Vai al contenuto

Chiediamo stop agli hotspot

  • di

Chiediamo stop agli hotspot per promuovere progettualità di respiro umano

Lanciata 8 giugno 2024, Petizione diretta a Capo dello Stato Italiano

Perché questa petizione è importante

Lanciata da Costanza Tuor

La decisione del governo di aprire due hotspot per confinare migranti irregolari che arriveranno nel nostro paese, non chiede alcuna partecipazione ai cittadini che non possono nemmeno esprimersi rispetto a questa scelta orribile e senza respiro umano. I cittadini desiderano aiutare concretamente persone in difficoltà secondo quanto stabilisce la nostra Costituzione. Io, come molte altre persone, ho lavorato per anni nelle residenze che accoglievano migranti e rifugiati politici e posso testimoniare che aiutarli è prezioso per i grandi doni che consegnano al nostro paese (sapienze legate alla pace e alla giustizia), ma è prima di tutto una risposta a una richiesta di aiuto che bussa direttamente alla nostra porta. Vogliamo eluderla? 

Creare spazi chiusi e potenzialmente privi di contatto con il territorio, invece di proporre progetti d’accoglienza concreta e umana è un atto anticostituzionale perché calpesta i diritti umani garantiti dalla nostra Costituzione, in particolare dagli articoli 1, 2 e 3. I migranti arrivati nel nostro paese a causa delle guerre e delle ingiustizie stanno cercando aiuto e sostegno; “depositarli” a tempo più o meno indefinito in Albania è una soluzione disumana.

Chiediamo al governo di rinunciare a questa folle idea senza prospettiva e usare i fondi per sviluppare progetti a lungo termine che si prendano cura di una realtà umana, sociale e culturale nella maniera più opportuna ascoltando e curando le persone. Questo permette anche di promuovere relazioni più solidali su tutto il territorio europeo e di pensare alle migrazioni come possibilità doverose per chi cerca di migliorare le proprie condizioni di vita. 

Non crediamo che le soluzioni possano essere rese disponibili in un’ottica che progetta in fretta soluzioni che non rispettano i diritti basilari. Inoltre affrontare questa situazione in modo responsabile, approfondito e vitale apre a buone soluzioni anche per altri ambiti a questo collegati, come il lavoro e la sanità. Chiediamo una presa di responsabilità nel pensare a convergenze che garantiscano stabilità su vari piani e questo può nascere solo dal rispetto per la vita in tutte le sue manifestazioni migliori e dalle buone esperienze che nel tempo hanno dato risultati concreti di benessere per la comunità.

Firma questa petizione per chiedere al governo di bloccare immediatamente questa decisione e attivarsi per costruire nuovi percorsi di convivenza e collaborazione per aiutare chi si trova in difficoltà!

Grazie a te questa petizione ha delle possibilità di vincere! Abbiamo bisogno solo di altre 58 firme per raggiungere il prossimo obiettivo. Puoi aiutarci?

Fai il prossimo passo!

Condividi questa petizione di persona o utilizza il codice QR per il tuo materiale.Scarica il codice QR

(Visited 21 times, 1 visits today)

Lascia un commento