La Costituzione nasce il 1° gennaio 1948

di Michele Del Gaudio*

Eccola, è un disegno che ognuno di noi può colorare come vuole, con le sfumature che più gli piacciono… forti, lievi, sgargianti, calde, fredde… basta che seguano il margine. La Costituzione indica le strade da percorrere, ma stabiliamo noi se andarci con i jeans o con i pantaloni, cantando o ballando.

I principi li tratteggia Lei, ma i comportamenti li scegliamo noi! Ci può anche capitare di andare col giallo o con l’arancione fuori dal bordo, ma Lei è lì ad aspettare, ad ascoltarci, consigliarci… Sì, è un’Amica… possiamo parlarLe in ogni momento…

“Puoi essere ancora più semplice? Io ho 10 anni!”.

È come la pista delle tue macchinine, una Guida: per essere e non per non avere qualcosa; per diventare felici, tutti insieme.

Ci stimola a pensare ogni tanto, a cliccare su quel che stiamo facendo, sui nostri desideri; anche per modificarli o confermarli; per stare attenti a non rincorrere cose impossibili, altrimenti gli insuccessi ci deprimono.

Fra i tanti puzzle, che ci capitano per le mani, con la Costituzione assembliamo anche l’equilibrio fra ciò che vogliamo e ciò che possiamo ottenere… e anche un bilancio, senza ritenerlo un brutto termine che sa di fine, come un videogioco di ultima generazione che ci conduce da un quadro all’altro alla base spaziale da cui decollare domani, utilizzando l’esperienza acquisita fino ad oggi.

“E se la mia astronave è troppo veloce? Aspetta le Altre, gli Altri!!!”.

*magistrato

Lascia un commento