Vai al contenuto

Amnesty International

  • di
Immagina di trascorrere metà della tua vita in carcere per un reato che ti ostini a dichiarare di non aver mai commesso. Immagina che l’unica prova contro di te sia una testimonianza falsa, ritrattata.    È la storia di Leonard Peltier, attivista del Movimento indiano americano, organizzazione che promuove i diritti dei nativi americani.  Nel 1975, in South Dakota ci fu uno scontro tra sostenitori del Movimento e le forza di polizia, dove morirono due agenti dell’Fbi.   Nonostante diversi dubbi sull’equità del processo, Peltier fu giudicato colpevole dell’uccisione dei due agenti e condannato a due ergastoli.   Peltier ha sempre affermato di essere innocente. L’unica prova contro di lui è una testimonianza ritrattata poco dopo. La testimone, infatti, dichiarò pubblicamente che la sua versione originale dei fatti era stata estorta dopo minacce e molestie da parte dell’Fbi.    Oggi Peltier è detenuto in Florida, solo e lontano dalla sua famiglia. Ha 78 anni, nel 2022 ha contratto il Covid-19 e ha diversi disturbi cronici di salute, tanto che i medici lo ritengono in pericolo di vita.    Chiediamo al presidente Biden di concedergli la grazia, sia per motivi umanitari che per una questione di giustizia.   Rettangolo con angoli arrotondati: FIRMA IL NOSTRO APPELLO
Together with amnesty.org
(Visited 13 times, 1 visits today)

Lascia un commento