Vai al contenuto

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di cancro (anche non polmonare)

  • di

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di cancro anche non polmonare

L’esposizione cronica agli inquinanti atmosferici, come il particolato fine (PM2.5) e il biossido di azoto (NO2) può aumentare il rischio di cancro non polmonare negli anziani. Lo ha scoperto uno studio della Harvard TH Chan School of Public Health, condotto su milioni di beneficiari di Medicare negli Stati Uniti

di Valentina Arcovio,  Environmental Epidemiology., Sanità informazione

L’esposizione cronica agli inquinanti atmosferici, come il particolato fine (PM2.5) e il biossido di azoto (NO2) può aumentare il rischio di cancro non polmonare negli anziani. Lo ha scoperto uno studio della Harvard TH Chan School of Public Health, condotto su milioni di beneficiari di Medicare negli Stati Uniti. i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione al PM25 e NO2 per un periodo di 10 anni ha aumentato il rischio di sviluppare tumori del colon-retto e della prostata. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che, anche bassi livelli di esposizione all’inquinamento atmosferico possono rendere le persone particolarmente suscettibili allo sviluppo di questi tumori, oltre a quelli al seno e all’endometrio. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Environmental Epidemiology.

L’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di cancro al seno, alla prostata, al colon-retto e all’endometrio

«I nostri risultati rivelano la plausibilità biologica dell’inquinamento atmosferico come fattore di rischio cruciale nello sviluppo di tumori specifici, avvicinandoci di un passo alla comprensione dell’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana», spiega Yaguang Wei, ricercatore presso il Dipartimento di Ambiente Salute di Harvard. «Per garantire un accesso equo all’aria pulita per tutte le popolazioni, dobbiamo definire completamente gli effetti dell’inquinamento atmosferico e quindi lavorare per ridurlo», aggiunge. Mentre l’inquinamento atmosferico è stato stabilito come un fattore di rischio per il cancro ai polmoni e sta emergendo un collegamento con il rischio di cancro al seno, pochi studi hanno esaminato i suoi effetti sul rischio di cancro alla prostata, al colon-retto e all’endometrio.

Lo studio ha incrociato i dati sanitari con quelli relativi all’esposizione all’inquinamento

I ricercatori hanno analizzato i dati dei beneficiari di Medicare di età pari o superiore a 65 anni, raccolti dal 2000 al 2016. All’inizio dello studio nessun partecipante aveva il cancro. I ricercatori hanno creato gruppi separati per ogni tipo di tumore al seno, del colon-retto, dell’endometrio e della prostata, ognuno dei quali era composto tra 2,2 milioni e 6,5 milioni di soggetti. Attingendo a una varietà di fonti di dati sull’inquinamento atmosferico, i ricercatori hanno sviluppato una mappa predittiva delle concentrazioni di PM2,5 e NO2 negli Stati Uniti. Questa è stata poi collegata ai codici postali residenziali dei beneficiari per consentire ai ricercatori di stimare le esposizioni individuali su un periodo di 10 anni. I risultati dell’analisi hanno mostrato che le esposizioni croniche a PM2.5 e NO2 aumentano il rischio di sviluppare tumori del colon-retto e della prostata, ma non sono associate al rischio di cancro dell’endometrio.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Lascia un commento