Vai al contenuto

Vaccinazioni: raccomandazioni per anziani, passo avanti per la Sanità italiana

  • di

Vaccinazioni, nuove raccomandazioni per gli anziani. Un passo avanti per la sanità italiana

INFETTIVOLOGIA REDAZIONE DOTTNET | 21/11/2023 15:50

I vaccini hanno dimostrato di avere una maggiore efficacia protettiva sia in termini di evitamento dell’infezione ma, in particolar modo, in termini di riduzione degli effetti più pesanti che l’influenza può determinare. Negli ultimi anni si sta parlando sempre più spesso di medicina di precisione e quest’anno il Ministero, nell’ordinaria Circolare sulla prevenzione dell’influenza – stagione 2023-2024 pubblicata lo scorso 21 aprile, ha introdotto per la prima volta delle raccomandazioni in base al target anche in tema di vaccinazioni antinfluenzali. La raccomandazione è quella di somministrare vaccini sempre più idonei e pensati alla persona che li deve ricevere: una novità nel panorama italiano.  Nello specifico, nella Circolare, i vaccini antinfluenzali oggi disponibili in Italia vengono classificati come “S: Somministrabile” e “R: Raccomandato tra i somministrabili”, il che definisce una raccomandazione specifica per una categoria di vaccini e per uno specifico target. Nella fattispecie per i soggetti di età pari o superiore a 65 anni vengono indicate con “R: raccomandate” due specifiche tipologie di vaccino antinfluenzale. La vaccinazione antinfluenzale è un’opportunità per tutti ma diventa una raccomandazione stringente per le persone più fragili e più avanti con l’età. Negli anni sono stati sviluppati diversi vaccini per garantire la maggior efficacia possibile, soprattutto per i soggetti con una risposta immunitaria ridotta. Aver indicazioni su vaccini più appropriati per fascia di età è un vantaggio da poter sfruttare a beneficio della popolazione, mirando sempre più al raggiungimento degli obbiettivi di copertura. Entrambi i vaccini raccomandati hanno dimostrato, nelle persone con una riduzione della capacità immunitaria determinata dall’età, una maggiore capacità protettiva. Quindi è fondamentale vaccinarsi, ma è importante scegliere anche il vaccino più appropriato, per massimizzare il risultato di questa importante attività di prevenzione. Il confronto con il medico di medicina generale rimane fondamentale per fornire la risposta più idonea in base anche alla storia clinica. La protezione vaccinale futura, infatti, guarda sempre di più a fornire una risposta efficace in base alla popolazione di riferimento.

(Visited 58 times, 1 visits today)

Lascia un commento