Vai al contenuto

Nella nostra società la vita di pochi miliardari vale più della vita di migliaia di persone in fuga?

  • di

Perché nella nostra società la vita di pochi miliardari vale di più di quella di migliaia di persone in fuga?

I media hanno seguito minuto per minuto la sorte dell’equipaggio della nave Titan che si è immersa nelle profondità dell’Oceano Atlantico per ammirare il relitto del Titanic. Le forze di soccorso internazionali si sono mobilitate per cercarlo.[1] Ma altre due tragedie sono avvenute nello stesso periodo senza ricevere la stessa attenzione. Un’imbarcazione che trasportava 750 persone in cerca di rifugio e sicurezza è affondata al largo della Grecia. Un gommone è affondato mentre si dirigeva verso le Isole Canarie e si teme che 35 passeggeri siano morti.[2]

Non possiamo permettere che altre persone, famiglie e bambini muoiano nei nostri mari. L’Europa non può distogliere lo sguardo. Vogliamo un sistema che sostenga le missioni di salvataggio e rispetti i diritti delle persone in cerca di sicurezza. Aiutaci a raggiungere questo obiettivo, aggiungi ora la tua voce


Circa 600 persone sono morte a causa del crudele comportamento dell’Europa nei confronti delle persone che cercano un porto sicuro. Dobbiamo fare in modo che non succeda mai più. Che ne dici di unirti a noi? Firma ora

Alle 23 dello scorso martedì, una barca con ben 750 persone a bordo è affondata al largo delle coste greche. I soccorsi hanno impiegato 5 ore ad arrivare. Molti bambini sono morti e a malapena 100 persone si sono salvate.[1]

È un crimine, un omicidio di massa di circa 600 persone in mezzo al mare. Le vittime erano famiglie, bambini, persone come me e te. Meritavano di essere aiutati. Meritavano dignità e sicurezza. Ma le autorità non sono intervenute. Non deve succedere mai più, non possiamo permetterlo.

Per questo, il team di WeMove Europe sta unendo le proprie forze con organizzazioni da tutta Europa. Il primo passo sarà creare un’enorme coalizione di persone e insieme, fare in modo che i responsabili di questo disastro paghino. La polizia di frontiera europea sta uccidendo esseri umani. Un evento simile, un momento così tragico e drammatico, potrebbe essere un momento di svolta, per cambiare il crudele comportamento dell’Europa nei confronti delle persone in fuga.

Che ne dici di unirti a noi per assicurarti che simili tragedie non avvengano mai più in Europa?

Mai più morti in mare

Frontex, l’agenzia europea delle frontiere, per 14 ore ha saputo che la barca era in balia del mare. Per 12 ore la guardia costiera non si è mossa. Nessuna delle due è intervenuta prima che l’imbarcazione affondasse. Le persone sopravvissute hanno dichiarato che la guardia costiera avrebbe potuto salvare vite prima che la nave si capovolgesse.[2]

Affinché queste tragedie mortali non si ripetano:

  • I leader devono fermare il Patto europeo sulla migrazione (EU Migration Pact) e impedire che venga trascritto nelle leggi europee. Occorre sostituirlo con misure che proteggano le persone e mettano al primo posto gli esseri umani. Vogliamo un sistema migratorio che:
    • Rispetti i diritti delle persone in cerca di asilo;
    • Supporti le missioni di salvataggio in mare e ponga fine agli abusi dei diritti umani alle frontiere;
    • Suddivida la responsabilità dell’accoglienza dei rifugiati in maniera equa fra tutti i paesi europei;
  • Frontex deve essere sciolta immediatamente, e i finanziamenti destinati ad accogliere in maniera adeguata i rifugiati in pericolo sulle coste e alle frontiere europee;
  • I legislatori e le autorità devono pagare per aver permesso che queste persone morissero.

Più di una volta questa comunità ha dimostrato che, se agiamo insieme, nulla è impossibile. Proprio lo scorso anno, lo storico direttore di Frontex si è dimesso per via delle forti pressioni da parte della nostra comunità, degli europarlamentari, dei partner e degli attivisti.[3]

Possiamo ottenere questi risultati soltanto se uniamo le nostre forze. Servono quante più persone possibili dalla nostra parte.

Firma ora

Aleksandra (Varsavia), Anna (Londra), Manuel (Lanciano) e tutta la squadra di WeMove Europe

Riferimenti
[1] https://www.independent.co.uk/news/world/europe/mediterranean-libya-greece-boat-capsized-rescue-b2357978.html
[2]https://www.bbc.com/news/world-europe-65914476
[3] https://www.wemove.eu/it/victories/capo-delle-frontiere-europee-dimettiti?utm_source=civimail-55928&utm_medium=email&utm_campaign=20230619_IT

WeMove.EU è un movimento di cittadini, che si batte per un’Europa migliore; per un’Unione europea dedicata alla giustizia sociale ed economica, la sostenibilità ambientale, e per una democrazia concretamente diretta dai cittadini. Siamo individui di diverse provenienze, con diverse storie alle nostre spalle, che considerano l’Europa la propria casa, indipendentemente da dove siamo nati. Per non ricevere più aggiornamenti da WeMove, clicca qui.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Lascia un commento