Uncategorized

Incel ovvero la lotta di classe senza classi e le moltitudini di solitudini

Almeno sei omicidi di massa sono stati commessi dal 2014 da uomini che si sono auto-identificati come incel o che avevano menzionato nomi e scritti legati ad incel nei loro manifesti o post su Internet. Oggi il termine incel è usato principalmente da uomini eterosessuali, che hanno difficoltà nelle relazioni con le donne e che incolpano di ciò la società e le donne stesse.
Si parte da un disagio originariamente privato, che in seguito nel web trova camere di espansione che soffiano sul fuoco, specialmente del sentimento della rabbia inteso nel suo senso più puro, ovvero l’essere privati di risorse. È in questo senso che si può dire che le dinamiche psicosociali amplificate dal web conducono a una pseudo-lotta di classe senza classi, senza oppressi e soprattutto confinata in moltitudini di solitudini.

Quantum City : verso una visione del mondo quantistica Relatore : Sergio Berti , 7-7-21

Primo di quattro incontri dedicati alla Quantum City. Una serie di ricerche effettuate su edifici storici e talvolta sulla urbanistica relativa, a partire dai Sumeri fino alla fine del diciannovesimo secolo, hanno consentito a Sergio Berti di evidenziare la tecnica progettuale geometrica ricorrente utilizzata, basata sulle forme della Natura, il… Leggi tutto »Quantum City : verso una visione del mondo quantistica Relatore : Sergio Berti , 7-7-21

Scoprire tutto ? E’ impossibile

Riprendiamo da Avvenire del giorno 11 luglio 2021 questi due articoli del Prof. Vincenzo Balzani ” Scoprire tutto ? Impossibile ” e ” Combustibili fossili da superare “

L’appello di Marco, operaio fiorentino: «Non chiamiamole morti bianche. Non c’è nulla di candido»

«Ho deciso di lanciare un appello – ha scritto Marco Bazzoni, fiorentino, operaio metalmeccanico e rappresentante dei lavoratori per la sicurezza – perché queste tragedie inaccettabili non vengano più chiamate morti bianche, ma con il termine più appropriato, cioè morti sul lavoro o omicidi sul lavoro.Perché il termine morti bianche è… Leggi tutto »L’appello di Marco, operaio fiorentino: «Non chiamiamole morti bianche. Non c’è nulla di candido»

I tanti coni d’ombra

Autore: Francesco Domenico Capizzi Nonostante le reiterate raccomandazioni igienico-comportamentali, individuali e comunitarie, e l’interposizione di alcune limitazioni di tipo organizzativo, la decisione del Governo di riaprire le attività commerciali e culturali in quasi tutto il Paese suscita una serie di precipue preoccupazioni di tipo socio-sanitario: I° – sebbene alcuni parametri… Leggi tutto »I tanti coni d’ombra