Vai al contenuto

2022: 300 BIMBI ABBANDONATI NEGLI OSPEDALI

  • di

Neonati, 300 casi di bimbi affidati agli ospedali

Canale:Sanità dire
ospedale_neonato

ROMA – Due neonati affidati alle cure degli ospedali, negli ultimi tre giorni: il piccolo Enea lasciato nella Culla per la vita della Clinica Mangiagalli di Milano e una bimba nata in un capannone dismesso in zona Quarto Oggiaro, portata dalla madre all’Ospedale BuzziVista l’attenzione mediatica, che ha portato, giustamente, a considerazioni, dibattiti e anche, purtroppo, a polemiche e alla diffusione di una serie di dati, a volte discordanti, la Società italiana di neonatologia (Sin) interviene per fare un po’ di chiarezza.

Il dato di “3.000 neonati abbandonati ogni anno, utilizzato in più riprese, è ormai superato, in quanto risalente al 2005. Il dato più recente disponibile è quello emerso dall’indagine, durata un anno, tra luglio 2013 e giugno 2014, condotta su un campione nazionale di 100 Centri nascita ed effettuata dalla Sin in collaborazione con ninna ho, progetto a tutela dell’infanzia abbandonata, promosso da Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus e dal Network KPMG in Italia. Sono stati 56 i neonati non riconosciuti dalle mamme italiane su un totale di 80.060 bambini nati. Nel 62,5% dei casi si tratta di neonati non riconosciuti da madri straniere e nel 37,5% da mamme italiane, con un’età compresa tra i 18 e i 30 anni nel 48,2% dei casi. Pertanto, il fenomeno dei bambini non riconosciuti alla nascita incide a livello nazionale per circa lo 0,07% (circa 300 nel 2021-22) sul totale dei bambini nati vivi“. Il dato è stato diffuso dalla Sin nel 2015 ed è “l’unico più recente al momento disponibile”.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Lascia un commento