Vai al contenuto

A volte la verità giudiziaria è un finale che lascia l’amaro in bocca

  • di

SARDEGNA: TERRE A PERDERE

17 Ottobre 2023 

Documentario sull’impatto dei poligoni militari.

di Redazione Pressenza (*) da La Bottega del Barbiere, blog

Ci sono storie che vanno raccontate perché a volte la verità giudiziaria è un finale che lascia l’amaro in bocca.

“Terra a perdere” è un documentario polifonico che vuole dare voce a quanti in Sardegna subiscono i danni delle basi militari e non trovano eco. Un reportage che ha richiesto due anni di lavoro e che spesso si è scontrato con la stanchezza di chi da accusatore è diventato accusato e non ha più voglia di parlare.
Allo stesso tempo, registra un forte fermento culturale, giovane e alternativo, pronto a prendere in mano i temi della protesta.

A novembre 2021 il tribunale di Lanusei ha assolto i generali che si sono succeduti a capo del poligono militare di Quirra (il PISQ) tra il 2002 e il 2010 e che erano a processo per “omissione dolosa aggravata di cautele contro infortuni e disastri”.
A distanza di due anni, le motivazioni che hanno portato a questa decisione non sono ancora note, nonostante la legge italiana preveda la pubblicazione entro 3 mesi.

Di dominio pubblico però ci sono i numeri: secondo la relazione di minoranza presentata alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio e i poligoni dal deputato ed ex presidente di Regione Sardegna, Mauro Pili, sono 168 i pastori e i militari che si sono ammalati di tumori emolinfatici intorno alla base.
Oggi sono quasi tutti morti.

Indipendentemente dall’esito giudiziario, le indagini hanno permesso di aprire una finestra sulle attività segrete che si svolgevano all’interno del PISQ. Come le esercitazioni con i missili Milan, la cui pericolosità era nota dagli anni ’90 perché impiegavano tracciatori radioattivi al torio; o lo smaltimento di armi e munizionamento obsoleto tramite interramento ed esplosione. Pratica che sollevava colonne di fumo alte centinaia di metri e disperdeva nell’aria nanoparticelle di metalli pesanti.
Un cocktail letale che chiamano inquinamento bellico.

Nulla l’inchiesta giudiziaria ha potuto svelare sui test che, ancora oggi, le maggiori multinazionali effettuano sui nuovi armamenti. Su questo c’è il segreto più totale. Anche riguardo ai pericoli che potrebbe correre la popolazione.
E con la fine del processo sui veleni di Quirra è calato nuovamente il silenzio su queste tematiche. In attesa dell’apertura, a gennaio 2024, del procedimento per “disastro ambientale colposo” che vede alla sbarra cinque generali che si sono avvicendati al comando del poligono di Capo Teulada.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Lascia un commento