Vai al contenuto

Aumentano casi importati e focolai locali Dengue e West Nile

  • di

Aumentano casi importati e focolai locali Dengue e West Nile

Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), INFETTIVOLOGIA REDAZIONE DOTTNET

Nei primi mesi del 2024, diversi paesi hanno segnalato aumenti sostanziali nel numero di casi di dengue importati. Si attendono numeri ancora più alti quest’anno. Aumentano i casi di dengue importati da regioni endemiche, picco anche di focolai locali di infezioni da virus del Nilo occidentale (West Nile) e dengue all’interno dell’UE/SEE. I dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) confermano la tendenza al rialzo degli indicatori.

Nel 2023, sono stati segnalati 130 casi di dengue acquisiti localmente nell’UE/SEE, contro i 71 casi segnalati nel 2022. Si tratta di un aumento significativo rispetto al periodo di dieci anni 2010-2021, in cui il numero totale di casi acquisiti localmente era 73 per l’intero periodo. Sono in aumento anche i casi importati con 1.572 casi segnalati nel 2022 e oltre 4.900 casi nel 2023. Si tratta del numero più alto di casi di dengue importati segnalati dall’inizio della sorveglianza a livello dell’UE nel 2008. Nei primi mesi del 2024, diversi paesi hanno segnalato aumenti sostanziali nel numero di casi di dengue importati, il che potrebbe suggerire che i numeri nel 2024 potrebbero diventare ancora più alti. Per il virus del West Nile, nel 2023, i paesi dell’UE/SEE hanno segnalato 713 casi umani acquisiti localmente in 123 diverse regioni di nove paesi dell’UE. Ventidue di queste regioni sono state segnalate come luoghi di infezione per la prima volta nel 2023; segnalati anche 67 decessi. Il conteggio dei casi segnalati è inferiore a quello del 2022, con 1.133 casi umani, ma il numero di regioni colpite è il più alto dal picco del 2018, indicando un’ampia circolazione geografica del virus. “L’Europa sta già assistendo a come il cambiamento climatico stia creando condizioni più favorevoli affinché le zanzare invasive si diffondano in aree precedentemente non colpite e infettino più persone con malattie come la dengue. L’aumento dei viaggi internazionali dai paesi endemici di dengue aumenterà anche il rischio di casi importati e, inevitabilmente, anche il rischio di epidemie locali”, avverte Andrea Ammon, direttore dell’ECDC. “Le misure di protezione personale combinate con misure di controllo dei vettori, l’individuazione precoce dei casi, la sorveglianza tempestiva, ulteriori attività di ricerca e di sensibilizzazione sono fondamentali nelle aree d’Europa più a rischio”.

L’Aedes albopictus, nota per trasmettere i virus dengue
, chikungunya e Zika, si sta diffondendo ulteriormente a nord, est e ovest dell’Europa e ora conta popolazioni autosufficienti in 13 paesi dell’UE/SEE. L’Aedes a Egypti, vettore dei virus della febbre gialla, della dengue, della chikungunya e del virus Zika, si è recentemente affermato a Cipro.

 Il suo potenziale di insediamento in altre parti d’Europa è preoccupante a causa della sua significativa capacità di trasmettere agenti patogeni e della sua preferenza nel mordere gli esseri umani. La zanzara Culex pipiens, responsabile della diffusione del virus del Nilo occidentale, è originaria dell’Europa ed è presente in tutta l’UE/SEE.

È ampiamente previsto – sottolinea l’ECDC – che il cambiamento climatico avrà un impatto significativo sulla diffusione 
delle malattie trasmesse dalle zanzare in Europa, ad esempio attraverso la creazione di condizioni ambientali favorevoli all’insediamento e alla crescita delle popolazioni di zanzare. Quest’anno a Siviglia, in Spagna, è stato segnalato un caso umano confermato di infezione da virus del Nilo occidentale, acquisito localmente, con insorgenza dei sintomi all’inizio di marzo. Sebbene si tratti di un caso isolato, si evidenzia che la trasmissione del virus del West Nile può verificarsi molto presto nel corso dell’anno, probabilmente a causa delle condizioni climatiche adatte. L’istituzione di misure coordinate di controllo dei vettori è un elemento chiave per la lotta contro le malattie trasmesse dalle zanzare e saranno necessarie ulteriori ricerche per sviluppare strumenti efficienti ma ecologici per gestire le popolazioni di zanzare. Parallelamente, si dovrebbero informare le popolazioni sulle misure semplici come la rimozione dell’acqua stagnante nei giardini o nei balconi dove si riproducono le zanzare, l’uso di indumenti che coprano la maggior parte del corpo, l’uso di repellenti per zanzare, l’uso di zanzariere o zanzariere per finestre/porte e il dormire o riposare in stanze climatizzate. L’ECDC fa anche sapere che, a partire dal 2024, Aedes albopictus è presente in Austria, Bulgaria, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Malta, Portogallo, Romania, Slovenia e Spagna, e si è introdotta in Belgio, Cipro, Repubblica Ceca, Paesi Bassi e Slovacchia. Sempre dal 2024, Aedes a Egypti si è stabilita a Cipro e in diverse regioni ultraperiferiche dell’UE, come Madeira (Portogallo) e le isole dei Caraibi francesi. Dal 2010, anno in cui è stata registrata la prima recente epidemia di dengue, si sono verificate 48 epidemie di dengue trasmesse da vettori. Tra il 2010 e il 2017 si sono verificati fino a 3 focolai all’anno, 5 focolai nel 2018, 7 nel 2020, 10 focolai nel 2022, e il picco è stato osservato lo scorso anno nel 2023, con 8 focolai in Francia, 4 in Italia e 2 in Spagna.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Lascia un commento