Vai al contenuto

ACCELERARE LA DECARBONIZZAZIONE

  • di

FONTI RINNOVABILI ED EFFICIENZA PER ELIMINARE LA DIPENDENZA ENERGETICA DALLA RUSSIA
E ACCELERARE LA DECARBONIZZAZIONE DEL PAESE: LA PROPOSTA DEL GRUPPO “ENERGIA PER
L’ITALIA”
(GIUGNO 2022, www.energiaperlitalia.it)
Sintesi – Con efficienza e rinnovabili possiamo cancellare la dipendenza energetica dell’Italia dalla Russia
entro il 2030. È necessario agire con decisione sulle abitazioni, eliminando almeno 3,5 milioni di caldaie a
gas dalle case (tramite coibentazione degli involucri, impianto fotovoltaico e pompa di calore), sulle
autovetture, sostituendo almeno 3 milioni di auto tradizionali con mezzi elettrici entro fine decennio, e
infine sul settore elettrico, sostituendo almeno 53 terawattora oggi prodotti con gas e carbone russi con
altrettanti prodotti con il sole e il vento (tramite il raddoppio della potenza fotovoltaica ed eolica installata).
Procedendo in questo senso vedremo anche diminuire le emissioni di gas serra italiane progressivamente
fino a -27,5 milioni di tonnellate di CO2 nel 2030 rispetto al 2019, dando un contributo sostanziale e stabile
agli obiettivi climatici internazionali.
Premessa – Il regime di Putin vive di denaro occidentale, con enormi incassi giornalieri per la vendita di
petrolio e gas. Le cifre riportate dai quotidiani sono dell’ordine di 180 miliardi di dollari all’anno grazie alla
vendita del greggio, e di circa 60 miliardi di dollari all’anno derivanti dal gas naturale. Dai soli mercati
europeo e inglese la Russia ogni giorno ricava 285 milioni di dollari col petrolio e 100 milioni di dollari con
il gas.
La Russia è l’unico paese da cui l’Italia dipende per tutte le fonti fossili (36 milioni di tonnellate equivalenti
di petrolio, Mtep): è il primo fornitore nazionale di carbone (3,6 Mtep) e gas (24 Mtep), e il terzo di petrolio
(8,4 Mtep). In particolare dalla Russia proviene il 40% del gas utilizzato in Italia, il 12% del petrolio e il 52%
del carbone. (fonte Italy for climate).
Questi flussi di risorse e denaro proseguono nonostante il terrificante conflitto scatenato da Putin contro
l’Ucraina dal 24 febbraio 2022. Oggi però, specialmente dopo la scoperta dei massacri nelle periferie di
Kiev, gli europei sembrano (forse) decisi a farla finita con gli acquisti di energia dalla Russia.
Il problema a questo punto è diventato come fare a meno delle fonti fossili russe e con cosa sostituirle. Il
piano del governo italiano è di mantenere inalterata la sua politica energetica, cercando sia altrove sia nel
nostro sottosuolo le medesime tipologie di fonti fossili ignorando l’opportunità di passare alle rinnovabili. Al
contrario il nostro approccio è quello di una completa sostituzione delle risorse fossili russe, puntando su
efficienza e fonti rinnovabili, in modo da raggiungere nei prossimi anni una sostanziale autonomia dalla
Russia nei consumi di energia e, contestualmente,procedere spediti verso gli obiettivi di decarbonizzazione
del Paese e autosufficienza energetica.
Per quanto concerne rinnovabili ed efficienza energetica, gli sforzi ed i risultati fin qui ottenuti dal nostro
Paese non sono neppure all’altezza delle aspettative dell’Unione Europea, espresse nella Raccomandazione
del Consiglio dell’Unione Europea e nella proposta di direttiva RepowerEU, e del mondo delle imprese,
espresse nelle comunicazioni dell’associazione imprenditoriale Elettricità Futura.
La nostra proposta contiene in sé un’indicazione sulla velocità del percorso che è necessario intraprendere
in tempi brevi e certi per conseguire target energetici e climatici irrinunciabili, ma anche e soprattutto un
invito esplicito a Governo e Parlamento a ripensare radicalmente l’attuale strategia energetica nazionale,
superando ambiguità, ritardi e contraddizioni.
2
Il piano alternativo dovrebbe infatti essere articolato separando i settori che delle risorse fossili russe
possono già fare a meno, adottando tecnologie sostitutive e fonti rinnovabili già esistenti, da altri settori,
comunque minoritari, in cui le soluzioni non sono ancora abbastanza mature o disponibili.
I comparti in cui si possono subito fare proposte operative sono almeno tre: il domestico, i trasporti su
strada e la generazione elettrica.
