Vai al contenuto

Più donne in sanità, ma poche in posizione apicale

  • di

Sempre più donne in sanità ma sempre meno in posizioni apicali. Ecco perché la parità è ancora una chimera

Le donne medico sono il 50,9% ma ai vertici delle aziende sanitarie arriva solo il 31,5% secondo dati di Openpolis. E nelle direzioni di struttura ancora meno, circa il 20%.

di Giovanni Cedrone Sanità informazione

Le donne medico sono sempre di più ma fanno ancora estremamente fatica a ricoprire i ruoli di vertice nel nostro Sistema Sanitario Nazionale. È quanto emerge da un’indagine di Openpolis i cui numeri non lasciano spazio a troppi dubbi: sono infatti il 31,5% le donne che ricoprono ruoli di vertice nelle aziende sanitarie o ospedaliere, cioè poco meno di un terzo nonostante nel 2022 per la prima volta il numero di donne medico sotto i 70 anni abbia superato il numero di uomini (50,9%), un dato che cresce al diminuire dell’età.

Va peggio se si va ad esaminare la quota di donne che ricopre il ruolo di direttore generale o di commissario straordinario di un’azienda sanitaria o ospedaliera, appena il 20,47%. Mentre sono è il 32,34% la quota di donne che ricopre il ruolo di direttore sanitario di un’azienda sanitaria o ospedaliera. Va un po’ meglio tra i direttori amministrativi, dove la percentuale di donne arriva al 41,76%.

«Noi abbiamo anche i dati relativi al ruolo di Direttore di struttura e sono anche più sconfortanti, siamo sul 18-20%.

Le donne che vogliono accedere a questo tipo di lavoro apicale sono meno rispetto agli uomini anche perché fare il direttore generale richiede una disponibilità di ore e un carico di lavoro che mal si concilia con l’impegno familiare. E poi dipende anche da quanto la persona sia interessata ad abbandonare la parte professionale e inseguire questa carriera dirigenziale e non più clinica. La scelta di abbandonare la clinica è sempre difficile.

Inoltre le nuove generazioni di medici non sono più disposti a svolgere un’attività medica rinunciando alla vita familiare. Una maggiore conciliazione viene richiesta anche tra gli uomini. I vecchi primari avevano la famiglia a casa e dedicavano tutto il loro tempo alla professione, oggi non è più così. Bisogna rivedere anche l’organizzazione del lavoro. .

I dati sono sconfortanti anche nelle società scientifiche, con ad esempio AIOM che ha avuto un solo presidente donna in 50 anni. A livello istituzionale bisogna lavorare per invertire questo sistema. Al congresso europeo di Oncologia medica qualche mese fa hanno mostrato che se la situazione rimane così ci vorranno circa 300 anni per far sì che le donne riescano a raggiungere la parità di genere in questo settore. Nella pubblica amministrazione universitaria e ospedaliera c’è già una norma che prevede che la commissione di concorso sia composta da una componente femminile, è importante la presenza di genere nella selezione del personale.

(Visited 5 times, 1 visits today)

Lascia un commento