Vai al contenuto

4 novembre: non festa ma lutto

  • di

PEACELINK, “CENTRO DI RICERCA PER LA PACE” DI VITERBO, MOVIMENTO NONVIOLENTO: 4 NOVEMBRE: NON FESTA MA LUTTO

4 novembre: non festa ma lutto


Proponiamo che il 4 novembre si svolgano commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, di ieri e di oggi.
Le commemorazioni devono essere un solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze:
per ridurre drasticamente le spese militari, per abolire le testate nucleari, per fermare le fabbriche di armi.
18 ottobre 2022
PeaceLink – “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo – Movimento Nonviolento
*
Vogliamo prevenire le guerre di domani. Siamo contro le guerre di oggi. Non dimentichiamo le guerre di ieri.
Le guerre di oggi sono combattute con le armi costruite ieri. Le armi costruite oggi alimenteranno le guerre di domani.
Il disarmo, a partire da noi stessi (disarmo unilaterale), e’ la strategia per costruire la pace.
Fare memoria delle guerre del passato e’ doveroso per non ripetere gli stessi tragici errori.
*
Domenica 5 novembre si terra’ a Roma una grande manifestazione per la pace, promossa dal cartello “Europe for Peace”, alla quale parteciperemo. Sara’ una manifestazione popolare e di popolo che chiede: “Cessate il fuoco subito – Negoziato per la pace – Mettiamo al bando le armi nuclari – Solidarietà con le vittime di tutte le guerre”.
Il giorno precedente, 4 novembre, ricorre l’anniversario della fine della Prima guerra mondiale, una “inutile strage” come disse il Pontefice di allora.
Tante altre “inutili stragi” seguirono, fino alla odierna strage in Ucraina. E’ la guerra nel cuore dell’Europa, che prosegue da allora.
*
La data del 4 novembre viene celebrata con continuita’ dal fascismo fino ad oggi, per richiamare l’unita’ dell’Italia sotto il segno della guerra e dell’esercito. “Giornata dell’Unita’ Nazionale e delle Forze Armate” nell’anniversario della fine di un tragico conflitto che costò al nostro paese un milione e duecentomila morti (600.000 civili e 600.000 militari): per la prima volta nella storia a morire a causa della guerra non furono solo i militari al fronte, ma in pari numero i civili vittime di bombardamenti o di stenti, malattie, epidemie causate dalla guerra stessa.
Vogliamo ricordare e onorare quei morti rinnovando l’impegno contro ogni guerra e la sua preparazione, dunque contro le guerre di oggi, contro le armi costruite per le guerre di domani. Solo opponendosi a tutte le guerre si onora la memoria delle persone che dalle guerre sono state uccise.
Meno armi piu’ difesa della vita, ridurre drasticamente le spese militari e devolvere i fondi per abolire la fame, la poverta’, l’inquinamento del pianeta.
Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano.
Per questo sosteniamo la richiesta che l’Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la messa al bando delle armi nucleari.
Per questo sosteniamo la Campagna “Un’altra difesa e’ possibile“, che prevede l’istituzione di un Dipartimento per la difesa civile, non armata e nonviolenta.
Pace, disarmo, smilitarizzazione. Tutela della vita degli umani e della Terra.
*
Proponiamo che il 4 novembre si svolgano commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre, commemorazioni che siano anche solenne impegno contro tutte le guerre e le violenze. Queste iniziative di commemorazione e di impegno morale e civile devono essere rigorosamente nonviolente.
Occorre quindi che si svolgano in orari distanti e assolutamente distinti dalle ipocrite celebrazioni dei poteri armati, quei poteri che quelle vittime fecero morire.
Ed occorre che si svolgano nel modo piu’ austero, severo, solenne: depositando omaggi floreali dinanzi alle lapidi ed ai sacelli delle vittime delle guerre, ed osservando in quel frangente un rigoroso silenzio.
Ovviamente prima e dopo e’ possibile ed opportuno effettuare letture e proporre meditazioni adeguate, argomentando ampiamente e rigorosamente perche’ le persone amiche della nonviolenza rendono omaggio alle vittime della guerra e perché convocano ogni persona di retto sentire e di volonta’ buona all’impegno contro tutte le guerre, e come questo impegno morale e civile possa concretamente limpidamente darsi. A tutte le persone amiche della nonviolenza chiediamo di diffondere questa proposta e contribuire a questa iniziativa.
Contro tutte le guerre, contro tutte le uccisioni, contro tutte le persecuzioni.
Per la vita, la dignita’ e i diritti di tutti gli esseri umani.
Ogni vittima ha il volto di Abele.
Solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’.
Solo la pace salva le vite. Salvare le vite e’ il primo dovere.

*
Movimento Nonviolento
per contatti: via Spagna 8, 37123 Verona, tel. e fax: 0458009803, e-mail: an@nonviolenti.org, siti: www.nonviolenti.org e www.azionenonviolenta.it
PeaceLink
per contatti: e-mail: info@peacelink.it, abruzzo@peacelink.it, sito: www.peacelink.it
“Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo
per contatti: e-mail: centropacevt@gmail.com, web: mailing list nonviolenza@peacelink.it

* * *

(Visited 16 times, 1 visits today)

Lascia un commento