Vai al contenuto

Nativo americano difensore dei diritti umani di tutti gli esseri umani da 47 anni prigioniero innocente

  • di

del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo.

Dico subito la cosa che vorrei chiedere a tutte e tutti voi: un nuovo o rinnovato impegno per la liberazione di Leonard Peltier, l’illustre attivista nativo americano difensore dei diritti umani di tutti gli esseri umani e dell’intero mondo vivente, da 47 anni prigioniero innocente.
Sono un vecchio militante che ricorda vividamente – ero allora assai giovane – l’occupazione di Alcatraz sul finire degli anni Sessanta, il “Sentiero dei trattati infranti” culminato nell’occupazione del Bureau of Indian Affairs nel 1972, e soprattutto l’occupazione e l’assedio di Wounded Knee del 1973. E’ da allora che anch’io sento il dovere di sostenere la lotta delle popolazioni native nordamericane contro il genocidio, l’etnocidio e l’ecocidio di cui sono vittima (e con loro l’umanita’ intera e l’intero mondo vivente) da parte del potere razzista, stragista, rapinatore e devastatore bianco. Lungo oltre mezzo secolo non ho saputo fare granche’, se non impegnarmi qui in Italia in iniziative che credo siano state almeno coerenti con quella lotta, nella convinzione che tutto si tiene, che tutto e’ collegato, o per dirla con una luminosa espressione Lakota: “Mitakuye Oyasin”.
Sono stato un lettore di “Akwesasne Notes”, la bella, indimenticabile rivista che negli anni ’70-’90 fu primario strumento d’informazione su quelle lotte, su quelle esperienze di pensiero e azione. E credo sia stato attraverso “Akwesasne Notes” che conobbi la vicenda di Leonard Peltier. Successivamente, come molte altre persone, lessi il libro di Edda Scozza, quello di Peter Matthiessen e la sua autobiografia.
Da un paio d’anni il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo si sta particolarmente impegnando nella mobilitazione nonviolenta internazionale per la liberazione di Leonard Peltier, ed io con esso.
Leonard Peltier e’ detenuto innocente ormai da 47 anni, e la sua salute e’ gravemente deteriorata. Dal carcere ha continuato a lottare con gli strumenti della testimonianza e della parola, della poesia e dell’arte, per i diritti dei popoli oppressi, per i diritti umani di tutti gli esseri umani, per la Madre Terra.
Come e’ noto la sua liberazione e’ stata chiesta nel corso degli anni da personalita’ illustri come Nelson Mandela e madre Teresa di Calcutta, come papa Francesco e il Dalai Lama, da istituzioni come il Parlamento Europeo, da associazioni umanitarie come Amnesty International, da milioni (si’, milioni) di persone di tutto il mondo.
E come e’ altrettanto noto la sua liberazione dipende unicamente dalla concessione della grazia presidenziale da parte del Presidente degli Stati Uniti d’America, a cui quotidianamente pervengono richieste a tal fine (tra le piu’ recenti: quella della Commissione giuridica ad hoc dell’Onu; quella unanime del Comitato nazionale del Partito Democratico degli Stati Uniti – il partito cui lo stesso Presidente Biden appartiene).
Dalla provincia italiana non si puo’ fare molto, ma quel poco che si puo’ fare va fatto.
Cosa chiedo dunque in concreto alle persone amiche – ed alle altre ancora – cui indirizzo questa lettera? Tre cose.
La prima, far conoscere la vicenda di Leonard Peltier e diffondere l’appello per la sua liberazione.
La seconda, scrivere al Presidente degli Stati Uniti d’America per chiedergli di concedere la grazia che restituisca la liberta’ a Leonard Peltier.
La terza, scrivere a Leonard Peltier e al comitato internazionale che lo sostiene, l’International Leonard Peltier Defense Committee, per esprimere loro il proprio sostegno.
Tutto qui.
*
Per scrivere al Presidente degli Stati Uniti d’America: nel sito della Casa Bianca aprire la pagina attraverso cui inviare lettere: https://www.whitehouse.gov/contact/
Per scrivere a Leonard Peltier l’indirizzo e’: Leonard Peltier, #89637-132, USP Coleman I, P.O. Box 1033, Coleman, FL 33521; trattandosi di un carcere di massima sicurezza possono essere inviate solo lettere postali, e nessun oggetto.
Per scrivere all’International Leonard Peltier Defense Committee: e-mail: contact@whoisleonardpeltier.info
*
Grazie per l’attenzione, e un cordiale saluto da

Giobbe Santabarbara

Viterbo, 3 aprile 2023

* * *

Giobbe Santabarbara e’ dagli anni Settanta un collaboratore del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo.
Questa lettera e’ diffusa dal “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, e-mail: centropacevt@gmail.com

* * *

(Visited 19 times, 1 visits today)

Lascia un commento