Vai al contenuto

I PIEDI D’ARGILLA

  • di
  Newsletter n.344 del 6 luglio 2024   I PIEDI D’ARGILLA   Cari amici, noi amiamo l’Ungheria, non perché l’ama la signora Meloni e nemmeno perché Salvini è entusiasta di raggiungere Orban nel nuovo gruppo di destra, “I Patrioti” del Parlamento europeo. Amiamo invece l’Ungheria perché era quello l’obiettivo da distruggere assegnato all’Italia, per mezzo dei missili nucleari installati a Comiso, nella distribuzione internazionale del lavoro tra i Paesi dell’area atlantica, nel caso fosse scoppiata la guerra atomica. Chissà perché proprio l’Ungheria. Fatto sta che, pur non sapendo che l’obiettivo fosse l’Ungheria, un imponente movimento popolare insorse in Italia contro i missili di Comiso. Solo in Sicilia, per sloggiare i Cruise, furono raccolte un milione di firme. Infine quei missili non furono sparati, l’Ungheria fu salva e anche noi. Fu quella l’ultima volta in cui l’Europa e il mondo rischiarono una guerra mondiale e un’ecatombe nucleare. E ora ci siamo un’altra volta, a causa della insensata decisione europea di tornare a ballare col Nemico e di non voler fare finire la guerra tra la Russia e l’Ucraina, forse per sdebitarsi con gli Stati Uniti che le danno la copertura militare della NATO e che hanno tutto l’interesse, almeno a stare ai documenti della Casa Bianca e del Pentagono, che la guerra continui.  Senonché l’Europa sbadatamente ha stabilito che di sei mesi in sei mesi cambi lo Stato che ha la presidenza dell’Unione, e ora questo Stato è l’Ungheria, e l’Ungheria si è permessa di rompere l’unanimità violenta dei Paesi europei, annunziando che tutto il suo semestre sarà dedicato al tentativo di riportare la pace in Europa, ponendo termine, mediante un negoziato, alla guerra tra la Russia e l’Ucraina.  Per questo il premier ungherese Orban, come primo atto della sua presidenza, si è recato a Kiev e Mosca, per tentare di propiziare un dialogo tra le due capitali per mettere fine alla guerra.  Nessun leader europeo l’aveva fatto prima di lui. Non Johnson, che fu il primo a precipitarsi a Kiev per dire a Zelensky che doveva stracciare l’accordo appena fatto con Putin nel negoziato di Ankara, quindici giorni dopo l’inizio della guerra, non Macron che voleva mandare i soldati europei a dar man forte sul terreno all’esercito ucraino in via di estinzione, non Scholz che aveva subito seguito Macron nel consentire alla pretesa di Stoltenberg di togliere i vincoli all’uso delle armi della NATO per colpire in profondità il territorio russo. Ma nemmeno l’aveva fatto il presidente Mattarella, che gode della maggior fiducia tra i politici italiani, avendola avuta due volte dal Parlamento per i suoi due mandati e giungendo nei sondaggi  al 73 per cento dei consensi; eppure sulla guerra è andato più avanti di tutti dando credito alle più fosche illazioni col dire  che la pace deve essere come l’Ucraina la vuole e che se essa fosse sconfitta ci sarebbe una deriva di aggressioni ad altri Paesi ai confini con la Russia e di lì si giungerebbe a “un conflitto generale e devastante” come quello  provocato dalla Germania tra il 1938 e il ’39.  L’ha fatto invece ora l’Ungheria, suscitando l’ira funesta delle burocrazie europee (ma non della NATO), da Charles Michel, alla von der Leyen, a Borrel, come alla Polonia e alla Lituania; secondo questa, per amor di pace,  a Mosca si dovrebbero portare le manette, non le strette di mano.  C’è una verità però in tutto questo: l’Europa delle armi e della guerra vacilla, e va in crisi come tutti i giganti armati che hanno i piedi d’argilla; lo sanno bene gli Stati Uniti dal Vietnam all’Afghanistan, lo sa Netanyahu a cui viene meno sul più bello del “suo lavoro” il sostegno dell’esercito, ed ora lo sa l’Europa che per un sassolino lanciato dalla piccola Ungheria entra nel panico, non sa più che fare, e sconfessa la presidenza stessa dell’Unione.  Nel sito pubblichiamo il verbale della Corte di cassazione sulla presentazione della richiesta di referendum abrogativo della legge sull’autonomia differenziata, e una intervista a Gian Guido Folloni sul libro “L’Era post americana“. Con i più cordiali saluti,   Chiesa di Tutti Chiesa dei Poveri
(Visited 26 times, 1 visits today)

Lascia un commento