I consumi domestici di gas per riscaldamento possono essere abbattuti rapidamente adottando, nell’ordine:
la coibentazione degli edifici, la sostituzione delle caldaie a gas con semplici collettori di calore solare per
l’acqua sanitaria e, per il riscaldamento, con pompe di calore (termopompe), congegni che consumano
poca energia elettrica estraendo grandi quantità di calore dall’aria, dall’acqua o dal suolo.
Quasi la metà del gas russo importato, pari a circa 10 Mtep, viene usato in 3,5 milioni di edifici
(corrispondenti al 18% del totale di 19 milioni dotati di caldaia) che andrebbero portati a consumo zero o
minimo di gas entro otto anni installando cappotto, termopompa, collettore solare e impianto fotovoltaico
a tetto. Questo implica che per raggiungere l’obiettivo indicato dovranno essere portate alla
ristrutturazione almeno 430mila abitazioni ogni anno di qui al 2030, andando molto al di là di quanto
prevede il Pnrr.
I trasporti su strada devono passare ai motori elettrici, enormemente più efficienti di quelli termici, e
alimentabili con fonti rinnovabili. Per quanto riguarda l’Italia possiamo supporre dai dati disponibili che il
65% del petrolio russo importato si trasformi in carburanti, alimentando di conseguenza circa 3 milioni di
autoveicoli, pari a circa l’8% di tutte le auto in circolazione (che sono circa 38 milioni).Per sostituire questa
frazione del parco veicoli dovremo passare dagli attuali 60mila veicoli elettrici a batteria (veb) venduti ogni
anno (4% su circa 1,5 milioni auto nuove acquistate ogni anno) ad almeno 350mila veb/anno (un quarto
delle vendite totali), per raggiungere e magari superare i 3 milioni di veb circolanti in Italia entro il 2030. Si
sottintende che questi mezzi dovrebbero essere alimentati a corrente rinnovabile, in buona parte prodotta
direttamente dai proprietari tramite installazione di impianti fotovoltaici domestici. Le nostre stime sono in
questo caso compatibili con quelle del Pniec, che punta a 4 milioni di veb entro il 2030. Tutto questo senza
considerare il contributo che verrebbe dal potenziamento del trasporto pubblico e dal rinnovo del parco
ferroviario del trasporto pubblico regionale mediante acquisto di nuovi treni elettrici, già in parte previsto
nel PNRR.
La generazione elettrica. Per abbandonare gas e carbone di provenienza russa si deve passare a vento, sole
e accumulo, arrivando a coprire almeno il 60% della produzione, inclusa quella necessaria ad alimentare
termopompe e motori elettrici supplementari. Il gas e il carbone russo concorrono infatti per circa il 19%
alla produzione elettrica nazionale, corrispondenti a circa 53 TWh (terawattora) sui 278 totali (importazioni
escluse). Oggi le rinnovabili generano circa 113 TWh di cui circa 50 idroelettrici non incrementabili, e quindi
l’incremento necessario sarà a carico dei settori solare ed eolico, per i quali è necessario il sostanziale
raddoppio della potenza installata (da 33 a 66 GWp, di cui circa 10 sulle abitazioni di cui sopra) per arrivare
a spegnere le centrali dipendenti da gas e carbone russi. Considerando anche gli ulteriori consumi dovuti
alle abitazioni e ai veb si passa al 66% di elettricità da rinnovabili, una stima che sostanzialmente coincide
con le recenti proposte di Elettricità futura (Confindustria). La rete, che sarà comunque oggetto di
interventi di ammodernamento già previsti nel PNRR, è già pronta per gestire il trasporto e la distribuzione
di nuova potenza rinnovabile installata (fonte: Nicola Lanzetta, Direttore Generale Enel Italia).
In conclusione l’attuale dipendenza grave dell’Italia dalle fonti fossili russe potrebbe essere eliminata o
drasticamente ridotta entro otto anni o meno attivando subito un piano di emergenza energetica e
3
climatica che trasformi radicalmente la condizione energetica del Paese entro la fine del decennio, con 3,5
milioni di case coibentate e senza più caldaie, 3 milioni di nuove auto elettriche a batteria al posto di
altrettante a petrolio, e due terzi della corrente elettrica prodotta da fonti rinnovabili entro il 2030. Questa
trasformazione consentirebbe di arrivare ad eliminare ogni anno almeno 16 milioni di tonnellate di CO2
emesse dal settore elettrico, 4,5 milioni emesse dagli automezzi sostituiti con veb e 6,9 milioni dalle
abitazioni private della caldaia a gas, per un totale di circa 27,5 milioni di tonnellate CO2 ogni anno.
