Vai al contenuto

GIUSTIZIA PER MAYA E ALTRE PERSONE LGBTQIA+ DETENUTE IN TUNISIA

  • di

GIUSTIZIA PER MAYA E LE ALTRE PERSONE LGBTQIA+ DETENUTE IN TUNISIA

FIRMA ORA

Il 21 dicembre 2022, un tribunale tunisino ha emesso una sentenza che condanna una donna transgender, Maya, a tre anni di carcere e un uomo che era stato arrestato con lei a un anno. Aiuta ad amplificare le loro voci contro l’ingiustizia.

Aggiornamento – 27 febbraio 2023: la Corte d’appello di Nabil ha condannato Maya a 6 mesi di carcere. È stata condannata in base all’articolo 230 del codice penale tunisino, che criminalizza le relazioni tra persone dello stesso sesso. Maya ricorrerà in appello contro la sentenza, quindi dobbiamo aumentare la pressione per garantire la sua sicurezza.

—————————————–

Nella notte tra l’11 e il 12 dicembre, l'”Unità di protezione sociale” ha fatto irruzione in un’abitazione privata per verificare se ospitasse un gruppo di persone LGBTQIA++. Ciò ha portato all’arresto di 4 persone che, nonostante l’assenza di prove a loro carico, sono state condotte in un centro di detenzione, dove sono state “interrogate”, o più precisamente intimidite, degradate e sottoposte a innumerevoli violazioni dei loro diritti.

Maya, una donna trans, è stata rasata a forza ed è stata messa in cella insieme ad altri uomini. 

Il 21 dicembre 2022, il Tribunale di primo grado ha emesso un verdetto di massima condanna contro di lei, condannandola a tre anni di carcere ai sensi dell’articolo 230 del codice penale. Un altro uomo, arrestato insieme a lei, è stato condannato a un anno in base alla stessa legge, mentre gli altri due sono stati assolti. 

Cosa prevede l’articolo 230? 

Secondo questo articolo, gli atti privati di omosessualità tra adulti consenzienti sono punibili fino a tre anni di carcere in Tunisia. Una persona può essere incriminata in base al suo aspetto, ai suoi messaggi privati o a confessioni sotto costrizione. 

Questo caso costituisce un precedente per cui le case delle persone vengono perquisite sulla base di un semplice sospetto, mettendole a rischio di carcere per il solo fatto di trovarsi nel loro spazio privato. 

Damj, un’Associazione tunisina per la giustizia e l’uguaglianza, ha fornito avvocati ai detenuti con il sostegno di numerose altre ONG e associazioni, come Mawjoudin, ASF, O3DT e altre. 

Le loro voci non sono sufficienti. Usa la tua voce per dare una mano. 

29.4212persone hanno firmato

OBIETTIVO: 30.000

(Visited 18 times, 1 visits today)
Tag:

Lascia un commento