Vai al contenuto

Vitamina D e fratture

  • di

di New England Journal of medecine

Supplemento di vitamina D e fratture nella mezza età e negli anziani

Gli integratori di vitamina D sono ampiamente raccomandati per la salute delle ossa nella popolazione generale, ma i dati sulla prevenzione delle fratture sono stati incoerenti.

In uno studio ausiliario dello studio Vitamin D and Omega-3 Trial (VITAL), abbiamo testato se la vitamina D 3 supplementare comporterebbe un minor rischio di fratture rispetto al placebo. VITAL è stato uno studio fattoriale, randomizzato e controllato due per due che ha esaminato se la vitamina D 3 supplementare(2000 UI al giorno), acidi grassi n-3 (1 g al giorno) o entrambi preverrebbero il cancro e le malattie cardiovascolari negli uomini di età pari o superiore a 50 anni e nelle donne di età pari o superiore a 55 anni negli Stati Uniti. I partecipanti non sono stati reclutati sulla base di carenza di vitamina D, massa ossea ridotta o osteoporosi. Fratture incidenti sono state segnalate dai partecipanti su questionari annuali e giudicate da una revisione centralizzata delle cartelle cliniche. Gli end point primari erano le fratture incidenti totali, non vertebrali e dell’anca. I modelli di rischio proporzionale sono stati utilizzati per stimare l’effetto del trattamento nelle analisi dell’intenzione di trattare.

RISULTATI

Tra 25.871 partecipanti (50,6% donne [13.085 su 25.871] e 20,2% neri [5106 su 25.304]), abbiamo confermato le fratture incidenti del 1991 in 1551 partecipanti su un follow-up mediano di 5,3 anni. La vitamina D3 supplementare , rispetto al placebo, non ha avuto un effetto significativo sulle fratture totali (che si sono verificate in 769 partecipanti su 12.927 nel gruppo vitamina D e in 782 partecipanti su 12.944 nel gruppo placebo; hazard ratio, 0,98; 95% intervallo di confidenza [CI], da 0,89 a 1,08; P=0,70), fratture non vertebrali (hazard ratio, 0,97; IC 95%, da 0,87 a 1,07; P=0,50) o fratture dell’anca (hazard ratio, 1,01; IC 95%, 0,70 a 1,47; P=0,96).Non vi è stata alcuna modifica dell’effetto del trattamento in base alle caratteristiche di base, inclusi età, sesso, razza o gruppo etnico, indice di massa corporea o livelli sierici di 25-idrossivitamina D. Non ci sono state differenze sostanziali tra i gruppi negli eventi avversi valutati nello studio dei genitori.

CONCLUSIONI

L’integrazione di vitamina D 3 non ha comportato un rischio di fratture significativamente inferiore rispetto al placebo tra gli adulti di mezza età generalmente sani e gli anziani che non sono stati selezionati per carenza di vitamina D, massa ossea ridotta o osteoporosi. (Finanziato dal National Institute of Arthritis and Musculoskeletal and Skin Diseases; numero VITAL ClinicalTrials.gov, 

(Visited 14 times, 1 visits today)

Lascia un commento