Questa semplice analisi naturalmente non costituisce un piano vero e proprio ma tende a mostrare la
fattibilità di quanto proposto, almeno per quella frazione preponderante dell’energia fossile importata dalla
Russia che ha già la possibilità concreta di essere sostituita con fonti pulite e autoprodotte. Abbiamo
trascurato la quota di gas russo utilizzata direttamente dalle industrie (circa 5 Mtep) ma stimiamo che
almeno per metà possa essere sostituita da corrente elettrica rinnovabile autogenerata dalle industrie
stesse o da reti locali, mentre per le applicazioni più “dure” (ad es. siderurgia, cemento, ceramica)
riteniamo che gli anni a venire vedranno l’applicazione di nuove tecnologie in corso di sviluppo e
implementazione.
Volutamente oltre al solare e all’eolico non sono stati presi in esame altri settori energetici alternativi al
fossile, quali le biomasse o il nucleare, per i motivi descritti brevemente in nota.
Alla fattibilità della nostra proposta va ovviamente affiancata la volontà politica di attuarla e di perseguirne
gli obiettivi. Il piano qui prospettato nelle sue linee generali è in sintonia sia con la Raccomandazione del
Consiglio dell’Unione Europea sul programma nazionale di riforma 2022 dell’Italia sia con il Piano REPower
EU in materia di espansione delle energie rinnovabili e di riduzione del consumo di combustibili fossili.
La prima, difatti, contiene un monito esplicito a Governo e Parlamento a far di più e meglio “per accelerare
e aumentare la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili stabilita nel Piano Nazionale per l’Energia e il
Clima”, che attende da troppo tempo di essere aggiornato. La raccomandazione esorta con forza: ad
adottare una strategia in materia di efficienza energetica per il settore edilizio “a medio e lungo termine che
comprenda misure più importanti in materia di efficienza energetica destinate alle imprese, in particolare al
settore industriale”; ad accelerare “la realizzazione di punti di ricarica per i veicoli elettrici e facendo
progredire i principali progetti ferroviari, ciclabili e di trasporto pubblico”; a coltivare una “maggiore
ambizione nel ridurre le emissioni di gas a effetto serra e aumentare le energie rinnovabili e l’efficienza
energetica per allineare l’Italia agli obiettivi del pacchetto “Pronti per il 55 %”.
Il Piano REPower EU propone l’innalzamento dal 40% al 45% dell’obiettivo principale per il 2030 per le
rinnovabili nell’ambito del pacchetto “Pronti per il 55%” e lo stanziamento di risorse aggiuntive pari a 20
miliardi di euro da utilizzare per investimenti finalizzati all’indipendenza ed alla sicurezza energetica.
Al netto della querelle sulla reale consistenza degli impianti autorizzati (3GW tra gennaio ed aprile secondo
il Ministro) e degli impianti da autorizzare (Confindustria ha chiesto autorizzazioni per 60 GW entro fine
giungo senza ottenerle), si accumulano invece preoccupanti ritardi nell’adozione di alcuni strumenti previsti
nel PNRR, quali ad esempio: la definizione della procedura per l’invio delle domande per i progetti di
sviluppo dell’agrovoltaico; l’apertura del bando e della piattaforma per inviare le candidature dei
progetti delle Comunità energetiche; l’identificazione delle potenziali aree idonee per le rinnovabili
innovative; la pubblicazione dei criteri di selezione delle aree idonee per produrre idrogeno in aree
industriali dismesse; la pubblicazione del bando per l’accesso al finanziamento dei progetti di sviluppo delle
infrastrutture di ricarica. L’eccezionalità del momento impone un deciso cambio di passo.
4
Nota
Volutamente non menzioniamo l’energia nucleare come possibile fonte energetica alternativa ai
combustibili fossili russi, e non solo per le sue pesanti controindicazioni ambientali e di sicurezza. La
costruzione di una centrale nucleare richiede enormi investimenti e almeno 15 anni per completare i lavori,
il che porrebbe il rilancio nucleare italiano fuori dall’orizzonte di questa analisi, che, al contrario, vuole
proporre azioni immediate e con orizzonte temporale al 2030.
In generale comunque non consideriamo affatto la fonte energetica nucleare “verde” perché, se è vero che
nelle centrali nucleari viene prodotta elettricità senza generare CO2, a monte e a valle se ne genera in
grandi quantità(per processare il combustibile, per costruire, e soprattutto per smantellare la centrale);
inoltre l’uranio non è una fonte energetica rinnovabile e le scorte di combustibile sono limitate; c’è
naturalmente il problema delle scorie che non ha al momento soluzione e quello dei gravi incidenti alle
centrali, come Chernobyl e Fukushima dimostrano; la dismissione di una centrale è un’impresa ancora più
costosa e lunga della sua costruzione e produce altre scorie molto difficili da gestire; i reattori di quarta
generazione di cui tanto si discute sono ancora sulla carta, per non parlare della fusione nucleare.
