Felicitazioni al Prof.Vincenzo Balzani per il conferimento del Premio Unesco-Russia Mendeleev

Arriva all’indomani del Nobel per la Chimica l’assegnazione ad uno scienziato italiano di uno dei maggiori riconoscimenti scientifici internazionali. Il chimico Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna, è stato insignito del Premio Unesco-Russia Mendeleev per la chimica per “il suo eccezionale contributo allo sviluppo scientifico nella chimica di base e per l’impegno profuso, lungo tutta la carriera, nella promozione della cooperazione internazionale, dell’insegnamento ai giovani e dello sviluppo sostenibile”.

Vincenzo Balzani è membro dell’Accademia Nazionale dei Lincei e della Accademia Nazionale delle Scienze (dei Xl), é stato insignito di decine di prestigiosi premi nazionali e internazionali e di due lauree honoris causa dalle Università di Friburgo e Shanghai. Numerosi suoi allievi rivestono posizioni di grande rilievo in università e centri di ricerca in tutto il mondo. È Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Attività scientifica 

Ha svolto un’intensa attività scientifica nei campi della fotochimica , fotofisica, reazioni di trasferimento di elettroni , chimica supramolecolare , nanotecnologie , macchine e dispositivi a livello molecolare , conversione fotochimica dell’energia solare . Con le sue 650 pubblicazioni citate più di 64.000 volte nella letteratura scientifica ( indice H 119), [1]è uno dei chimici più conosciuti al mondo. È autore o coautore di testi per ricercatori in lingua inglese, alcuni tradotti in cinese e giapponese, attualmente adottati nelle università di molti paesi. Alcuni dei testi più significativi sono: Fotochimica dei composti di coordinazione (1970), Fotochimica supramolecolare (1991), Dispositivi e macchine molecolari – Concetti e prospettive per il nanomondo (2008), Energia per un mondo sostenibile (2011), Fotochimica e fotofisica : Concetti, ricerca, applicazioni (2014).

Attività di educazione pubblica 

Da molti anni, accanto alla ricerca scientifica, svolge un’intensa attività di divulgazione, anche sul rapporto tra scienza e società e tra scienza e pace, con particolare riferimento ai temi dell’energia e delle risorse. È convinto che gli scienziati abbiano una grande responsabilità che deriva dalle loro conoscenze e quindi è loro dovere contribuire attivamente alla risoluzione dei problemi dell’umanità, in particolare quelli legati all’attuale crisi energetico-climatica . Ogni anno tiene decine di seminari nelle scuole primarie o secondarie e conferenze pubbliche per illustrare a studenti e cittadini i problemi creati dall’uso dei combustibili fossili : cambiamento climatico , insostenibilità ecologicae il disagio sociale derivante dalle crescenti disuguaglianze . Crede che siano necessarie tre transizioni: dai combustibili fossili alle energie rinnovabili , dall’economia lineare all’economia circolare e dal consumismo alla sobrietà. Su questi temi è coautore di libri molto apprezzati da studenti e docenti delle scuole secondarie: Chimica (2000); Energia oggi e domani: Prospettive, sfide, speranze (2004); Energia per l’astronave Terra (2017), la cui prima edizione (2007) ha vinto il premio Galileo per la divulgazione scientifica; Chimica! Leggere e scrivere il libro della natura(2012), versione inglese: Chemistry! Leggere e scrivere il libro della Natura (2014); Energia, risorse, ambiente (2014); Le macchine molecolari (2018), finalista al Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi.

Altre attività 

Professore ospite: University of British Columbia , Vancouver, Canada 1972; Centro di Ricerca Energetica, Università Ebraica di Gerusalemme , Israele, 1979; Università di Strasburgo , Francia, 1990; Università di Lovanio, Belgio, 1991; Università di Bordeaux , Francia, 1994. Presidente: Gruppo Italiano di Fotochimica (1982-1986), European Photochemistry Association (1988-92); XII Simposio IUPAC sulla fotochimica (1988); Simposio Internazionale su “Fotochimica e Fotofisica dei Composti di Coordinamento (dal 1989, oggi Presidente Onorario); Dottorato in Scienze Chimiche (2002-2007) e Laurea specialistica in Fotochimica e Chimica dei Materiali (2004-2007), Università di Bologna.

Direttore: Istituto di Fotochimica e Radiazioni ad Alta Energia (FRAE), Consiglio Nazionale delle Ricerche (Italia) , Bologna (1977-1988) e Centro per la Conversione Fotochimica dell’Energia Solare, Università di Bologna (1981-1998). Membro del Comitato Scientifico di diverse riviste scientifiche internazionali. Membro del Comitato Scientifico del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), dell’area metropolitana di Bologna (2008-)

Attività politica: Nel 2009 ha avviato il corso interdisciplinare Scienza e Società presso l’Università di Bologna con l’obiettivo di colmare il divario tra Università e Città; auspica da tempo il rafforzamento di analoghe iniziative per la crescita culturale della Città Metropolitana. Nel 2014 ha fondato il gruppo Energia per l’Italia , [2] formato da 22 professori e ricercatori dell’Università e dei più importanti centri di ricerca di Bologna, con l’obiettivo di offrire al Governo e ai politici locali linee guida per affrontare il problema energetico secondo un’ampia prospettiva che include aspetti scientifici, sociali, ambientali e culturali.

Coordinatore ed editor: Fotochimica Supramolecolare, Serie NATO ASI n. 214, Reidel, Dordrecht (1987); Chimica Supramolecolare, Serie NATO ASI n. 371, Reidel, Dordrecht (1992) (con L. De Cola); Guest Editor, fotochimica supramolecolare, New J. Chem., N.7-8, vol. 20 (1996); Editor in chief del Handbook on Electron Transfer in Chemistry, in cinque volumi, Wiley-VCH, Weinheim (2001); Topics in Current Chemistry, volumi 280 e 281 su fotochimica e fotofisica dei composti di coordinazione (2007).


Segnaliamo inoltre questi articoli e saggi

Le fonti : Unibo Magazine, Vincenzo Balzani su Wikipedia, Vincenzo Balzani su Il Manifesto: «Le trivellazioni di Cingolani fanno a pugni con il Next Generation Eu», Premio al chimico Vincenzo Balzani, lo scienziato che ama la Terra su Adn Kronos, “Petrolio il tempo perduto” a PresaDiretta, su Rai3

Vedi inoltre gli articoli del Prof.Vincenzo Balzani pubblicati su questo sito Smips.org, tra questi: “Colloqui Interculturali Mediterranei 2020-2021”

Lascia un commento