta per la comune liberazione e la salvezza dell’umanita’ intera.

Salvare le vite e’ il primo dovere.

Chi salva una vita salva il mondo.

Sii tu l’umanita’ come dovrebbe essere.

Giobbe Santabarbara, collaboratore del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 19 giugno 2021

Mittente: “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino” che e’ possibile ricevere gratuitamente abbonandosi attraverso il sito www.peacelink.it

Lascia un commento