Infine, le centrali nucleari sono punti sensibili in caso di guerra, come ben dimostra l’attuale conflitto
Russia-Ucraina, e non solo perché bombardare una centrale nucleare mette in ginocchio il paese aggredito
che rimane senza elettricità, ma anche perché tiene con il fiato sospeso tutto il mondo, visto che
l’eventuale contaminazione radioattiva va ben al di là dei confini di quel paese.
Nel caso specifico dell’Italia, poi, c’è da considerare che il nostro Paese non è adatto al nucleare, essendo
un territorio densamente popolato e sismico, che non ha riserve di uranio e, ormai, non ha neanche più le
competenze per costruire e gestire una centrale nucleare, cosa che ci renderebbe dipendenti dalle nazioni
che hanno uranio e tecnologia.
Per quanto attiene alle biomasse da energia, si tratta di un settore quasi completamente dipendente dalle
sovvenzioni che non deve crescere perché riteniamo indispensabile che alberi e boschi aumentino di
numero e coprano ulteriori superfici, senza prelievi che non siano quelli sostenibili e limitati agli usi locali.
L’attuale boom del pellet di legno utilizzato per il riscaldamento domestico ha enormi impatti ecologici
(distruzione di foreste primarie) e sanitari (inquinamento dell’aria), e proprio le case scaldate a legna
dovrebbero essere per prime riconvertite alla coibentazione, alle termopompe e al solare. L’attuale crisi
bellica ha altresì messo in evidenza l’assurdità di togliere terreni agricoli alla produzione alimentare
destinandoli alla produzione di colture da biomassa, dotate di bassissima efficienza e anzi in molti casi
emettitrici di CO2 in misura superiore alle fonti fossili che vorrebbero sostituire.
Sitografia
https://www.repubblica.it/green-andblue/
2022/03/11/news/crisi_energetica_petrolio_russia_import_greggio-340980253
https://www.bruegel.org/2022/02/preparing-for-the-first-winter-without-russian-gas/
https://www.greenme.it/ambiente/energia/scelte-energetiche-italia-dipendenza-russia/
https://www.bruegel.org/2022/03/can-europe-manage-if-russian-oil-and-coal-are-cut-off/
https://italyforclimate.org/wp-content/uploads/Da-dove-viene-la-nostra-energia-Italy-for-Climate.pdf
5
https://www.qualenergia.it/articoli/2021-rinnovabili-non-crescono-eolico-fotovoltaico-mancano-120-twhper-
2030/
https://www.transportenvironment.org/wpcontent/
uploads/2022/05/final_202205_Briefing_How_Europe_cut_transport_oil_demand_2pager.pdf
La tabella sottostante riassume i dati disponibili, le ipotesi utilizzate e i valori riportati nel testo. Le prime
tre colonne presentano le quantità di energia da fonti fossili russe importate dal nostro Paese in valori
assoluti (Mtep) e in percentuale sul totale nazionale. La quarta colonna presenta il numero totale di
abitazioni con caldaia a gas e la percentuale di quelle dipendenti dal gas russo, da cui il numero di
ristrutturazioni da portare a termine. Nella successiva colonna il numero totale di autoveicoli e la
percentuale di quelli alimentati con petrolio russo, da cui il numero di veicoli elettrici da introdurre al loro
posto. La colonna elettricità infine presenta il totale di energia elettrica prodotto nel paese e, nell’ultima
colonna a destra, si riporta la quantità oggi prodotta da fonti energetiche rinnovabili. Applicando le
percentuali da carbone e gas russo si ricava l’elettricità rinnovabile aggiuntiva da mettere in rete. Tutti i
calcoli sono volutamente approssimati per facilitarne la comprensione.
Abitazioni
a gas (n)
Autoveicoli
(n)
Elettricità
(TWh)
FER(TWh)
Mtep Frazione 19 milioni 38 milioni 278 113 (41%)
Carbone
russo
3,6 52%
5% Ipotesi che il carbone russo finisca
tutto in elettricità, e che il carbone
produca il 10% della nostra
corrente.
Gas
russo
24 40% 18%
14% Ipotesi che il gas russo finisca in
abitazioni (18%) elettricità (14%)
e industrie (8%).
Petrolio
russo
8,4 12%
8%
Ipotesi che il petrolio russo finisca
per il 65% negli autoveicoli.
53 Elettricità rinnovabile da
mettere in rete (TWh)
3 Veicoli da sostituire con elettrici
(milioni)
3,5 Abitazioni da ristrutturare senza
più gas (milioni)

(Visited 13 times, 1 visits today)

Lascia un commento